Getty Images

La legge dell’ex colpisce l’Udinese: l’Atalanta espugna la Dacia Arena con tripletta di Zapata

La legge dell’ex colpisce l’Udinese: l’Atalanta espugna la Dacia Arena con tripletta di Zapata

Il 09/12/2018 alle 16:57Aggiornato Il 09/12/2018 alle 18:12

Il colombiano è assoluto protagonista alla Dacia Arena segnando tutti e tre i gol che regalano all'Atalanta il sesto posto in classifica. Udinese spenta, nonostante il gol del momentaneo pareggio di Lasagna e il palo nel secondo tempo di Fofana.

Il ciclone Zapata si abbatte sull'Udinese. La tripletta del colombiano, ex "ingrato" di giornata, fa volare l'Atalanta alla Dacia Arena, con un 3-1 meritato e che restituisce alcune certezze perdute alla squadra di Gasperini. La Dea non gioca una gara perfetta ma è efficace e punisce un'Udinese rinunciataria e senza idee dalla trequarti in avanti. Ai bianconeri non bastano il gol di Lasagna, troppo isolato, e il palo improvviso di Fofana in una ripresa dominata dall'Atalanta. La squadra di Nicola resta al quart'ultimo posto, la Dea torna a respirare aria d'Europa agguantando la sesta piazza.

La cronaca del match

Nicola schiera a sorpresa D’Alessandro al fianco del recuperato Lasagna, mentre nell’Atalanta ce la fa Toloi e gioca ancora Rigoni al posto dello squalificato Ilicic. Alla Dacia Arena si parte col botto e la Dea passa al primo affondo. Corner di Gomez, spizzata del “solito” Toloi e deviazione vincete di Duvan Zapata, al secondo gol dell’ex di fila dopo quello al Napoli. L'Atalanta continua a fare la partita, ma la prima distrazione costa caro. D'Alessandro se ne va sulla destra lasciando Masiello sul posto e mette un pallone rasoterra in mezzo che Lasagna, eludendo la marcatura di Palomino e Toloi, spinge in rete in scivolata. Uno a uno. La partita, gradevole fino a quel punto, si spegne un po'. De Paul e Gomez, gli uomini di maggiore qualità delle due squadre, faticano ad accendersi e le occasioni latitano da una parte e dalla'altra. Il tempo si chiude con un destro di Zapata che trova solo l'esterno della rete.

Rodrigo De Paul - Serie A 2018-2019

Rodrigo De Paul - Serie A 2018-2019Getty Images

Si riprende con lo stesso copione. Il primo tiro è un esterno destro di Toloi, sempre un fattore anche in fase offensiva. Ma la sua conclusione è alta. L'ingresso di Barrow porta un po' di vivacità e poco dopo l'ora di gioco l'Atalanta passa ancora. Hateboer si invola sulla destra e pesca Barrow in area, il gambiano perde il tempo per il tiro ma il pallone arriva dalle parti di Zapata che da pochi passi non può sbagliare. L'Udinese ora fatica e traballa sempre più. Musso para ancora su Barrow, poi Masiello non trova la porta di testa sugli sviluppi di un corner. Il palo quasi estemporaneo di Fofana con Berisha battuto suona da campanello d'allarme per la Dea che subito dopo chiude la partita. Hateboer sradica un pallone a centrocampo, si invola centralmente e serve Zapata. Il colombiano apre il piattone, fa palo e gol. Game, set and match. C'è spazio ancora per un'uscita spericolata di Berisha e un'occasione clamorosa per Barrow, che calcia malamente a lato dopo il suggerimento di Zapata. A Udine ride l'Atalanta.

La statistica

Il tweet

Il migliore

Duvan ZAPATA - Scelta facile. Prima tripletta in Serie A e prestazione dominante a livello fisico per tutti i 90 minuti. Dopo un inizio di campionato sottotono ha segnato quattro gol nelle ultime due partite. Le ambizioni europee dell'Atalanta passano inevitabilmente da prestazioni come quelle di oggi.

Il peggiore

William TROST-EKONG – Zapata lo fa impazzire con la sua fisicità, lui è spesso costretto al fallo per evitare grane. In marcatura non è certo esemplare, vedi anche il secondo gol subito.

Il tabellino

Udinese-Atalanta 1-3

Udinese (3-5-2): Musso; Stryger-Larsen, Nuytinck, Troost-Ekong; Ter Avest, Fofana, Mandragora, De Paul, G. Pezzella (74’ Vizeu); D’Alessandro (65’ Pussetto), Lasagna. All. Nicola

Atalanta (3-4-2-1): Berisha; Toloi, Palomino, A. Masiello; Hateboer, Freuler, De Roon, Gosens (78’ Castagne); Rigoni (58’ Barrow), A. Gomez; D. Zapata. All. Gasperini

Marcatori: 2’, 62’, 80’ Zapata, 12’ Lasagna

Ammoniti: Stryger-Larsen, Masiello

Video - Da Milinkovic Savic a Perisic, le 7 delusioni di questi primi mesi di Serie A

01:28
0
0