Getty Images

La Roma sale in zona Champions League: 3-2 al Torino in un match vibrante

La Roma sale in zona Champions League: 3-2 al Torino in un match vibrante

Il 19/01/2019 alle 16:56Aggiornato Il 19/01/2019 alle 17:28

I giallorossi si portano sul 2-0 grazie a Zaniolo e a un rigore di Kolarov, i granata rimontano con Rincon e Ansaldi, poi il gol decisivo è di El Shaarawy. La formazione di Di Francesco è momentaneamente quarta. Ansia per Ünder, out dopo soli 6 minuti per un problema muscolare.

Dalle parole al calcio giocato, dalle polemiche ai gol. Cinque, per la precisione. La Serie A torna in grande stile, con un anticipo che la Roma si porta a casa battendo per 3-2 un Torino indomito, valoroso e capace di recuperare momentaneamente un doppio svantaggio. Di El Shaarawy il punto decisivo a un quarto d'ora dalla conclusione, dopo che una perla di Zaniolo e un rigore di Kolarov avevano concretizzato la fuga giallorossa e la coppia di centrocampo Rincon-Ansaldi aveva illuso i granata. Un match vibrante, deciso dai classici episodi: la rete di El Shaarawy, appunto, ma anche i centimetri che nel finale separano Belotti e l'incrocio di Olsen dal possibile 3-3. È un successo che vale oro per la formazione di Di Francesco, che si porta momentaneamente in quarta posizione, in piena zona Champions League, superando in un colpo solo Milan e Lazio. L'unica macchia del pomeriggio è l'uscita per infortunio di Ünder, out dopo appena 6 minuti per un problema al quadricipite. Nelle prossime ore se ne saprà di più.

La cronaca della partita

I primi minuti giallorossi sono pessimi: Ünder sente tirare il quadricipite dopo uno scatto e deve lasciare il posto a El Shaarawy. Il Torino parte meglio, sembra poter sorprendere, ma poi si spegne pian piano. E la Roma ne approfitta per alzare la pressione e passare in vantaggio: è il 15' quando Zaniolo viene servito in area da una sponda di Fazio, trova pronto Sirigu ma poi, sulla ribattuta, lo fulmina calciando da terra. L'1-0 sblocca gli uomini di Di Francesco, che al 34' raddoppiano: segna Kolarov su rigore, concesso per un netto atterramento di Sirigu su El Shaarawy. Monologo giallorosso nel finale di tempo: lo stesso Faraone e Kluivert vanno vicini al tris. Ma a pochi secondi dal termine il Torino ha la più grande chance dei primi 45': Belotti lancia in contropiede Iago Falque, che davanti a Olsen trova il palo esterno.

L'esultanza di Zaniolo in Roma-Torino, Serie A

L'esultanza di Zaniolo in Roma-Torino, Serie AGetty Images

La ripresa si apre con un gol fallito da Dzeko da un metro, ma il momento è favorevole al Torino, a un passo dal 2-1 con Aina. A trovare la rete è invece Rincon, il cui interno destro non dà scampo a Olsen. Mazzarri inserisce Zaza e Ansaldi, su punizione, fa venire i brividi alla Roma. Tutto rimandato al 67', quando lo stesso argentino fa partire un tiro al volo che Olsen vede partire in ritardo, firmando un meritato 2-2. Ma non è che un'illusione, perché al 75' El Shaarawy firma il gol decisivo: imbucata di Pellegrini per il Faraone e destro imparabile da posizione ravvicinata. Dzeko manca il poker, ma la vera chance capita a Belotti: acrobazia al volo su assist di Berenguer e palla a lato di un niente. Finisce 3-2 per la Roma, quarta almeno per una notte.

La statistica chiave

La Roma ha trovato il terzo successo consecutivo in Serie A, tanti quanti ne erano arrivati nelle precedenti 10 partite (fonte: dati Opta).

Il tweet

Il migliore in campo

Zaniolo. Gioca un primo tempo semplicemente lussuoso, non sbagliando nulla, offrendo giocate di gran classe e firmando lo splendido 1-0. Cala nella ripresa, ma il suo l'aveva ampiamente già fatto.

Il peggiore in campo

Iago Falque. Un fantasma. Vaga per il cambio senza trovare mai la giocata giusta e, davanti a Olsen, centra il palo esterno. Il primo cambio tecnico-tattico della gara, non a caso, coinvolge lui.

La dichiarazione

Eusebio Di Francesco: "La rimonta subita? Dovevamo essere più bravi a tenere palla. I giovani hanno tanta voglia, ma manca la capacità di addormentare le partite".

Il tabellino

Roma (4-2-3-1): Olsen; Karsdorp (80' Santon), Manolas, Fazio, Kolarov; Cristante, Pellegrini; Ünder (6' El Shaarawy), Zaniolo, Kluivert (72' Schick); Dzeko. All. Di Francesco

Torino (3-4-3): Sirigu; Lyanco (83' Berenguer), Nkoulou, Djidji; De Silvestri, Rincon, Ansaldi, Aina; Iago Falque (55' Zaza), Belotti, Parigini (75' Edera). All. Mazzarri

Arbitro: Piero Giacomelli di Trieste

Gol: 15' Zaniolo (R), 34' rig. Kolarov (R), 51' Rincon (T), 67' Ansaldi (T), 73' El Shaarawy (R)

Note: ammoniti Kluivert, Cristante, Lyanco, Rincon, Belotti

Video - Da Nainggolan a Dzeko: la flop 11 del girone di andata

01:59
0
0