Le pagelle di Chievo-Milan 1-2: Biglia super, Paquetà stanco. Male Conti, Giaccherini lottatore

Il 09/03/2019 alle 23:32Aggiornato Il 10/03/2019 alle 09:07

Diamo uno sguardo ai migliori e ai peggiori in campo del match del Bentegodi. Biglia segna un gol capolavoro e si fa valere anche in cabina di regia. Molto positiva la prova di Castillejo, mentre Suso stecca ancora una volta. Conti non ripaga la fiducia di Gattuso e Piatek si conferma implacabile. Tra i gialloblù prova da dimenticare per Diousse.

CHIEVO

Stefano SORRENTINO 6 - Sulla punizione di Biglia resta immobile, ma in ogni caso non ci sarebbe mai arrivato. Non riesce a trattenere la zampata di Piatek, ma la deviazione del polacco è troppo ravvicinata per addebitargli qualche responsabilità. Troppo nervoso nel finale.

Fabio DEPAOLI 5,5 - Nel primo tempo Castillejo lo fa soffrire non poco, va meglio nella ripresa quando lo spagnolo allarga il raggio della propria azione e svaria su tutto il fronte offensivo.

Mattia BANI 5,5 - Partita senza grosse sbavature, fatta eccezione per la dormita (da condividere con il resto dei compagni) in occasione della rete di Piatek che decide la partita.

dall'88' Manuel PUCCIARELLI s.v. - In campo per pochi minuti, non giudicabile.

Marco ANDREOLLI 5 - Dopo un quarto d'ora Kessie lo brucia in velocità in maniera disarmante in piena area di rigore, non il massimo per un difensore. Prova a rimanere a galla ma va in tilt sull'azione del 2-1 del Milan.

Federico BARBA 5,5 - Contro un Suso che gioca al rallentatore, il suo compito non era certo dei più complicati. Tiene bene la posizione e raramente si fa saltare. Mezzo voto in meno perché nel finale sbaglia una quantità infinita di rilanci e di appoggi.

Video - Di Carlo: "La VAR ha deciso la partita, se avessimo avuto le maglie rossonere avremmo vinto 2-0"

Medhi LERIS 6 - Suo l'assist per il gol di Hetemaj che regala il pareggio al Chievo. Bravo a giocare tra le linee e a cercare il servizio in profondità per i compagni. Decisamente meno bravo quando tenta la conclusione personale.

Assane DIOUSSE 5 - Fa una sola cosa buona in tutta la partita. Salta nettamente Conti sulla sinistra propiziando l'ammonizione del terzino rossonero. Per il resto tanti falli e poche idee.

dal 77' Sofian KIYINE 6 - Guadagna la sufficienza grazie all'ottimo numero sulla sinistra: finta su Calabria e cross a centro area non sfruttato da nessuno. Forse andava inserito prima.

Perparim HETEMAJ 6,5 - Gol da vero attaccante: ruba il tempo a Conti in piena area e spedisce la palla dove Donnarumma proprio non può arrivare. Cuore di capitano, lotta fino all'ultimo su ogni pallone.

Emanuele GIACCHERINI 6 - Si sdoppia perché fa sia il trequartista, sia il guastatore andando in pressing alto su Biglia. Inevitabilmente si spegne alla distanza ma la sua resta una prestazione positiva.

Mariusz STEPINSKI 5 - Non si vede praticamente mai. Non riesce a liberarsi al tiro e non si rende particolarmente utile nemmeno nel gioco di sponda.

Riccardo MEGGIORINI 5,5 - Mezzo voto in più rispetto a Stepinski perché ha l'alibi di non essere al top della condizione fisica. Di lui si ricorda solo un sinistro altissimo dal limite dell'area. Poi diventa protagonista suo malgrado dell'episodio che porta all'espulsione di Gattuso.

dal 77' Filip DJORDJEVIC s.v. - Prova a mettere in apprensione la difesa del Milan nel finale ma non riceve un solo pallone giocabile.

All.: Domenico DI CARLO 6 - La salvezza resta una missione impossibile, ma il suo Chievo è davvero una squadra che non molla mai. Chiude bene le corsie laterali rendendo molto complicata la manovra del Milan sugli esterni. Manca la reazione dopo l'1-2 di Piatek, ma onestamente era difficile chiedergli qualcosa di più.

Mehdi Leris e Diego Laxalt - Chievo-Milan Serie A 2018-19Getty Images

MILAN

Gianluigi DONNARUMMA 6 - Hetemaj trova un angolo incredibile e mette la palla dove lui proprio non può arrivare. Reattivo nella ripresa quando respinge a mano aperta un traversone insidioso dello stesso capitano del Chievo.

Andrea CONTI 5 - Gattuso lo schiera titolare ma il suo rendimento è nettamente insufficiente. Perde la marcatura di Hetemaj in occasione del gol del Chievo, sbaglia un paio di appoggi semplici e rimedia un'ammonizione evitabile dopo essersi fatto saltare nettamente da Diousse.

dal 64' Davide CALABRIA 6 - Presidia la corsia di destra respingendo l'assalto finale del Chievo. Si fa saltare con troppa facilità da Kuiyine ma rimedia con un paio di chiusure efficaci.

Mateo MUSACCHIO 6,5 - Con Romagnoli forma ormai una coppia rodata e affiatata. Ottimo senso della posizione: si fa trovare pronto su un paio di traversoni insidiosi nel cuore dell'area di rigore

Alessio ROMAGNOLI 6,5 - Il capitano rossonero sfodera un'altra prova impeccabile. Attento nelle chiusure, nel finale sfiora il gol da urlo con una deviazione di tacco che finisce a lato di un niente.

Diego LAXALT 5,5 - Senza infamia e senza lode, tiene la posizione ma spinge troppo poco. Concede troppo facilmente il cross a Leris in occasione del gol di Hetemaj, ma era stato raddoppiato e poteva fare ben poco.

Frank KESSIE 6 - Eccezionale quando riparte palla al piede in contropiede e quando difende il pallone. Da censura al momento della conclusione: nel primo tempo non inquadra lo specchio della porta da ottima posizione, nel secondo tempo spara a lato un destro dal limite facile facile.

Lucas BIGLIA 7 - Torna titolare dopo una vita e gioca una partita di assoluta qualità. Sblocca il risultato con una punizione perfetta fulminando Sorrentino con una parabola nel sette. Molto bene in regia, nel finale si rende utile anche in fase di interdizione.

Lucas PAQUETÀ 5,5 - In debito d'ossigeno. Cerca sempre la verticalizzazione ma con risultati deludenti e si fa saltare con troppa facilità. Ha il merito di conquistare la punizione poi trasformata magistralmente da Biglia.

dal 54' Hakan CALHANOGLU 6 - Prestazione indecifrabile del turco che alterna cose buone a errori inspiegabili. L'azione del 2-1 parte da lui, ma quando arriva ai sedici metri si perde.

SUSO 5 - Mai uno spunto degno di nota, rarissime accelerazioni e conclusioni sballate. Lo spagnolo non riesce a risollevarsi da un periodo buio. Dovrebbe essere il valore aggiunto di questa squadra, ma non riesce a incidere.

dall'84' Fabio BORINI s.v. - In campo per pochi minuti, non giudicabile.

Krzysztof PIATEK 6,5 - Nel primo tempo non gli arriva mezzo pallone giocabile. Nella ripresa sfrutta alla perfezione una sponda aerea di Castillejo e decide la partita con una zampata da bomber vero. I gol stagionali con il Milan diventano 8. E si gode una serata in cima alla classifica cannonieri con Ronaldo e Quagliarella.

Samuel CASTILLEJO 7 - Nel primo tempo è l'unico tra i rossoneri che cerca di saltare l'uomo e inventarsi qualcosa. Nella ripresa svaria su tutto il fronte offensivo e non a caso è proprio lui a confezionare l'assist per la rete di Piatek.

All.: Gennaro GATTUSO 5,5 - Lascia la squadra senza guida tecnica dopo poco più di mezz'ora in vantaggio 1-0. Un'ingenuità che potrebbe costargli il derby e che guasta in parte la festa per il quinto successo di fila in campionato. Il suo Milan continua a correre.

Video - Gattuso: "Ringrazio i ragazzi che non mi mandano mai a quel paese, a partire da Montolivo"