LaPresse

Le pagelle di Fiorentina-Genoa 0-0: Chiesa è l'unico a provarci nella "non partita" del Franchi

Le pagelle di Fiorentina-Genoa 0-0: Chiesa è l'unico a provarci nella "non partita" del Franchi

Il 26/05/2019 alle 23:19Aggiornato Il 26/05/2019 alle 23:22

Diamo i voti al "match della paura". Praticamente una non partita, in cui i 22 giocatori in campo attendevano notizie da Inter-Empoli. Chiesa, insieme a Milenkovic, è uno dei pochissimi a distinguersi. Criscito e Bessa, nel Genoa, in preda alla tensione. Prandelli affida la salvezza a un santo in particolare: San Siro...

=== Fiorentina ===

Alban LAFONT 5: fa correre un brivido di troppo, come ormai d'abitudine, alla sua difesa, regalando nella seconda parte del primo tempo un pallone alla combinazione Pandev-Bessa, rimediando successivamente.

Nikola MILENKOVIC 6,5: il più positivo della difesa viola: ottimi i suoi traversoni e i tentativi da fuori. Non si risparmia mai in marcatura.

Vitor HUGO 6: gara diligente, al centro della retroguardia, senza prendersi troppi rischi.

German PEZZELLA 5,5: non sempre pulito in marcatura, compie qualche imprecisione al cospetto del tandem Pandev-Kouamé.

Cristiano BIRAGHI 6: generoso sulla mancina. Tuttavia, al 35' rischia l'autorete con una spizzata malandrina sulla velenosa punizione di Veloso.

GERSON 6: trotterella a metà campo tra un tocco morbido e un tentativo di giocata. Questa sera, di più, non era possibile fare.

Jordan VERETOUT 6: in zona nevralgica non si risparmia, nonostante l'enorme tasso di tensione del match.

Dal 90' Bryan Dabo: sv.

Riccardo BENASSI 6: partecipa alla "melina" viola senza commettere errori in fase di appoggio.

EDIMILSON 5: gara da "chi l'ha visto" tra le linee di attacco e centrocampo.

Luis MURIEL 6: qualcosa di buono lo combina, là davanti, duettando bene con Chiesa.

Federico CHIESA 6,5: uno dei pochi a sbattersi per davvero, in campo, tra guizzi offensivi e conclusioni da fuori.

Mister Vincenzo MONTELLA (squalificato, in panchina Daniele RUSSO) 5: capisce che è l'anno sbagliato per essere spavaldi e si salva con la melina, al mnimo sindacale. Che fatica, però.

=== Genoa ===

Ionut RADU 6: buone uscite in presa alta. I compiti di oggi, a dire il vero, non erano insormontabili.

Davide BIRASCHI 6: protagonista di discrete chiusure offensive.

Cristian ROMERO 6: tallona con caparbietà Chiesa. Comunque meritevole.

Ervin ZUKANOVIC 6: poche sbavature. Controlla con attenzione Muriel ed Edimilson.

Pedro PEREIRA 6: grande corsa lungo l'out di destra. Anche un paio di cross tesi. Esce dal campo con qualche guaio muscolare.

Dall'80' Antonio Sanabria: sv.

Daniel BESSA 5: è uno di quelli che finisce nel calderone della paura. Gambe ingessate e tanto nervosismo per lui.

Dall'87' Esteban Rolon: sv.

Ivan RADOVANOVIC 6: distribuisce calcioni a tutto andare a metà campo. Insomma, per il tipo di serata, "fa il suo".

Miguel VELOSO 5,5: sui calci piazzati è insidioso. In movimento va al ralenti.

Domenico CRISCITO 4,5: il capitano, dall'alto della sua esperienza, dovrebbe essere l'uomo che trascina e tranquillizza. Risulta essere quello più teso.

Goran PANDEV 5,5: il paleggio c'è, il guizzo no.

Dall'84' Koray Günter: sv.

Christian KOUAME 5,5: isolato là davanti, fa meglio in fase di ripiego.

Mister Cesare PRANDELLI 5: decide di non giocarsela, affidando tutto a un santo in particolare: San Siro. Che in questo caso gli sorride. Certamente, al netto della paura, non un bel messaggio lanciato al (e dal) calcio italiano.

Video - Allegri, saluti e brindisi col sorriso: "I capelli? Non ce ne sono più, tanto valeva tagliare"

01:23
0
0