Getty Images

Le pagelle di Frosinone-Atalanta 0-5: Zapata mattatore, Mancini straordinario. Disastro Campbell

Le pagelle di Frosinone-Atalanta 0-5: Zapata mattatore, Mancini straordinario. Disastro Campbell

Il 20/01/2019 alle 15:40Aggiornato Il 20/01/2019 alle 17:37

L'attaccante colombiano segna in ogni modo, il difensore gioca a tutto campo ed è fondamentale in zona offensiva. Molto bene anche Pasalic, mentre a Ilicic manca continuità. Tra i giallazzurri si salvano solo Sportiello e Pinamonti. Da incubo il pomeriggio di Goldaniga, Chibsah non ne azzecca una.

FROSINONE

Marco SPORTIELLO 6,5 - Sembra incredibile a giudicare dal punteggio, ma l'unico a guadagnarsi un voto oltre la sufficienza tra i giallazzurri è proprio lui. Compie almeno 3 parate importanti ed evita un passivo ancora più pesante.

Nicolò BRIGHENTI 5 - In completa balia di Castagne, va in tilt ben presto vittima delle continue sovrapposizioni dell'Atalanta dalla sua parte.

Edoardo GOLDANIGA 4,5 - Zapata gli fa passare una giornata da incubo. Emblematica l'azione dello 0-3 quando il colombiano lo salta con troppa facilità.

Luka KRAJNC 4,5 - Non riesce ad arginare lo strapotere offensivo dell'Atalanta. Dalla sua parte agiscono spesso Hateboer e Ilicic, e sono dolori.

Paolo GHIGLIONE 5,5 - Parte bene con una bella iniziativa sulla destra, poi alla prima difficoltà sparisce dal campo come quasi tutti i suoi compagni di squadra.

Raman CHIBSAH 4,5 - Piedi ruvidi, visione di gioco inesistente e tantissimi errori: è tra i giocatori maggiormente presi di mira dai tifosi dello Stirpe.

Raffaele MAIELLO 5 - L'Atalanta pianta subito le tende a metà campo e per lui non c'è storia: galleggia tra De Roon e Pasalic senza capirci molto.

Luca VALZANIA 5 - Esordio peggiore con la maglia del Frosinone non poteva esserci. Vale lo stesso discorso fatto per Maiello: De Roon e Pasalic lo cancellano dal terreno di gioco.

dal 60' Francesco CASSATA 5 - Impatto zero sulla partita. Si adegua al clima di sfiducia generale e sprofonda insieme ai suoi compagni.

Cristian MOLINARO 5 - Nel primo tempo è uno dei pochi che prova a spingere: mette anche un traversone interessante non sfruttato da Chibsah. Non ha i 90 minuti nelle gambe ed è il primo a essere sostituito da Baroni a inizio ripresa.

dal 55' Andrea BEGHETTO 5 - Si vede solo nel finale quando tenta un improbabile sinistro al volo a incrociare dal limite dell'area: esito da dimenticare.

Joel CAMPBELL 4 - Oggetto misterioso, litiga col pallone e sembra un pesce fuor d'acqua. Disastroso il bilancio della prima annata del 26enne costaricano, che non è ancora riuscito a trovare la via del gol. Esce nel finale tra i fischi.

dall'85' Luca MATARESE s.v. - Entra negli ultimi minuti, troppo poco per essere giudicato anche se rimedia un'ammonizione evitabile.

Andrea PINAMONTI 6 - Merita la sufficienza perché è l'unico a mettere in difficoltà la difesa atalantina con una percussione centrale conclusa con un pallonetto deviato in corner da Berisha. Nella pochezza messa in mostra dal Frosinone è tra i meno colpevoli.

All.: Marco BARONI 5 - Non ha a disposizione uno squadrone, questo è certo, ma non fa nulla per provare ad arginare le trame offensive dell'Atalanta. Oltre che povero dal punto di vista tecnico, il Frosinone sembra impaurito e sfiduciato. La salvezza rimane un miraggio.

Il gol di Gianluca Mancini - Frosinone-Atalanta Serie A 2018-19

Il gol di Gianluca Mancini - Frosinone-Atalanta Serie A 2018-19Getty Images

ATALANTA

Etrit BERISHA 6 - Un solo intervento a partita già chiusa, quando esce con tempismo su Pinamonti deviando in corner il suo pallonetto. Per il resto trascorre un pomeriggio da spettatore non pagante.

Rafael TOLOI 6 - Gli attaccanti del Frosinone gli fanno il solletico, gioca una partita ordinaria senza strafare ma con la consueta sicurezza.

Berat DJIMSITI 6,5 - Per lui vale quanto detto a proposito di Toloi: mezzo voto in più perché propizia la rete del 3-0 con un'ostinata percussione palla al piede al limite dell'area conclusa con un perfetto tocco per Zapata.

dall'83' Arkadiusz RECA s.v. - Gioca gli ultimi minuti, non giudicabile.

Gianluca MANCINI 7 - Sblocca il risultato con una perentoria incornata che non dà scampo a Sportiello festeggiando il suo gol numero 5 in Serie A: è il più giovane difensore ad avere segnato almeno 4 reti nei cinque principali campionati europei. Al di là dei numeri, stupisce la sua collocazione tattica: per larghi tratti della partita gioca a ridosso delle punte, una sorta di attaccante aggiunto sempre pronto a inserirsi. Un giocatore interessantissimo.

Hans HATEBOER 6,5 - Presenza costante e molto concreta sulla corsia di destra. Fa saltare i meccanismi difensivi del Frosinone e serve un assist perfetto a Zapata con una sponda aerea degna di un navigato uomo d'area di rigore.

Marten DE ROON 6 - Partita facile per lui. Si limita a svolgere il compitino senza strafare. Rientrava dopo lo stop per infortunio: deve ancora ritrovare la condizione migliore.

dal 71' Dejan KULUSEVSKI 6 - Esordio in Serie A per il centrocampista svedese di origini macedoni classe 2000. Mostra buona personalità e va vicino al gol con un sinistro dal limite di poco a lato. Il tempo ci dirà se sarà l'ennesima scommessa vinta da Gasperini.

Mario PASALIC 7 - Se questa doveva essere l'esame di maturità per il centrocampista croato ex Milan, possiamo dire che l'ha superato brillantemente. Firma gli assist dei primi due gol con altrettanti cross calibrati al bacio, si muove molto e dialoga benissimo con i tre davanti. In crescita esponenziale.

dal 61' Matteo PESSINA 6 - Entra con il piglio giusto e confeziona l'assist per il definitivo 0-5.

Timothy CASTAGNE 7 - Sulla corsia di sinistra crea il panico tra i difensori del Frosinone. Ha una straordinaria capacità sia di allargare il gioco, sia di tagliare in area quando a decentrarsi è Zapata. Tatticamente fondamentale, è il grimaldello di Gasperini.

Alejandro GOMEZ 6,5 - Solito folletto difficile da fermare con il pallone tra i piedi. Crea spesso la superiorità numerica anche se - a differenza di altre volte - sbaglia qualche appoggio di troppo.

Josip ILICIC 6 - Dal punto di vista tecnico non si discute. A volte esagera quando entra in possesso del pallone e si intestardisce in azioni personali che non portano a nulla. Cerca fino alla fine la gioia del go personale senza trovarla.

Duvan ZAPATA 8,5 - L'attaccante colombiano vive un pomeriggio da sogno. Segna 4 gol, raggiunge Cristiano Ronaldo al comando della classifica cannonieri e tocca quota 14 in campionato. Siamo a gennaio e ha già migliorato di 3 reti il suo record centrato la scorsa stagione con la maglia della Sampdoria. Impressionante il ruolino di marcia nell'ultimo mese e mezzo: dal 3 dicembre a oggi ha segnato 14 gol tra campionato e Coppa Italia. A Frosinone segna in ogni modo: di testa, con un sinistro sporco e con un piattone destro al volo. Chapeau.

All.: Gian Piero GASPERINI 7,5 - Il Frosinone visto oggi è poca cosa, ma i suoi meriti non si possono negare. Veder giocare l'Atalanta è un piacere per gli occhi. I numeri esaltano il suo lavoro: con 44 gol segnati, quello dei bergamaschi è il miglior attacco del campionato.

Video - Da Koulibaly a Piatek: la top 11 del girone di andata

02:00
0
0