Getty Images

Khedira-Ronaldo-Can: la Juventus riparte dal Mapei Stadium, 3-0 al Sassuolo

Khedira-Ronaldo-Can: la Juventus riparte dal Mapei Stadium, 3-0 al Sassuolo

Il 10/02/2019 alle 19:57Aggiornato Il 10/02/2019 alle 20:24

I bianconeri soffrono solo nel primo quarto d'ora, poi controllano il match e tornano alla vittoria dopo l'eliminazione in Coppa Italia e il pareggio rocambolesco col Parma. La Juventus sale a+11 sul Napoli.

Riparte la Juventus. I bianconeri ritrovano i tre punti dopo l'eliminazione in Coppa Italia e la beffa contro il Parma, vincendo 3-0 al Mapei Stadiun contro il Sassuolo di De Zerbi. Una partita in progressione per la squadra di Allegri, in sofferenza nel primo quarto d'ora, cinica a colpire con Khedira alla prima vera occasione e guidata da Ronaldo nella ripresa per mettere in ghiaccio il risultato. Szczesny, pur con qualche rischio, porta a casa un clean sheet che non è cosa così banale negli ultimi tempi. E la Juventus, approfittando del pari del Napoli, sale a +11 sulla seconda in classifica.

La cronaca del match

Dopo la beffa col Parma, la Juventus cerca una vittoria per regalarsi un vantaggio in doppia cifra sul Napoli. Ma è il Sassuolo a partire meglio. Il pressing neroverde funziona e mette alle corde la squadra di Allegri. La prima occasione è per Sensi, che calcia fuori dal limite dopo un buon contropiede. Poco dopo i padroni di casa reclamano un rigore. Djuricic cade in area sull’uscita di Szczesny, Mazzoleni va a rivedere l’azione al Var e giudica regolare l’intervento del portiere bianconero. Il Sassuolo non demorde e Locatelli scalda i guantoni a Szczesny con un bel destro da fuori. La Juventus fa capolino in avanti dopo una ventina di minuti. E se l’esterno destro di Matuidi finisce fuori, all’occasione successiva i bianconeri passano. Consigli è sciagurato col pallone tra i piedi e regala il pallone a Ronaldo. Il portoghese calcia dopo uno scambio con Pjanic, Consigli respinge e Khedira fa centro sul tap in. Juve cinica. La partita rimane equilibrata e i bianconeri, pur prendendo campo, non incantano. Sul finire del tempo, però, è ancora Khedira a rendersi pericoloso. Il tedesco impatta di testa su un cross dalla sinistra, ma la sua conclusione esce di pochissimo.

Cristiano Ronaldo - Sassuolo-Juventus - Serie A 2018/2019 - LaPresse

Cristiano Ronaldo - Sassuolo-Juventus - Serie A 2018/2019 - LaPresseLaPresse

La Juventus riparte di buon piglio. Rugani dimostra propensione offensiva, sfiorando il palo di testa. Poi Mazzoleni annulla giustamente un gol a Ronaldo, partito oltre la linea dei difensori sul tocco di Bernardeschi. I bianconeri sono in controllo ma rischiano grosso al minuto 55. Locatelli rinvia lungo, Szczesny esce malissimo, svirgolando il pallone. La sfera finisce sui piedi di Berardi, che di sinistro non riesce a siglare il pari a porta vuota. Sarà l'unica grande occasione neroverde della ripresa. Il forcing della Juventus, infatti, dà i suoi frutti e Ronaldo mette una pietra sopra il match. Prima sale in cielo a raccogliere il corner di Pjanic, infilando un insicuro Consigli. Poi serve a Can il pallone che il tedesco trasforma nel diagonale del 3-0. Non c'è più tempo al Mapei Stadium, la Juventus allunga.

La statistica

20 - Come i gol stagionali di Cristiano Ronaldo. Il portoghese ha raggiunto (almeno) questo bottino nelle sue ultime 13 stagioni tra Italia, Spagna e Inghilterra.

Il migliore

Cristiano RONALDO - Nella prima fase del match, la peggiore per i suoi, è lui che prova a dare l'esempio, cercando di destare una squadra spenta. Poi diventa protagonista assoluto: un gol, un assist e lo zampino nella rete di Khedira. Fa sempre la cosa giusta. Insomma, decisivo.

Il peggiore

Andrea CONSIGLI - Serata buia per lui. Regala il primo gol alla Juventus, rinviando malissimo dopo aver cincischiato col pallone tra i piedi. Anche sul 2-0 non è impeccabile.

Il tabellino

Sassuolo-Juventus 0-3

Sassuolo (4-3-2-1): Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Locatelli, Sensi, Bourabia (79' Magnanelli); Berardi, Babacar (58’ Boga); Djuricic (56’ Matri). All. De Zerbi

Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Rugani, Caceres, Alex Sandro; Khedira (67’ Bentancur), Pjanic, Matuidi (85' Emre Can); Bernardeschi (82' Dybala), Mandzukic, Ronaldo. All. Allegri

Arbitro: Mazzoleni

Marcatori: 23’ Khedira, 71’ Ronaldo, 86' Can

Ammoniti: Pjanic, Alex Sandro, Magnani, Bourabia, Lirola

Video - Allegri: "Cristiano Ronaldo non è garanzia di successo in Champions"

01:55
0
0