Getty Images

Marotta: "È giusto dare fiducia a Spalletti, voci su Conte perché è libero e vincente"

Marotta: "È giusto dare fiducia a Spalletti, voci su Conte perché è libero e vincente"

Il 15/04/2019 alle 11:11Aggiornato Il 15/04/2019 alle 12:01

L'amministratore delegato dell'Inter parla a proposito delle voci su un possibile addio a fine stagione dell'attuale tecnico ai microfoni di Radio Anch'Io Sport su Radio 1 Rai.

Spalletti

" Spalletti non è un neofita, è giusto dare fiducia, con i fatti ha dimostrato di ottenere dei risultati importanti"

Lo ha detto l'amministratore delegato dell'Inter Beppe Marotta a proposito delle voci su un possibile addio a fine stagione dell'attuale tecnico, ai microfoni di Radio Anch'Io Sport su Radio 1 Rai.

" Al di là del fatto che ha due anni di contratto, l'Inter sta viaggiando secondo quelli che erano gli obiettivi, abbiamo fatto gli stessi punti dell'anno scorso e siamo terzi in classifica. L'obiettivo di andare in Champions è alla portata e spero che l'allenatore possa raggiungere in pieno questo obiettivo prioritario. Le voci su Conte? Sono una conseguenza del fatto che è sul mercato e rappresenta un profilo di allenatore vincente. Rappresenta non solo la professionalità ma un allenatore che nel calcio moderno si inserisce in modo molto forte. Ha vinto con la Juventus e il Chelsea, ha fatto grandi cose in nazionale. E' normale che venga accostato a questa o quella società a seconda del suo andamento. Ma Spalletti ha creato una struttura di squadra, in crescita dal punto di vista delle prestazioni, è giusto elogiarlo per i risultati ottenuti"

Icardi

" Tutte le valutazioni su di lui saranno fatte al momento giusto. La volontà della società è importante ma poi c'è anche la volontà del giocatore. Quante possibilità ci sono che resti? Le percentuali sono difficili da fare nel calcio, il ragazzo sta acquisendo una grande esperienza professionale giorno dopo giorno. E' una risorsa e un valore importante per questa società, ha ancora un contratto di due anni ed è uno tra i migliori giovani e tra i migliori attaccanti in circolazione"

Il gap con la Juventus

" Credo che la Juve possa recitare un ruolo da protagonista in Italia ancora per diversi anni. Il gap con le altre squadre è notevole ed è legato soprattutto a un aspetto economico. Il modello della Juve è vincente non solo per i risultati sul campo e a livello economico ma proprio come modello di riferimento, la condizionale da attribuire all'Inter è il fatto che in otto anni ha cambiato tre proprietà. Non c'è ancora oggi una stabilità strutturale all'interno dell'azienda"

Juventus-Ajax

" Credo che la Juve abbia tutte le carte in regola per poter superare il turno. E' una squadra imprevedibile che ha quella spensieratezza e gioventù che li porta a giocare in casa e in trasferta nello stesso modo. La formazione della Juve contro la Spal? Lo scudetto è in tasca, il pensiero fisso è la Champions, in queste occasioni si cerca sempre non dico di tirare indietro la gamba ma di evitare scontri. Poi c'è il fatto che sono stati presi giocatori delle seconde squadre, è un apripista importante per il futuro del calcio italiano"

Video - Spalletti al giornalista: "Il futuro dell'Inter? Non abbia paura, prenda coraggio"

01:20
0
0