LaPresse

Milan, il Ferraris porta bene: Borini e Suso stendono il Genoa, rossoneri quarti

Milan, il Ferraris porta bene: Borini e Suso stendono il Genoa, rossoneri quarti

Il 21/01/2019 alle 16:54Aggiornato Il 21/01/2019 alle 17:26

Sul campo dove ha da poco conquistato la qualificazione ai quarti di Coppa Italia, la squadra di Gattuso (in tribuna) si impone per 2-0 conquistando 3 punti che la proiettano in piena zona Champions League. Entrambe le reti nella ripresa.

Dal Ferraris al Ferraris, come un sottile fil rouge di vittorie. Sullo stesso campo in cui aveva già conquistato la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia, il Milan conquista 3 punti vitali che lo proiettano al quarto posto, davanti alle due romane e in piena zona Champions League. Senza gli squalificati Romagnoli, Kessié e Calabria, senza Gattuso (presente in tribuna, con Gigi Riccio in panchina) e ovviamente senza Higuain, nemmeno convocato e in procinto di ritrovare Sarri al Chelsea. Una bella prova di forza. Le reti del 2-0 rossonero piovono entrambe nella ripresa: sblocca Borini, titolare per le assenze contemporanee di tanti compagni, e raddoppia l'ex Suso, nuovamente a segno dopo due mesi e mezzo. Bene Bakayoko, rinato dopo un rabbrividente avvio di stagione, e pure Paquetá, alla migliore esibizione con la sua nuova maglia. In attesa degli sviluppi di mercato, sono ottimi segnali. Si lecca invece le ferite Cesare Prandelli: per l'ex allenatore della Nazionale, che maledice la traversa colpita da Veloso poco dopo lo 0-1 e le varie parate di Donnarumma, è il primo ko casalingo sulla panchina del Genoa.

La cronaca della partita

Gattuso perde immediatamente Zapata, che si fa male in un contrasto con Kouamé ed è costretto a lasciare il campo. Meglio il Genoa, che meriterebbe il vantaggio e ha l'unico torto di non concretizzare la serie di occasioni che si crea: Biraschi a giro manca di pochissimo la traversa, poi Donnarumma salva sulla botta di Lazovic e soprattutto su Bessa, presentatosi davanti a lui grazie a una meravigliosa imbucata di Pandev. Sempre Donnarumma, alla mezz'ora, evita la rete dopo un rimpallo scatenato da un cross dal fondo di Criscito. Il Milan si sveglia solo negli ultimi minuti del tempo, sprecando una punizione dal limite con Çalhanoglu e creandosi infine la più nitida palla gol: Paquetá trova il palo esterno con un sinistro al volo da fuori area.

Lucas Paquetà

Lucas PaquetàGetty Images

Dopo l'intervallo, in campo si vede tutto un altro Milan. I rossoneri prendono gradualmente possesso del campo, spaventando Radu con Borini, anche se rischiano su una botta di Criscito larga di pochissimo. Sempre Borini, al 62', chiama a una grande deviazione con le dita Radu, che poco dopo viene graziato di testa da Paquetá. Dalla parte opposta Donnarumma è ancora bravo su Veloso e Bessa. L'equilibrio viene spezzato al 72': Conti centra per Borini, che si stacca da Biraschi e non sbaglia. Veloso ha immediatamente la palla del pari: traversa piena dopo l'ennesima deviazione di Donnarumma. A chiudere i conti, a 7' dalla fine, è Suso: contropiede mortale e destro vincente per lo 0-2 finale.

La statistica chiave

Il Milan è imbattuto nelle cinque gare di questo campionato giocate senza Higuain: tre vittorie e due pareggi, con 10 gol segnati nel parziale (due di media a match) (fonte: dati Opta).

Il migliore in campo

Donnarumma. Se il Milan esce dal campo col quarto clean sheet nelle ultime 6 partite, il merito è in gran parte suo: dice di no ai vari Lazovic, Bessa e Veloso. Un muro.

Il peggiore in campo

Favilli. Mai pericoloso. Qualcuno l'ha visto?

La dichiarazione

Luigi Riccio: "Higuain? Siamo adulti e abituati a vivere queste trattative di mercato, specialmente a gennaio. Era nell'aria da qualche giorno".

Il tabellino

Genoa (3-5-2): Radu; Biraschi (76' Pedro Pereira), Romero, Zukanovic; Lazovic, Rolon, Veloso (84' Dalmonte), Bessa, Criscito; Kouamé, Pandev (58' Favilli). All. Prandelli

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate, Musacchio, Zapata (14' Conti), Rodriguez; Paquetá, Bakayoko, Calhanoglu (79' Mauri); Suso (88' Castillejo), Cutrone, Borini. All. Gattuso

Arbitro: Daniele Orsato di Schio

Gol: 72' Borini, 83' Suso

Note: ammoniti Borini, Romero, Cutrone, Rolon, Zukanovic

Video - Da Koulibaly a Piatek: la top 11 del girone di andata

02:00
0
0