Getty Images

Milan, senti cosa dicono in Polonia: "Piatek ci ricorda Shevchenko"

Milan, senti cosa dicono in Polonia: "Piatek ci ricorda Shevchenko"

Il 30/01/2019 alle 19:48Aggiornato Il 02/02/2019 alle 00:14

I colleghi della redazione polacca di Eurosport, Michal Blazewicz e Mateusz Kalina lanciano un paragone: "Piatek come Shevchenko". E' una provocazione? Assolutamente no, vedendo l'impatto del polacco con la maglia rossonera: "Il Pallone d'oro 2004 è tornato, ma con il corpo di Piatek".

Piatek si è già preso il Milan. La media gol del polacco è pazzesca, ma militando nel Genoa nessuno si sarebbe aspettato un impatto del genere anche in maglia rossonera. Il suo ingresso contro il Napoli, in campionato, aveva già detto molto rispetto al suo carattere e alla sua fame di gol, ma la partita di Coppa Italia ha spento ogni dubbio su quello che potrà dare al Milan. In pratica, gli è stato vietato di vestire la maglia n° 9 - visto la maledizione degli ultimi anni - ma i rossoneri hanno finalmente trovato il agognato bomber.

Abbiamo fatto qualche domanda a Michal Blazewicz e Mateusz Kalina, colleghi della redazione polacca di Eurosport. In Polonia non sono per niente sorpresi dell’impatto in Italia di Piatek, anzi...

Sei sorpreso o ti aspettavi questo debutto con il Milan alla prima partita da titolare a San Siro?

" No, non siamo sorpresi. Piatek è uno dei migliori attaccanti della Serie A, infatti bisogna ricordare le tante giornate in cui è stato leader della classifica marcatori. È in gran forma, segna ogni settimana. Era quasi automatico finisse in una squadra importante. Siamo molto contenti di questo. [Michal Blazewicz]"
" In Polonia siamo tutti entusiasti di Piatek e che ci sia la Piątkomania"

Video - Gattuso: "Con Piatek nasce il nuovo Milan? Ecco, mi avete già ammazzato Cutrone..."

02:00

Dal Cracovia al Genoa, ci aspettava questo tipo di impatto alla Serie A?

" La scorsa stagione a Cracovia (2017/18) è stata molto positiva per Piatek. Con 21 gol, in 36 presenze, è stato il capocannoniere polacco dell’Ekstraklasa, segnando meno solo degli spagnoli Carlitos (24) e Igor Angulo (22). Il trasferimento all’estero? Non è stata una grande sorpresa per noi e Genova era il posto perfetto per la sua crescita. L’unico dubbio poteva essere la velocità con la quale si sarebbe inserito in un nuovo campionato, in un campionato più difficile di quello polacco aggiungerei. Pochi mesi fa giocava a Cracovia, ora è l’attaccante del Milan. [Mateusz Kalina]"
Piatek - Milan-Napoli - Coppa Italia 2018/2019 - Getty Images

Piatek - Milan-Napoli - Coppa Italia 2018/2019 - Getty ImagesGetty Images

La classifica marcatori di Serie A dopo 21 giornate

Giocatore Reti in Serie A
Fabio Quagliarella (Sampdoria) 16
Cristiano Ronaldo (Juventus) 15
Duvan Zapata (Atalanta) 15
Krzysztof Piatek (Genoa/Milan) 13

Video - Quagliarella, Klose, Toni, Miura: quei goleador senza età capaci di realizzare imprese da record

01:35

Intorno a Piatek c’è anche una storia incredibile. Il suo allenatore l’aveva predetto che sarebbe costato certe cifre...

" Se nessuno paga più di 4-5 milioni di euro per Piatek, in questo momento, allora dovrà pagare circa 30 milioni in futuro. In passato ho parlato di Lewandowski, e ora questa è la mia opinione su Krzysztof. non comprare Piatek ad un prezzo così basso sarebbe una follia. [Michal Probierz, tecnico del KS Cracovia]"
Krzysztof Piatek - Cracovia-Sandecja Nowy Sacz - 2017/2018 Ekstraklasa - Getty Images

Krzysztof Piatek - Cracovia-Sandecja Nowy Sacz - 2017/2018 Ekstraklasa - Getty ImagesGetty Images

Era un talento sottovalutato anche agli addetti ai lavori?

" All’inizio era un po’ sottovalutato. Ma poi ha mostrato subito le sue migliori qualità: grande confidenza nei suoi mezzi, fiuto del gol, risolutezza. Vedendo l’evoluzione di Krzysztof, solo il cielo potrà essere il suo limite"

Video - Milan, Piatek sceglie la 19 ed evita la 9: la maglia maledetta resta un tabù dal dopo Inzaghi

01:02

C’è un attaccante (del passato o di oggi) a cui assomiglia Piatek?

" Il primo aspetto è ovviamente Robert Lewandowski. Sono entrambi dei tipici numero 9, focalizzati sull’area di rigore avversaria. Entrambi forti col piede destro, potenti, che amano combinare con i compagni di squadra. Usano la testa, e non solo per colpire il pallone. Vedendo il gol contro il Milan, il secondo, mi ha ricordo molto Andriy Shevchenko. In quel momento, sembrava di vedere proprio Sheva. Il pallone d’oro 2004 è tornato, ma con il corpo di Shevchenko"

In Polonia, quindi, non è stata una sorpresa vedere un Piatek così prorompente, ad aumentare gli attaccanti disponibili per la Nazionale considerando la presenza di Lewandowski e Milik. Basta guardare tutti i tweet postati durante la sfida tra Milan e Napoli: in terra polacca è stata una festa nel vedere Piatek esultare.

Video - Milan, è iniziata l'era Piatek. Visite mediche e prima ovazione per il bomber polacco

00:26
0
0