Getty Images

Napoli di rimonta, Genoa battuto 2-1 sotto la pioggia di Marassi

Napoli di rimonta, Genoa battuto 2-1 sotto la pioggia di Marassi

Il 10/11/2018 alle 22:44Aggiornato Il 10/11/2018 alle 23:58

La squadra di Ancelotti trova tre punti d'oro in una sfida che si era messa male dopo il gol di Kouamè e sospeso per pioggia nel secondo tempo. Alla ripresa il gol di Fabian Ruiz e l'autorete di Biraschi hanno sigillato la rimonta, Napoli a -3 dalla Juventus con una partita in più

Vittoria bagnata, sofferta e alla fine meritata. Il Napoli esce indenne dal diluvio di Marassi, portando a casa tre punti d'oro, soprattutto per come si era messa la partita. Il vantaggio di Kouamè, un'insolita imprecisione e la pioggia battente avevano complicato i piani della banda di Ancelotti, ma dopo la sospensione Mertens e compagni hanno rovesciato il match. Il mancino di un grande Fabian Ruiz e l'autogol finale di Biraschi valgono la quarta vittoria nelle ultime cinque partite e una notte a -3 dalla vetta bianconera. Qualche rimpianto per il Genoa, in partita nel primo tempo ma troppo arretrato nella ripresa e sorpassato solo nel finale. Juric rimanda ancora una volta la prima vittoria della sua gestione e infila la terza sconfitta di fila.

La cronaca del match

Mertens recupera dalle botte di Champions ma si accomoda in panchina, gioca Milik al fianco di Insigne. Juric si affida al tandem Kouamè-Piatek per trovare la prima vittoria della sua gestione. Il Genoa parte con buon piglio, aggressivo dietro e propositivo in avanti. Piatek prova ad uscire dalla crisi realizzativa con una girata dal limite, ma la sua mira è imprecisa. Dopo un inizio in sordina il Napoli prende campo ed è subito pericoloso. Hamsik ci prova col mancino dopo una percussione centrale, ma è Insigne a spaventare Marassi. Il numero 24 si accentra e calcia di destro, ma il palo salva la parità. La squadra di Ancelotti sembra avere in mano il match e Romero è decisivo nel deviare in corner il mancino di Zielinski. Ma alla prima vera occasione il Genoa passa. Cross magistrale dalla destra di Romulo, Kouamè anticipa Hysaj e di testa fa 1-0. Mentre la pioggia diventa sempre più protagonista, il Napoli perde qualità e continuità, mentre il Genoa si difende con ordine. E quando Insigne inventa tra le linee ci pensa Radu a chiudere la saracinesca con due ottimi interventi su Callejon e Milik.

Marek Hamsik, Genoa-Napoli

Marek Hamsik, Genoa-NapoliGetty Images

Ancelotti decide di cambiare subito e lancia nella mischia Ruiz e Mertens per i deludenti Zielinski e Milik. Ed è subito un altro Napoli. Sono proprio i due nuovi entrati a costruire e creare, ma la cattiva mira e Radu respingono gli assalti azzurri. Al minuto 59 l'arbitro Abisso richiama le squadre e ferma il match: piove troppo. Si riprende dopo circa un quarto d'ora ma la partita è segnata dalle pessime condizioni del terreno di gioco. Si vive di episodi e di errori, fare bel calcio non è più possibile. Nonostante ciò, il Napoli agguanta il pareggio e lo fa in maniera pregevole. Allan pesca Mertens al limite dell'area, gran tocco del belga a liberare Fabian Ruiz e mancino che vale il pareggio: 1-1. Il Genoa non riesce più a ripartire, ma anche per il Napoli non è facile creare pericoli. Il triplice fischio si avvicina inesorabile, servirebbe un altro episodio per sbloccare la parità. E l'episodio arriva. Punizione dalla trequarti per il Napoli, il pallone rimbalza nel cuore dell'area del Genoa e Biraschi infila beffardamente la propria porta. A poco servono le proteste dei padroni di casa per un presunto fallo di Albiol. I rossoblu si riversano in avanti, ma non c'è più tempo. Gode il Napoli.

La statistica

10 - I punti guadagnati dal Napoli da situazione di svantaggio in questo campionato. Più di qualsiasi altra squadra.

Il tweet

Il migliore

Fabian RUIZ - Entra lui ed è un altro Napoli. Dà uno strappo al match con la sua fisicità e diventa anche un punto di riferimento in fase offensiva, dialogando alla grande con Mertens. A tratti sembra che il campo impraticabile non sia un problema per lui da quanto va forte. Decisivo, al di là del gol.

Il peggiore

Elseid HYSAJ - Tanti errore tecnici e una marcatura approssimativa che consente a Kouamè di timbrare l'1-0. In spinta non combina granchè.

Il tabellino

Genoa-Napoli 1-2

Genoa (3-5-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito; Lazovic, Bessa, Hiljemark (78’ Mazzitelli), Veloso (59’ Omeonga), Romulo (89’ Pandev); Kouamé, Piatek.

Napoli (4-4-2): Ospina; Hysaj (81’ Malcuit), Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik, Zielinski (46’ Ruiz); Insigne, Milik (46’ Mertens).

Marcatori: 20’ Kouamè, 62’ Ruiz, 87' Biraschi (A)

Ammoniti: Insigne, Bessa, Omeonga, Criscito, Malcuit, Mazzitelli

Video - "Decibel" Bellini, lo speaker del Napoli che fa urlare tutto il San Paolo

01:24
0
0