Getty Images

Poker Lazio e -2 dalla Roma, Atalanta frenata dal Chievo, l'Empoli risponde al Bologna

Poker Lazio e -2 dalla Roma, Atalanta frenata dal Chievo, l'Empoli risponde al Bologna

Il 17/03/2019 alle 16:57Aggiornato Il 17/03/2019 alle 21:25

Ampia vittoria della Lazio sul Parma importante in chiave Champions League, "Dea" fermata dal Chievo in casa, l'Empoli si aggiudica lo scontro diretto in chiave salvezza con il Frosinone rispondendo così al Bologna e riportandosi in quota salvezza.

Atalanta-Chievo 1-1 (32' Meggiorini, 56' Ilicic)

Stop Atalanta. A Bergamo, la squadra di Gasperini si ferma dopo due vittorie di fila e rallenta la corsa all’Europa. Merito di un Chievo coraggioso, avanti nel primo tempo con Meggiorini e bravo a reggere nella ripresa al forcing dei bergamaschi, che si fermano al nono gol stagionale di Ilicic. La Dea viene agganciata al sesto posto dalla Lazio, mentre il Chievo guadagna un punto che dà morale, anche se la classifica resta deficitaria e la quota salvezza si allontana.

Empoli-Frosinone 2-1 (20' Caputo rig, 38' Pajac; 70' Valzania)

L'Empoli ritrova il successo che mancava ormai da un circa un mese e supera nello scontro diretto un Frosinone che aveva sempre fatto bene, in trasferta, nell'ultimo periodo. Il ritorno di Andreazzoli è vincente e i toscani controsorpassano il Bologna oltre a mandare il Frosinone a -8 in classifica. Decidono il match Caputo su rigore e Pajac che trova la prima rete in Serie A. Forcing dei ciociari nella ripresa, con Baroni che schiera le quattro punte, ma il gol di Valzania non può bastare per alimentare le speranze di salvezza dei giallazzurri.

Parma-Lazio 4-1 (22' Marusic, 26' 38' Luis Alberto rig, 44' Lulic; 77' Sprocati)

Terza vittoria consecutiva all'Olimpico per la Lazio, che strapazza il Parma per 4-1 nel match valido per la 28ma giornata di Serie A. Un incontro letteralmente senza storia, con la squadra di Inzaghi che domina in lungo e in largo, regalando grande spettacolo ai tifosi presenti allo stadio. Dopo i primi 45' i padroni di casa sono in vantaggio addirittura per 4-0. Marusic apre le marcature dopo venti minuti con il diagonale di destro che sorprende un colpevole Sepe sul suo palo. Poco dopo Iacoponi tocca di mano un cross dalla sinistra e Luis Alberto realizza il penalty. L'ex Liverpool trova anche il gol del 3-0 con un bel sinistro dai 20 metri, mentre nel finale della prima frazione c'è gloria anche per Senad Lulic. Secondo tempo invece di ordinaria amministrazione: la Lazio decide di non spingere più di tanto, mentre il Parma non vede l'ora del fischio finale per dimenticare subito questo match. Poco da segnalare quindi: solo un bel tiro di Correa respinto da Sepe, mentre Caicedo la passa liscia per una manata su Gagliolo in area, su cui il VAR clamorosamente non interviene. Nel finale una dormita di Patric regala il gol della bandiera a Sprocati.

La classifica

Juventus 75; Napoli 60; Milan* 51; Inter* 50; Roma 47; Lazio* 45; Atalanta 45; Sampdoria 42; Fiorentina 37; Parma, Genoa 33; Sassuolo 32; Cagliari 30; SPAL 26; Udinese*, Empoli 25; Bologna 24; Frosinone 17; Chievo 11.

* Lazio, Milan, Inter, Udinese una gara in meno

Video - 80 anni di Trapattoni: da "Strunz" al "Cat in the sack", le migliori conferenze stampa

02:56
0
0