Getty Images

Romagnoli: "Finché sto bene starò al Milan, poi vedremo. Gattuso? Gran persona e allenatore vero"

Romagnoli: "Finché sto bene starò al Milan, poi vedremo. Gattuso? Gran persona e allenatore vero"
Di Eurosport

Il 20/05/2019 alle 21:40Aggiornato Il 20/05/2019 alle 21:44

Il capitano rossonero sulla corsa Champions: "Ci crediamo e ci abbiamo sempre creduto, daremo il massimo per vincere domenica e poi aspetteremo gli altri risultati. La mancata qualificazione non sarebbe un fallimento, ma un grande dispiacere. Dopo il derby abbiamo sbagliato qualche partita di troppo e non siamo stati lucidi in certi momenti".

"Sto bene a Milano e finché sto bene starò qui, poi vedremo. Mi piace stare al Milan, sono anche capitano e ho tantissimi motivi per stare qui". Così Alessio Romagnoli, capitano del Milan, parlando a margine del Premio Gentleman a Milano. Alla domanda se le voci relative al futuro di Gattuso hanno influito nello spogliatoio, il difensore rossonero replica secco: "Sinceramente no".

Sulla lotta Champions

" Ci crediamo e ci abbiamo sempre creduto, quindi daremo il massimo per vincere domenica e poi aspetteremo gli altri risultati, non dipende da noi però noi abbiamo un unico obiettivo che è quello di vincere, poi si vedrà. La mancata qualificazione non sarebbe un fallimento, ma un grande dispiacere perché siamo arrivati a un punto e siamo lì, però il calcio è questo, sappiamo di aver sbagliato diverse partite però adesso dobbiamo dare l'ultimo strattone, l'ultimo sprint e vedere come va. Aspettiamo, lavoriamo in settimana e poi aspetteremo gli altri. Un altro anno senza Champions sarebbe un altro anno con l'obiettivo di tornare in Champions, in cui daremo il massimo, di più di quello che abbiamo dato quest'anno per arrivare in Champions il prossimo. Però manca ancora una giornata in cui tutto può succedere"

Il grazie a Donnarumma

" Quella contro il Frosinone non è stata una partita facile perché loro hanno giocato al massimo come è giusto che sia. Siamo molto grati a Donnarumma, è stato bravo, è un fenomeno, ci ha salvati. Gli facciamo i complimenti perché se lo merita, ma facciamo i complimenti a tutta la squadra che ha fatto una grande partita. Anche al mister che in un anno difficile è cresciuto tanto"
Il capitano del Milan Alessio Romagnoli

Il capitano del Milan Alessio RomagnoliGetty Images

L'elogio a Gattuso

" Bravissimo allenatore, persona vera. Si è comportato benissimo con noi. Lavoriamo bene con lui. È stato bravo a migliorarci rispetto all'anno scorso, quando ci ha preso in un momento molto delicato e ci ha portato in alto con un grandissimo finale di stagione. Quest'anno ci ha preso e ci ha fatto lavorare fin dall'inizio del ritiro e poi siamo continuati su questa strada. Una cosa in cui è stato veramente bravo è stata la gestione del gruppo"

Il blackout dopo il derby

" È successo che abbiamo sbagliato qualche partita di troppo e che non siamo stati lucidi in certi momenti, ma è colpa nostra. L'importante è saper riconoscere i propri errori e poi imparare da quelli"

L'omaggio a Barzagli

" È stato un punto di riferimento. Voglio fargli i complimenti per la sua splendida carriera. Io ho avuto la fortuna di conoscerlo e di giocarci insieme in Nazionale. Il calcio italiano sentirà la sua mancanza"

Video - Gattuso: "Abate? Mi ricordo i fischi contro di lui, ma ha saputo rifarsi con umiltà"

01:51