Eurosport

Ronaldo, Quagliarella, Chiellini e Barella: gli oscar 2018 ai protagonisti della Serie A

Ronaldo, Quagliarella, Chiellini e Barella: gli oscar 2018 ai protagonisti della Serie A

Il 31/12/2018 alle 14:32Aggiornato Il 31/12/2018 alle 15:25

Un anno di calcio italiano vissuto attraverso i protagonisti più illustri: dall'arrivo dell'alieno Cristiano Ronaldo all'esplosione di Nicolò Barella. Ma anche la scoperta Zaniolo, i gol dell'eterno Quagliarella e la grandezza di un difensore-simbolo dell'Italia: Giorgio Chiellini.

La stella: Cristiano Ronaldo

In Italia sarà più difficile per lui, in Italia sarà più complicato”. Balle. Quelli davvero forti, sono forti ovunque. Nonostante sia qui solo da 4 mesi, è lui la stella della Serie A nell’intero 2018. Un impatto straordinario alla Juventus, dove è immediatamente diventato leader e pedina imprescindibile dentro il campo di una squadra dove i campioni non mancavano di certo. Qualità e personalità. Cristiano Ronaldo, un fuoriclasse contro i luoghi comuni. Perché il pallone è lo stesso a tutte le latitudini…

Cristiano Ronaldo in gol per la Juventus immortalato da Getty Images durante una delle sue celebri esultanze: 'Siiiiuuuuuu'!

Cristiano Ronaldo in gol per la Juventus immortalato da Getty Images durante una delle sue celebri esultanze: 'Siiiiuuuuuu'!Getty Images

La sorpresa: Nicolò Barella

Un giovane italiano di personalità. Finalmente, verrebbe da aggiungere. Uscito quasi dal nulla in quel di Cagliari nello scorso campionato, si è preso subito le attenzioni del ct Roberto Mancini. Lì non ha sofferto la pressione, ma soprattutto non ha deluso le aspettative, continuando a fornire prestazioni di alto livello. Un leit motif ricominciato anche con l’inizio della nuova stagione, per una ‘sorpresa’ che nel giro di un anno solare non possiamo già più definire tale.

Dall'anonimato alla nazionale, Nicolò Barella è la sorpresa della Serie A nel 2018

Dall'anonimato alla nazionale, Nicolò Barella è la sorpresa della Serie A nel 2018Getty Images

Il giovane: Nicolò Zaniolo

Giovane, visto che la carta d’identità recita ‘2 luglio 1999’. In estate, di fronte alle cifre dell’affare Nainggolan, ci eravamo tutti più o meno detti “ok, alla Roma sono impazziti”. E invece, a quanto pare, hanno avuto ragione loro. Nicolò Zaniolo, qualità e tecnica al servizio della nuova Roma. Un futuro che pare tutto dalla sua, per un ragazzone che pare avere già tutto: fisico, testa, capacità balistiche. Un bravo oltre a lui anche a Di Francesco, perché in Italia saper lanciare un 19enne nostrano pare più difficile che vincere all’Enalotto.

Nicolò Zaniolo esulta dopo il suo primo gol in Serie A arrivato contro il Sassuolo. E' lui il giovane più interessante del 2018.

Nicolò Zaniolo esulta dopo il suo primo gol in Serie A arrivato contro il Sassuolo. E' lui il giovane più interessante del 2018. Getty Images

La delusione: Andrea Belotti

Dai milioni agli spicci. Dai titoloni all’anonimato. Dalle stelle, insomma, alle stalle. Calcisticamente parlando, ovviamente. Il 2018 è stato un anno da incubo per Andrea Belotti, che è passato dall’infilare con costanza qualsiasi porta a qualsiasi latitudine a vedere gonfiarsi la rete una volta ogni tanto. 17 gol in tutto l’anno solare in Serie A. Levando giugno, luglio e agosto – dove non si gioca – praticamente a rete meno di due volte al mese. Mazzarri sta provando a guarire il Gallo che, molto semplicemente, quest’anno, ha cantato davvero assai poco.

Andrea Belotti e il suo sconforto. Un'immagine vista più volte durante un 2018 da 17 gol complessivi. Pochini per un bomber della sua razza...

Andrea Belotti e il suo sconforto. Un'immagine vista più volte durante un 2018 da 17 gol complessivi. Pochini per un bomber della sua razza...Getty Images

L'italiano: Giorgio Chiellini

Da gennaio a giugno, in Italia, ha come sempre vinto tutto. Da agosto a dicembre, altrettanto semplicemente, si è proposto a un livello mai visto prima in carriera. L’Italiano della Serie A – ma potremmo tranquillamente definire "l’italiano nel mondo" – è Giorgio Chiellini. Ultimo esemplare di una specie di difensori-marcatori, purtroppo, in via d’estinzione. Simbolo di una scuola che ha reso grande l’Italia nella sua storia; fortuna di una Juventus che un Chiellini a questo livello di rendimento non ce l’ha mai avuto. Un grande giocatore e un grande leader. Da buon toscano, come i migliori rossi della sua regione, migliora davvero nel tempo. Incredibile.

Giorgio Chiellini - Juventus 2017-2018

Giorgio Chiellini - Juventus 2017-2018Getty Images

Il veterano infinito: Fabio Quagliarella

Otto gol nel girone di ritorno della Serie A 17/18, che gli hanno permesso di chiudere la stagione a 19 reti. E poi 12 in questa prima parte di 2018/19. Non esiste in Europa un veterano di tale valore. A gennaio compirá 36 anni, ma continua ad avere la voglia di un ragazzino. Alcune perle "alla Quagliarella" (di tacco, in acrobazia o dalla distanza), rimarranno impresse nella memoria negli anni. Eterno, infinito, unico.

Fabio Quagliarella in una delle sue tante esultanze di un 2018 per lui davvero straordinario

Fabio Quagliarella in una delle sue tante esultanze di un 2018 per lui davvero straordinarioLaPresse

Il momento più emozionante: i funerali di Davide Astori

Impossibile dimenticare. Impossibile cancellare quel senso di unione e dolore. Impossibile non emozionarsi pensando a quei giorni di inizio marzo. Firenze, l'Italia e il mondo intero hanno tributato il loro cordoglio a un ragazzo splendido e amato da tutti, che ci ha lasciato davvero troppo presto.

*Ha collaborato all'articolo anche Enrico Turcato.

0
0