Getty Images

Torino, Mazzarri ricorda Radice: "Un grandissimo innovatore"

Torino, Mazzarri ricorda Radice: "Un grandissimo innovatore"

Il 08/12/2018 alle 17:14Aggiornato Il 08/12/2018 alle 17:15

Così Walter Mazzarri, allenatore del Torino, ricorda l'allenatore scomparso nella giornata di ieri.

" Sentitissime condoglianze per Gigi Radice, ero molto giovane quando lui era un grandissimo innovatore. Il mondo del calcio perde tanto"

Così Walter Mazzarri, allenatore del Torino, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della gara di domani contro il Milan, ricorda l'ex tecnico granata scomparso ieri a 83 anni.

Sul Milan

" Conosco le pressioni che certe piazze possono portare a chi lavora dall’interno, Gattuso è stato bravo nel gestire la situazione. Al netto di infortuni importanti, i numeri danno ragione a lui e al Milan: hanno perso soltanto una gara in casa (contro la Juventus, ndr) e sarà di conseguenza difficile. L’abbiamo preparata bene consci delle difficoltà. Ma ce l’andremo a giocare. Non so chi giocherà per il Milan, so delle emergenze. Potrei citare tantissimi nomi di qualità che in realtà i nostri prossimi avversari hanno a disposizione, come Higuain, Suso, Cutrone e tanti altri. Qualità ne hanno parecchia e ne avranno domani"

“Fare il salto di qualità passa dalla mentalità. Io credo che quelli che andranno in campo domani sera saranno concentrati al massimo, anche perché se non ci riusciranno a farlo contro una squadra del blasone del Milan mi preoccuperei seriamente", ha spiegato ancora Mazzarri. Tornando sulla vittoria in Coppa Italia, l'allenatore granata ha detto:

" Contro il Sudtirol non mi sono piaciuti ma rientra un po’ nel modo di vedere determinate partite da parte dei calciatori moderni, non dimentichiamo che altre squadre sono state eliminate contro avversari di serie inferiori alla loro. Io li ho visti tutti concentrati ma la mia personale raccolta dati continua, non mi fido più delle prime impressioni dopo alcune partite sbagliate, come contro il Parma"

Divise da soli quattro punti, Milan-Torino è una partita con in palio punti importanti in chiave Europa. Mazzarri però ci va cauto quando si dice che sia decisiva. “A 25 partite dalla fine non me la sento di utilizzare la parola 'decisiva' per una partita. Non dovremo sbagliare l’approccio e fare al massimo delle nostre capacità - ha spiegato - abbiamo giocatori giovani e correggiamo ogni settimana gli errori della gara precedente. Dovremo cercare di ottimizzare al massimo quanto riusciremo a creare: contro la Roma è la Fiorentina, per citarne solo due, avremmo meritato più di quanto raccolto”. Per quanto riguarda modulo e formazione, il tecnico granata ha dichiarato: "Posso variare i moduli a partita in corso, ho tante soluzioni grazie anche a giocatori duttili. Decideremo in base a come giocherà il Milan”.

Video - Mazzarri: "L'espulsione? Sarò antipatico, ma voglio essere trattato come gli altri"

02:00
0
0