Getty Images

Una prodezza dell'ex Dimarco ammutolisce San Siro: Inter-Parma 0-1!

Una prodezza dell'ex Dimarco ammutolisce San Siro: Inter-Parma 0-1!

Il 15/09/2018 alle 16:58Aggiornato Il 15/09/2018 alle 17:47

Gli emiliani dopo 19 anni tornano ad espugnare il Meazza. Decide una perla del terzino nella ripresa. Nerazzurri spreconi e troppo imprecisi. Polemiche sull'arbitraggio di Manganiello: Gagliardini da rosso e un rigore negato ai nerazzurri per fallo di mani dello stesso Dimarco

Era dal maggio del 1999 che il Parma non batteva l'Inter in trasferta. Era l'Inter di Hodgson, Ronaldo e Roberto Baggio. Era il Parma di Buffon, Thuram, Cannavaro, Chiesa e Stanic. Da quel sabato a questo sabato sono trascorsi 20 anni e i valori dei due club non sono piú simili come all'epoca. Il Parma é una neopromossa che ha scalato varie categorie negli ultimi anni, l'Inter una grande che non riesce piú ad essere davvero grande. Nello 0-1 di San Siro tutto é girato storto alla squadra di Spalletti: 28 tiri totali (8 in porta), oltre il 70% di possesso palla, decine di occasioni sprecate, un rigore dubbio non fischiato e un gol subito con una prodezza assoluta da 30 metri di un giocatore subentrato e cresciuto nel vivaio nerazzurro. Il paradosso dell'assurdo. Eppure i tre punti vanno ai Ducali, generosi nel difendersi e bravi nel crederci. L'Inter perde per la seconda volta nelle prime quattro giornate e si ritrova a soli quattro punti, pur avendo affrontato tutte squadre di piú basso spessore tecnico. Impronosticabile, illogico, assurdo appunto.

LA CRONACA

Nel primo tempo l'Inter domina, ma non trova il gol. Con Keita, Dalbert e Candreva titolari, il rinnovato 11 di Spalletti sfiora ripetute volte il vantaggio, senza peró sbloccare la partita. Ci provano Perisic (svariate volte, murato in un paio di circostanze anche da Sepe), Nainggolan e Brozovic da fuori, Keita col mancino da dentro l'area (ancora bravo Sepe). Il Parma si fa notare solamente con un mancino di Inglese, ben respinto da Handanovic. Lo 0-0 all'intervallo pare più frutto del caso che dell'equilibrio in campo.

Radja Nainggolan, Antonio Di Gaudio, Inter-Parma, Getty Images

Radja Nainggolan, Antonio Di Gaudio, Inter-Parma, Getty ImagesGetty Images

Ad inizio ripresa Stulac scalda i guanti ad Handanovic con un gran destro da fuori, mentre prima Nainggolan e poi Perisic trovano sulla via del gol il neo entrato Dimarco: il prodotto del vivaio nerazzurro prima si immola sul belga e poi salva sulla linea il diagonale del croato (proteste nerazzurre nel caso specifico, per un tocco col gomito del terzino). A 20 dalla fine, dopo la girandola di cambi, ancora Sepe vola in tuffo sul bolide di Nainggolan. L'Inter attacca e ci prova, ma incredibilmente a 10 minuti dal termine a passare è il Parma: Dimarco, sempre lui, anticipa Politano col petto e dai 30 metri fa partire un bolide col mancino che si insacca all'incrocio. 0-1 e Inter disperata. Nel finale i nerazzurri non riescono ad avere la lucidità per trovare il pareggio. Handanovic para su Gervinho e Inglese, lanciati in contropiede. Finisce 0-1, vince il Parma a San Siro.

LA STATISTICA CHIAVE

Quattro punti raccolti dall’Inter finora: questa è la peggior partenza dei nerazzurri dopo quattro partite dal 2011/12.

IL MIGLIORE

Federico DIMARCO - Un secondo tempo da protagonista totale. Salva su Nainggolan, poi salva sulla linea su Perisic (con l'aiuto del gomito), poi si inventa un gol spaziale da circa 30 metri. Cresciuto nell'Inter, si ricorderá questa prima gioia in A per sempre.

IL PEGGIORE

Roberto GAGLIARDINI - Male. Lento, compassato, non aiuta Brozovic. Rischia per un intervento quasi da espulsione dopo pochi minuti. Sulle ripartenze ducali parte sempre in ritardo, elementare negli appoggi.

IL TWEET

IL TABELLINO di Inter-Parma 0-1

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio (Dal 71' Asamoah), Skriniar, De Vrij, Dalbert; Brozovic, Gagliardini; Candreva (Dal 59' Politano), Nainggolan, Perisic; Keita (Dal 46' Icardi). All. Spalletti

PARMA (4-3-3): Sepe; Iacoponi (Dal 77' Sierralta), Alves, Gagliolo, Gobbi (Dal 46' Dimarco); Barillà, Stulac, Rigoni; Gervinho, Inglese, Di Gaudio (Dal 63' Deiola). All. D’Aversa

Arbitro: Manganiello di Pinerolo

Gol: 79' Dimarco (P)

Ammoniti: Stulac, Brozovic, D'Ambrosio

Video - Fantacalcio: i 5 giocatori su cui puntare

00:53
0
0