Getty Images

Lo strano Fiorentina-Juventus di Chiesa e Montella: a caccia della gloria nella partita più dura

Lo strano Fiorentina-Juventus di Chiesa e Montella: a caccia della gloria nella partita più dura

Il 12/09/2019 alle 21:57

L'attaccante, protagonista di un'estate tormentata tra un Europeo Under 21 andato male e il tira e molla sul mercato con il presidente Commisso, non segna in campionato dallo scorso 15 marzo e sogna il riscatto proprio contro quella che avrebbe potuto essere la sua nuova squadra. Partita delicata anche per il tecnico, che da quando è alla guida dei viola non è mai riuscito a centrare i 3 punti.

Federico Chiesa e Vincenzo Montella. In casa Fiorentina, nella marcia di avvicinamento alla supersfida contro la Juventus in programma sabato pomeriggio allo stadio Franchi, gli osservati speciali sono loro: il giocatore di maggiore talento della rosa viola e un allenatore che, confermato in estate dalla nuova dirigenza, si ritrova già con le spalle al muro dopo le prime 2 giornate nelle quali non ha raccolto nessun punto rimediando due sconfitte contro Napoli e Genoa. Entrambi vogliono riprendersi in mano la Fiorentina, entrambi cercano il riscatto proprio nella partita più complicata e sentita dell'anno.

Chiesa, un'estate di fuoco e un gol che non arriva

Federico Chiesa ha vissuto l'estate 2019 sulle montagne russe. Prima un Europeo Under 21 da protagonista con 3 gol in 3 partite, nonostante la cocente delusione per un'imprevista eliminazione nella fase a gironi, poi un tira e molla a tratti estenuante sul mercato con la dirigenza. Da una parte il pressing asfissiante della Juventus, dall'altra la volontà ferrea del neo presidente Rocco Commisso di trattenere il giocatore evitando, per dirla con parole sue, "un nuovo caso Roberto Baggio". Un braccio di ferro dal quale è uscito vincitore (almeno finora) il patron viola: Chiesa è rimasto e - dalla sua conferma in poi - il ds Daniele Pradè ha accelerato sul mercato regalando a Montella un paio di acquisti a sensazione come Ribery e Boateng. Due leader in campo e nello spogliatoio con l'arrivo dei quali viene tolta un po' di pressione a Chiesa che, dal canto suo, dovrà necessariamente tirarsi fuori dalle sabbie mobili in cui è precipitato. Se non a livello di prestazioni, almeno a livello realizzativo. Perché le statistiche degli ultimi 6 mesi sono impietose: l'attaccante non segna in Serie A dallo scorso 15 marzo in Cagliari-Fiorentina 2-1 e da quella partita in poi ha trovato la via della rete solo in 4 circostanze (3 con l'Under 21 agli Europei e una contro il Monza in Coppa Italia lo scorso 18 agosto).

Vincenzo Montella - Empoli-Fiorentina - Serie A 2018-2019 - LaPresse

Vincenzo Montella - Empoli-Fiorentina - Serie A 2018-2019 - LaPresseLaPresse

Montella e un tabù da sfatare: con la Fiorentina è ancora a secco

L'altro osservato speciale - si diceva - è Vincenzo Montella. Il tecnico, chiamato ad aprile per sostituire Stefano Pioli esonerato dopo la sconfitta casalinga contro il Frosinone, ha diretto la squadra in 11 confronti ufficiali tra Serie A e Coppa Italia con un bilancio estremamente deficitario: una vittoria (in rimonta in Coppa Italia contro il Monza), 2 pareggi e ben 8 sconfitte. In campionato l'ex allenatore di Milan e Siviglia non è ancora riuscito a conquistare i 3 punti. Certamente è presto per parlare di un allenatore a rischio, ma è chiaro che la sfida contro la Juventus è uno snodo cruciale: nessuno chiede a Montella di vincere, ma è chiaro che una sconfitta rovinosa contro i bianconeri potrebbe complicare non poco il suo futuro viola.

  • Ultima vittoria della Fiorentina in Serie A
    17 febbraio 2019 - Spal-Fiorentina 1-4
  • Montella in Serie A con la Fiorentina
    9 partite, 2 pareggi e 7 sconfitte

Video - Ribery: "Sono qui per la Fiorentina, non per essere la concorrenza di Cristiano Ronaldo"

00:29
0
0