Getty Images

Giampaolo: "Derby? Ho l'ambizione di giocare bene e vincerlo. Al posto di Calabria gioca Conti"

Giampaolo: "Derby? Ho l'ambizione di giocare bene e vincerlo. Al posto di Calabria gioca Conti"

Il 20/09/2019 alle 14:53

Il tecnico rossonero alla vigilia della stracittadina: "Voglio che la squadra faccia la partita giusta in entrambe le fasi. Il conrtonto con Paquetà? Niente di clamoroso, solo una chiacchierata che è stata ingigantita ad arte. Nessun rimpianto per il mancato arrivo di Sensi, io amo i calciatori che alleno e non mi interessa chi non è qui".

"Il derby pesa, ma non è il crocevia"

" In ogni partita c'è qualcosa da vincere o da perdere, è una sfida importante e lo sarà sempre. L'Inter non lo so se arriva meglio peggio, è una sfida particolare che sfugge a ogni pronostico. Io confido nella capacità di saperla fare in un certo modo. L'Inter è una squadra che fa le cose con ripetitività, il problema non è il singolo ma nel fare una partita di grande maturità tattica. È la partita più difficile da questo punto di vista, i ragazzi dovranno fare una grande gara, di alto livello, sotto l'aspetto del collettivo. So che è una partita che pesa ma non è il crocevia, siamo solo alla quarta giornata"

"Noi sfavoriti? Non mi interessa"

" L'ambizione è fare bene tante cose e lavorarci su. Non mi interessa essere sfavorito, voglio che la squadra faccia le partita giusta in entrambe le fasi. Non mi prendo alcun vantaggio mediatico da questo punto di vista. Conte ha avuto un percorso importante, l'ho seguito e oggi all'Inter propone il calcio del primo Conte. Non l'ho mai incontrato, ma conosco la sua idea di calcio"

"Al posto di Calabria gioca Conti"

" Gioca Conti al posto di Calabria. Il ragazzo è cresciuto, sa che deve migliorare in fase difensiva e lo sta facendo"
Andrea Conti nel derby Milan-Inter Serie A 2018-19

Andrea Conti nel derby Milan-Inter Serie A 2018-19Getty Images

Sui nuovi acquisti

" Per me esiste il Milan, non i singoli. Io alleno 23 giocatori di cui sono contento. Il Milan è sopra agli interessi di ognuno di noi"

Sul confronto con Paquetà

" Nessun nervosismo, è stata una chiacchierata che è stata ingigantita ad arte. Niente di clamoroso, io sono sereno, solo il lavoro è la via maestra. Anche la squadra è serena, senza isterismi e nervosismo. Le partite vanno giocate con gioia ed entusiasmo ma sempre in modo responsabile. Il calcio è bello se mi diverto, mi entusiasmo, dobbiamo battere quella strada lì"

Sul mancato arrivo di Sensi

" Nessun rimpianto, io amo i calciatori che alleno. Non mi interessa chi non è qui"

"Donnarumma uno dei nostri leader"

" Ci sono tanti uomini spogliatoio. I più giovani che sono appena arrivati devono capire questo ambiente, gli altri lo conosco già e sono tutti leader. Gigio è uno di questo"

Video - Le 10 partite più belle di Inter e Milan a San Siro

01:59
0
0