Eurosport

Gli Oscar del girone d'andata: Juve col minimo sforzo, Kulusevski new entry, Napoli flop, Dea show

Gli Oscar del girone d'andata: Juve col minimo sforzo, Kulusevski new entry, Napoli flop, Dea show

Il 14/01/2020 alle 11:33Aggiornato Il 14/01/2020 alle 11:43

Promossi e bocciati del girone di andata 2019/2020: dalla rivelazione Dejan Kulusevski al flop epocale del Napoli, i nostri Oscar.

Per trovare tre squadre raccolte in sei punti (potenzialmente 3 se la Lazio dovesse vincere il recupero contro il Verona) bisogna risalire al 2015/2016 dove il Napoli guidava la classifica con 41 davanti a Inter e Juventus (appiaiate a quota 39). È il dato che riflette l'elevatissimo grado di competitività della Serie A 2019/2020: consegnamo i nostri Premi Oscar al girone d'andata 2019/2020!

Il trono d'Inverno: la Juventus

Primato di misura per la Juventus: su 15 vittorie il 73,3% (11) sono arrivate con un solo gol di scarto. Sono 18 i gol al passivo in 19 partite e soli 6 i clean sheet. È il dato più basso dalla stagione 2010-2011, l’ultima senza scudetto: un dato che dovrà senz'altro far riflettere Maurizio Sarri!

STAGIONE GOL SUBITI CLEAN SHEET
2010/2011 24 6
2011-2012 12 10
2012-2013 13 9
2013-2014 12 11
2014-2015 9 12
2015/2016 15 8
2016/2017 16 9
2017/2018 15 9
2018/2019 11 10
2019/2020 18 6

Effetto Conte: Inter

46 punti in 19 giornate (7 punti in più dell’anno scorso), 9 gol in più rispetto all’anno scorso: Antonio Conte, al primo anno, solo col Chelsea nel 2016-2017 aveva totalizzato più punti rispetto a quelli conquistati con l’Inter in questo scorcio di stagione (48 punti in 19 Chelsea, 41 punti in 19 Juventus 2011/2012): finirà come gli altri anni con il trionfo del tecnico salentino oppure questa volta dovrà arrendersi?

Antonio Conte - Inter-Lazio - 2019

Antonio Conte - Inter-Lazio - 2019Getty Images

Deep Impact: Lukaku

Romelu Lukaku ha totalizzato la bellezza di 14 gol in 19 giornate: il cannoniere belga ha fatto meglio di Vieri e Ronaldo (!) al primo anno in Serie A. Sono 24 i gol della coppia Lukaku-Lautaro Martinez: gli ultimi interisti a segnare almeno 10 reti a testa dopo le prime 19 giornate erano stati Zlatan Ibrahimovic e Julio Cruz nel 2007-08 (23: 13 Ibra + 10 del Jardinero). Impressive!

La rivelazione: Lazio

10 vittorie consecutive in campionato (Inzaghi meglio di Eriksson e primo di sempre), 11 punti in più rispetto all’anno scorso, 42 punti (mai nella sua storia aveva totalizzato così tanti punti nel girone d’andata), 13 dei 41 gol nell'ultimo quarto d'ora dove sono maturate 6 vittorie (Fiorentina, Milan, Sassuolo, Cagliari, Brescia e Napoli), 6 gol nei minuti di recupero: nessuno nei top 5 campionati ha segnato tanto... Che Lazio, chi se lo aspettava!

Video - Inzaghi: "I gol oltre il 90' sono una costante, questa Lazio non molla mai"

00:46

La scarpa d'oro: Immobile

Ciro Immobile ha chiuso il girone d'andata a 20 gol, con un match da recuperare ancora: solo Angelillo, Borel, Piola, Vieri e Van Basten hanno raggiunto quota 20 prima del cannoniere biancoceleste. Leader nella Scarpa d’Oro, dal 2016/2017 con la Lazio in A ha realizzato 87 gol in 123 presenze (0,70 media gol per gara); per la quarta annata in carriera ha segnato 20 o più gol in Serie A. Nella storia della massima serie solo Batistuta (5 annate tra il 1995 e il 2001), Nordahl (6 annate fra il 1950 e il 1956) e Meazza (7 annate fra il 1929 e il 1938) hanno segnato 20 o più gol per più stagioni. Higuain dopo lo stesso numero di giornate era fermo a 18: il record di 36 gol può essere cancellato?

La classifica della Scarpa d'oro 2019 in tempo reale

CALCIATORE SQUADRA RETI FATTORE PUNTI
CIRO IMMOBILE LAZIO 20 2 40
ROBERT LEWANDOWSKI BAYERN MONACO 19 2 38
TIMO WERNER LIPSIA 18 2 36
JAMIE VARDY LEICESTER 17 2 34
ERIK SORGA FLORA TALLINN 31 1 31

La macchina da gol: Atalanta

La Dea veleggia con 49 gol segnati e 31 assist in 19 giornate: solo Manchester il City e il Barcellona con lo stesso numero di giornate hanno segnato più gol nei top 5 campionati (Lipsia e Bayern sono a quota 48 e 46 gol ma con due gare in meno). Altri dati significativi: 3 reti in più rispetto alla Serie A 2018-2019, 12 uomini con almeno un gol segnato (davanti alla rivelazione Hellas Verona, 11), 6 giocatori in rosa con almeno 5 o più gol segnati (solo il City nei top 5 campionati ha fatto meglio). La Dea è la squadra con più tiri totali, più tiri in porta, la miglior media gol e in Gosens ha difensore più prolifico dei top 5 campionati (6). Applausi a scena aperta!

La new entry: Kulusevski

4 gol e 7 assist per il gioiello del Parma e futuro bianconero Dejan Kulusevski. Lo svedese di origini macedoni è l'autentica rivelazione della Serie A: nei Top 5 campionati solo Sancho (9 gol e 10 assist) fra i 2000 ha fatto meglio tra i classe 2000. Dopo i primi vagiti nell'Atalanta, squadra in cui è cresciuto, nello scorso campionato questo centrocampista duttile e offensivo è definitvamente esploso con la maglia dei Ducali.

Kulusevski, 2019 Parma

Kulusevski, 2019 ParmaGetty Images

Il flop: Napoli

Numeri desolanti per gli azzurri: -20 punti rispetto alla Serie A 2018/2019,un solo successo nelle ultime 11 partite di campionato, 3 sconfitte nelle prime 4 partite della gestione Gennaro Gattuso. Gli acquisti di Lobotka e Demme riusciranno a risollevare i partenopei?. Napoli primatista anche in sfortuna: ben 21 i pali colpiti, più di ogni altra squadra!

I flop rispetto alla stagione 2018/2019

SQUADRA PUNTI DIFFERENZA
NAPOLI 24 -20
SAMPDORIA 19 -10
MILAN 25 -6
SASSUOLO 19 -6
GENOA 14 -6
SPAL 12 -5
FIORENTINA 21 -5
JUVENTUS 48 -5

Video - Da Buffon a Cavani: la Top 11 del decennio 2010-2019 in Serie A

02:04
0
0