LaPresse

Juve, e trequartista sia in attesa di Ronaldo. Ma la difesa subisce troppi gol

Juve, e trequartista sia in attesa di Ronaldo. Ma la difesa subisce troppi gol

Il 25/09/2019 alle 10:06Aggiornato Il 25/09/2019 alle 10:21

La Juventus vista contro il Brescia ha fatto sicuramente un passo in avanti a livello di costruzione di gioco, con Dybala sempre al centro di ogni trama d'attacco e un Ramsey in grande spolvero. La soluzione col trequartista troverà spazio anche nelle prossime giornate? Dietro si continua, però, a subire gol: ben 7 nelle prime 6 partite ufficiali.

È l’inizio di una nuova era alla Juventus? Contro il Brescia, viste le assenze di Douglas Costa e Cristiano Ronaldo, Sarri ha varato un inedito 4-3-1-2 con un elemento dietro alle due punte per aiutare l’attacco e, soprattutto, per creare minor distanza tra i reparti, cosa di cui la Juventus aveva sofferto terribilmente contro il Verona. I gol al Brescia sono arrivati da calcio piazzato, è vero (autorete di Chancellor sugli sviluppi di un corner, e gol di Pjanic su una ribattuta dopo la punizione di Dybala), ma i bianconeri hanno mostrato maggior fluidità nel proprio gioco, scambi precisi con Dybala al centro di ogni manovra oltre alla grande prestazione di Ramsey. Sarà un modulo replicabile anche con il ritorno di Ronaldo?

Juventus e una nuova idea di gioco: il trequartista

Era dal primo Vidal di Allegri che non si vedeva un trequartista in casa Juventus, con il cileno - comunque - che si inseriva da dietro e rimaneva sulla linea di trequarti. Il classico numero 10 è sempre mancato alla squadra bianconera che ha trovato altri meccanismi per dominare in Italia nelle ultime stagioni. Si torna quindi a quel modulo? Ramsey potrebbe avere proprio questa funzione, con il gallese a fare da tramite tra centrocampo e attacco come capitato contro il Brescia al Rigamonti. In rosa ci sono diversi elementi che possono ricoprire quel ruolo, nel caso l’ex Arsenal non sia in condizione, come Rabiot (come detto da Sarri) o lo stesso Dybala nel caso il tecnico voglia schierare sin da subito l’artiglieria pesante. Un modello che funziona, soprattutto per ridurre la distanza tra i reparti e coprire meglio il campo. Sarà da valutare con il rientro di Douglas Costa e Ronaldo, ma il portoghese è già abituato a giocare in una certa maniera. L'ultimo vero trequartista della Juventus? Zinédine Zidane...

La formazione contro il Brescia

Formazione Juventus con fantasista, 2019

Sarri sul trequartista...

" Trequartista? In questo momento può farlo bene Ramsey, ma anche Rabiot può giocare lì. E anche Dybala sono convinto che in qualche occasione possa farlo anche se lo vedo più attaccante. Dybala ha fatto una buona partita sia in fase offensiva che difensiva, benissimo negli scambi in velocità con Ramsey. Siamo migliorati molto nel palleggio, controllando meglio la partita. Dobbiamo perfezionare meglio la fase difensiva, ma ho visto dei passi in avanti anche nelle occasioni create"

E con Ronaldo in campo? Al Real Madrid c’era Isco a fare il trequartista

E Ronaldo come si piazza in meccanismo? Beh Ronaldo è già abituato a giocare col trequartista, come nella stagione 2016-2017 quando Zidane passò dal 4-3-3 al 4-3-1-2 con Isco dietro alle due punte: Ronaldo - appunto - e Benzema. Fu un successo per il Real Madrid, che in quella stagione vinse sia la Champions League che la Liga, sia per Cristiano Ronaldo che con l’apporto del trequartista riuscì ad andare in gol con maggiore facilità. Al termine di quella stagione il dato statistico recitava: 42 gol fatti e 11 assist forniti in tutte le competizioni, compresi i 12 gol realizzati in quell’edizione di Champions culminata con la vittoria in finale proprio contro la Juventus. Ronaldo c’è e quindi trequartista sia...

Ma in difesa...

Juventus gol subiti, Bonucci De Ligt 2019

7 gol subiti: serve registrare la difesa

Se da una parte si notano dei miglioramenti nella fase offensiva, qualcosa non funziona dietro. Bonucci garantisce la sua prestazione, de Ligt sembra in crescita, ma la Juventus resta troppo vulnerabile e ha incassato un altro gol, il 5° in cinque partite di Serie A, il 7° se contiamo anche il debutto in Champions League. Difesa ancora da registrare, o meglio la fase difensiva, considerando il poco apporto che sta dando il centrocampo. Rabiot è andato male, Khedira ha un’autonomia limitata, ma anche negli altri match - con altri interpreti - non è andata meglio. Come detto, serve del tempo anche a Sarri per cambiare qualcosa in una Juventus che è ancora molto simile a quella dei suoi predecessori, ma 7 gol in 6 partite ufficiali è un dato da riparare in fretta.

Video - Sarri: "L'idea del 4-3-1-2 è nata dopo il ko di Douglas Costa, lo userò anche con Ronaldo"

01:47
0
0