LaPresse

Le pagelle di Parma-Juventus 0-1: Chiellini capitano decisivo, Higuain e Douglas ottimo impatto

Le pagelle di Parma-Juventus 0-1: Chiellini capitano decisivo, Higuain e Douglas ottimo impatto

Il 24/08/2019 alle 20:46

Il migliore in campo è proprio Douglas Costa, ritrovato da subito in fase offensiva. Decisivo Chiellini, buona anche la prima di Higuain. Il peggiore è Gagliolo che soffre tantissimo le spinte offensive proprio del brasiliano della Juventus.

===PARMA===

Luigi SEPE 5,5 – Non perfetto nell’uscita da corner che porta al primo gol della Juventus.

Vincent LAURINI 6 – Partita onesta, specie nella ripresa, quando si fa vedere anche in qualche proiezione offensiva.

Simone IACOPONI 6 Tiene bene botta su un Higuain molto mobile lungo tutto il corso della partita.

Bruno ALVES 6 – Insieme a Iacoponi si muove tutto sommato bene per una Juventus che nel primo tempo pianta le tende. Il Parma soffre, ma non va mai in crisi reale.

Riccardo GAGLIOLO 5 – Che sofferenza per lui, con un Douglas Costa che lo punta con costanza e lo manda in crisi per tutto il match.

Antonino BARILLA 6,5 – Forse il migliore del Parma- Si batte e combatte in tutte le zone del campo. Dall’85’ Yann KARAMOH – sv.

Gaston BRUGMAN 6 – Un po’ troppo lento quando deve far girare il pallone, spesso poco preciso. Dal 77’ Alberto GRASSI – sv.

HERNANI 5,5 – Un avvio promettente, ma poi combina sostanzialmente poco. C’è anche un giallo piuttosto ingenuo.

Dejan KULUSEVSKI 5,5 – Parte benino lo svedese, ma piano piano perde di efficacia. Poca precisione e scarsa concretezza. Dal 57’ Luca SILIGARDI 6 – Non incide particolarmente in fase offensiva, ma porta una buona ondata di freschezza a un Parma che nella ripresa è stato certamente più pericoloso che nel primo tempo.

Roberto INGLESE 6 – Non è facile per lui oggi tra Chiellini e Bonucci, ma quando può dà sempre fastidio. Sponde, anticipi, tocchi a tagliare verso la porta. Insomma, promosso.

GERVINHO 6 – Si nota con un paio di ripartenze in avvio, ma alla distanza non incide e De Sciglio gli prende anche le misure.

All. Roberto D’AVERSA 6 – La prepara nella maniera tutto sommato giusta, anche se nel primo tempo forse si abbassa un po’ troppo. Meglio alla distanza il suo Parma che di certo non dovrà fare risultato in questo tipo di occasioni.

===JUVENTUS===

Wojciech SZCZESNY 6 – Attento su un paio di conclusioni del Parma nel primo tempo. Il resto è ordinaria amministrazione.

Mattia DE SCIGLIO 6 – Alterna buone cose in fase difensiva (un paio di ottime chiusure su Gervinho, ad esempio) a cose decisamente meno buone in avanti, dove su un paio di cross e di controlli c’è da avere i brividi. Il bilancio alla fine è sufficiente, ma niente più di così.

Leonardo BONUCCI 6 – Imposta come al solito, regge bene l’impatto su un Inglese sempre ben controllato insieme a Chiellini.

Giorgio CHIELLINI 7 – Decisivo nel gol; così come in un paio di interventi difensivi volti a chiudere ogni minaccia. Insomma, la solita certezza ‘da capitano’.

Alex SANDRO 6 – La Juventus a sinistra combina pochissimo in fase di spinta, specie nel primo tempo. Alex Sandro si fa vedere, ma anche in questo caso la prestazione è da ‘ordinaria amministrazione’.

Sami KHEDIRA 6 – Un assist al bacio per Ronaldo e una partenza decisamente positiva; cala – e tanto – nella ripresa. Dal 63’ Adrien RABIOT 5 – Impatto piuttosto negativo. Perde tantissimi palloni e appare clamorosamente lento. Non una prima da ricordare.

Miralem PJANIC 6,5 – Sarri per lui vorrebbe “150 palloni a partita”. Non li abbiamo contati, ma Pjanic riparte con sicurezza da faro della Juventus. Ottime anche due chiusure in fase difensiva.

Blaise MATUIDI 6 – Tanto lavoro per la squadra, qualche buon cambio di campo. Tecnicamente resta il più “limitato” del centrocampo bianconero, ma anche lui alla fine è promosso.

Douglas COSTA 7 – Dominante, specie nel primo tempo, con scatti che mandano ‘ai matti’ il povero Gagliolo. E’ il perno offensivo di una Juventus che si muove sulla sua fascia destra a massimo e che ha ritrovato nel brasiliano una freccia davvero troppo poco utilizzata in passato. Dal 71’ Juan CUADRADO 6 – Venti minuti con un paio di spunti interessanti.

Gonzalo HIGUAIN 6,5 – Uno dei più positivi per la Juventus. Lavora benissimo da boa, scende, appoggia, duetta in rapidità nello stretto. Si batte e si ‘sbatte’ per la causa, insomma. Se queste sono le indicazioni la domanda sorge spontanea: cosa se ne farebbe la Juve di un altro centravanti argentino che di mestiere solitamente occupa l’area? Dall’83’ Federico BERNARDESCHI 5 – Entra malissimo in partita, riesce anche a prendersi un giallo.

Cristiano RONALDO 6 – Malino, per i suoi standard. Si mangia due gol nel primo tempo – il colpo di testa e la conclusione da posizione favorevole dopo un grande scambio – ma è anche sempre parte della manovra offensiva. Anche sfortunato, però, nel più millimetrico dei VAR. Può solo crescere, anche lui.

All. Giovanni MARTUSCIELLO 6,5 A.k.a. lo spin doctor di Maurizio Sarri, che davanti alla televisione coordinava i suoi a distanza. Una Juventus dalla filosofia rinnovata che inizia a muovere evidenti passi verso la direzione del gioco.

0
0