Eurosport

Le pagelle di Parma-Milan 0-1: Conti redivivo, Piatek ancora a digiuno. Darmian-Alves, che pasticcio

Le pagelle di Parma-Milan 0-1: Conti redivivo, Piatek ancora a digiuno. Darmian-Alves, che pasticcio

Il 01/12/2019 alle 18:22Aggiornato Il 01/12/2019 alle 18:26

Al Tardini gara decisa da una zampata all'88' di Theo Hernandez. Il terzino ex Atalanta ha frenato tutti i tentativi di fuga di Gervinho, l'attaccante polacco non va a segno dal 20 ottobre. I due difensori ducali colpevoli in occasione del gol partita

--- Le pagelle del Parma ---

Luigi SEPE 6,5 - Dissinesca cinque missili rossoneri e si arrende solo alla carambola che condanna il Parma. Superman

Matteo DARMIAN 5,5 - Una gara tuttosommato sufficiente macchiata irrimediabilmente dal maldestro rinvio che serve su un piatto d’argento il gol partita a Hernandez

Simone IACOPONI 6 - Non fa vedere la palla a Piatek prima e a Leao poi

BRUNO ALVES 5,5 - Domina l'area di rigore sia in terra che in cielo nel primo tempo. E' co-protagonista del disastro finale con Darmian

Riccardo GAGLIOLO 6 - Gara attenta sulle incursioni di Suso e Bonaventura

HERNANI 5,5 - Spreca una ripartenza fulminea di Kulusevski cercando il rimorchio al centro dell'area invece di provare la conclusione tutto solo davanti a Donnarumma. Partita confusa

Gastón BRUGMAN 6 - Sostituisce il convalescente Scozzarella e recupera mille palloni (dal 70' CORNELIUS 5,5 - Non entra praticamente in partita)

Antonino BARILLA' 5,5 - Perde troppi palloni in fase di impostazione (dal 64' GRASSI 5,5 - Non riesce a dare la freschezza richiesta da d'Aversa con il cambio)

Dejan KULUSEVSKI 6 - Fatica a entrare in partita. Intorno alla mezz'ora si sveglia e inizia il duello per cuori forti con Hernandez. Tanta corsa per lo svedese che a volte si perde in leziosità

Juraj KUCKA 5,5 - Gioca da falso nueve, cercando di creare scompiglio nella mediana rossonera. Missione fallita

GERVINHO 5,5 - Partita di sacrificio e di corsa, a volte a vuoto. Spreca un paio di ripartenze importanti, anche se ha l'attenuante della condizione fisica precaria (dall'87' SPROCATI s.v.)

All. Roberto D’AVERSA 5,5 - Difficile giocarsela con la difesa del Milan senza un punto di riferimento davanti. Il suo Parma va in apnea negli ultimi minuti e da lì nasce la disattenzione che costa la quarta sconfitta casalinga

Theo Hernandez esulta per il gol all'88' contro il Parma

Theo Hernandez esulta per il gol all'88' contro il ParmaGetty Images

--- Le pagelle del Milan ---

Gianluigi DONNARUMMA 6 - Spettatore non pagante, gli manca solo l'ombrello per ripararsi dalla pioggia. Nella ripresa si esibisce in un'uscita bassa da applausi in un 1 vs 1 con Gervinho, ma il guardalinee alza la bandierina a fine azione per fuorigioco dell'ivoriano

Andrea CONTI 7 - La miglior partita della stagione fin qui per il terzino ex Atalanta. In fase di copertura è perfetto e non ha assolutamente vita facile visto un cliente scomodo come Gervinho. Interventi ruvidi, precisi e coi tempi giusti. A gennaio, forse, il Milan non avrà bisogno di una terza scelta sulla destra.

Mateo MUSACCHIO 6 - Pochissime sbavature e un lancio di trenta metri sui piedi di Suso che male non fa. In crescita

Alessio ROMAGNOLI 6,5 - Dopo 5 minuti si divora il vantaggio di testa saltando troppo in anticipo. Per il resto solita partita di personalità e autorità. Annulla l'ex rossonero Kucka di fisico

Theo HERNÁNDEZ 7 - Un gol che può valere la svolta della stagione rossonera. La zampata all'88' è l'istantanea perfetta della filosofia del francese: non mollare mai. Ara la fascia sinistra con il motorino a supporto di Calhanoglu e Bonaventura e copre bene le sortite di Kulusevski. Dal Tardini arriva la conferma: il centravanti del Milan gioca sulla fascia sinistra (raggiunto il depresso Piatek a quota 3 dopo i gol con Genoa e Roma). Trascinatore.

Franck KESSIE 6,5 - Due missili che impegnano i guantoni di Sepe. Nel primo tempo in effetti è l'uomo più pericoloso di Pioli, nonostante una botta alla mano che lo condiziona nei movimenti (dal 71' KRUNIC 5,5 - Entra nel momento di massima pressione del Milan, ma lo si vede poco)

Ismael BENNACER 5,5 - Un passo indietro nel giorno del suo 22° compleanno. Non riesce mai a imporre il suo gioco a centrocampo

Giacomo BONAVENTURA 6 - Gara positiva con continui dialoghi con Suso e Calha anche se può dare ancora di più. Da una sua conclusione insidiosa nasce il vantaggio rossonero

SUSO 5,5 - Un assist di qualità e una rasoiata a fil di palo, entrambi nella ripresa: rimane questo di positivo della partita dello spagnolo, ancora troppo discontinuo nella gestione dei novanta minuti.

Krzysztof PIATEK 5 - Alla ricerca di Krzysztof a digiuno dal 20 ottobre. Due occasioni nitide sprecate e tante sponde sbagliate. La sua faccia in panchina dopo il cambio all'ora di gioco è tutto un programma (dal 63' LEAO 6 - Un buon contropiede e poco altro nella sua mezz'ora in campo)

Hakan CALHANOGLU 6,5 - Almeno tre conclusioni pericolose e altrettanti assist. Si riconosce il tentativo del turco di prendersi l'attacco del Diavolo sulle spalle, ma ancora non basta. Da apprezzare il dinamismo e i movimenti sia in verticale che in orizzontale che danno pochi punti di riferimento alla difesa di casa

All. Stefano PIOLI 6 - Un dolce ritorno a casa per Stefano. La sua squadra crea ben 20 occasioni d'attacco, ma non ha ancora il cinismo necessario per competere per un posto in Europa. Ora proseguirà il viaggio sulla via emiliana: Bologna e Sassuolo sono avvertite.

0
0