Getty Images

Le pagelle di Roma-Juventus 1-2: Dybala determinante, serataccia per Kolarov

Le pagelle di Roma-Juventus 1-2: Dybala determinante, serataccia per Kolarov

Il 12/01/2020 alle 23:07Aggiornato Il 13/01/2020 alle 09:59

Migliori e peggiori della sfida tra Roma e Juventus dell'Olimpico. Man of the Match Paulo Dybala, incontenibile all'Olimpico. Bocciato Kolarov.

Le pagelle della Roma

Pau LÓPEZ 5,5 – Trafitto in due occasioni, è protagonista dell’azzardo appoggio per Veretout a originare il pasticcio del francese.

Alessandro FLORENZI 5,5 – Lotta come un capitano ma incide poco e non sfrutta le poche chance. Si riscatta parzialmente nel finale con l’apertura panoramica per Dzeko.

Gianluca MANCINI 5 – Ruvido, troppo ruvido sin dal primo minuto: è lui a provocare la punizione da cui nasce il primo gol poi rimedia un giallo per un’entrataccia ai danni di Matuidi. m

Chris SMALLING 5 – Si fa sorprendere dalla traiettoria velenosa di Dybala in avvio lasciando campo libero a Demiral. Non all’altezza al cospetto della Vecchia Signora.

Aleksandar KOLAROV 4,5 - Poco reattivo sul gol di Demiral e in altre occasioni, stranamente impeciso anche da calcio piazzato (e le occasione le avrebbe avute eccome). Serataccia per il terzino serbo col vizio del gol.

Jordan VERETOUT 5 – Errore da matita blu in occasione del fallo da rigore dello 0-2: dorme e si fa borseggiare la sfera dal felino Dybala. (66’ CRISTANTE 5,5 – Buon impatto dal punto di vista dell’atteggiamento, ma è impreciso in appoggi e conclusioni verso le porta e pure un po’ troppo ruvido).

Amadou DIAWARA 6 – Tra i più meritevoli delle file della Roma, bene per dinamismo e personalità pur tra qualche pausa.

Nicolò ZANIOLO 6,5 – Fino all’infortunio era stato il migliore della Roma, quello più intraprendente e dentro la partita. In bocca al lupo, Nicolò, quelle lacrime non le avremmo mai volute vedere (36’ UNDER 6,5 – Impatta bene nel match e non a caso è lui a procurarsi il penalty).

Video - Perotti: "Zaniolo? Il campo dell'Olimpico non è all'altezza della Serie A"

00:51

Lorenzo PELLEGRINI 5,5 – In quel sinistro sparacchiato alto da ottima posizione (quello del potenziale 2-2) c’è tutta la sua partita... Non certo trascendentale!

Diego PEROTTI 6 – Ectoplasmatico a lungo, trasforma con freddezza il penalty che riapre il match dell’Olimpico disputando nel complesso una ripresa “onesta”. (83’ KALINIC sv)

Edin DZEKO 5,5 – Servito poco e male dai compagni, ci mette anche dal suo. Rientra improvvisamente nel match con il palo sverniciato con gran conclusione e il cross che da il la al penalty dell’1-2. Ma per uno come lui è troppo poco.

All. Paulo FONSECA 5,5 – Roma ridimensionata da questo nefasto avvio di 2020: pesano tantissimo le due sconfitte interne contro Torino e Juventus. I giallorossi non sembrano essere al livello delle prime tre della classe (ma anche della stessa Atalanta), ma a Fonseca va lasciato tutto il tempo necessario per lavorare. Si può ripartire dalla reazione d’orgoglio nella ripresa.

Cristiano Ronaldo

Cristiano RonaldoGetty Images

Le pagelle della Juventus

Wojciech SZCZESNY 6 – Concentrato e attento nelle rare occasione in cui la Roma prova a uscire dal guscio. Non può nulla sul chirurgico rigore di Perotti.

Juan CUADRADO 5,5 – Non è un terzino puro e si vede: in ritardo sul gol incassato dalla Juventus, falloso e distratto in altre occasioni.

Merih DEMIRAL 7 - Primo gol in maglia bianconera per il roccioso centrale turco, davvero dominante sulle palle alte. Sfortunato perchè atterra male sul ginocchio sinistro da un imperioso stacco aereo ed è costretto al forfait. (19’ DE LIGT 6,5 – Gran salvataggio nel finale su Dzeko, gettato nella mischia in una situazione non facile vince i duelli più importanti).

Leonardo BONUCCI 6 – Qualche sporcatura qua e là, ma ha il soliuto piglio autoritario nel comandare la difesa.

ALEX SANDRO 5,5 – Rimette di fatto in gioco la Roma con l’ingenuo fallo di mano che costa il calcio di rigore. Uno svarione che sporca una prestazione sin lì più che sufficiente.

Adrien RABIOT 6 – Procede a sprazzi ma sa rendersi utile: salva un gol già fatto sulla conclusion a botta sicura di Pellegrini, lancia i compagni negli spazi con tocchi ispirati. Calo evidente nella ripresa.

Miralem PJANIC 6 – Qualche pallone perso in zone sanguinose, non da lui: sarebbe potuto costare caro. Secondo tempo al piccolo trotto.

Blaise MATUIDI 6,5 - Solita energia illimitata per il mediano bianconero, il pioù dinamico dei centrocampisti bianconeri.

Aaron RAMSEY 5,5 – Parte in sordina sbagliandl qualche appoggio di troppo, chiude bene il primo tempo ma sparisce nella ripresa e viene sostituito da Maurizio Sarri (70’ DANILO 5,5 – Non un gran ingresso in partita, a dimostrare quanto Sarri non si sbagliasse sul suo contro. Per riguadagnare una maglia da titolare dovrà sudare parecchio.)

Paulo DYBALA 7 – Argento vivo addosso per la Joya” bianconera: ispira Demiral con punizione arrotata, si procura il penalty del 2-0 con guizzo felino: l’uomo in più della Juventus senza se” e senza ma”. (69’ HIGUAIN 6 – Gol annullato per millimetrico offside su scarico di Ronaldo, poi viene fermato ancora per offside.)

Cristiano RONALDO 6,5 – Si procura la punizione da cui nasce il gol del vantaggio, è freddo dal dischetto. Gol numero 14 in 16 partite di campionato, da sei consecutive a segno: e menomale che stava per imboccare il Viale del Tramonto secondo alcuni luminari... Mezzo punto in meno per un solare gol fallito nell’ultima parte del match: poteva e doveva chiudere la pratica!

ALL. Maurizio SARRI 6,5 – La sua Juventus si laurea Campione d’Inverno lasciando per strada solamente nove punti (!) in 19 partite. Non sarà ancora la creatura a immagine e somiglianza, ma i bianconeri rimangono a tutti gli effetti una macchina schiacciasassi con ampi margini di miglioramento... Ed è questa la notizia che deve spaventare la concorrenza: pur senza incantare la Juve vince (quasi) sempre.

Video - Sarri: "Dybala? È anche colpa vostra, se venisse scuoiato dalla stampa ci penserebbe due volte"

01:01
0
0