Getty Images

Nainggolan al top, Inter in vetta: separazione conveniente per tutti o rimpianto per i nerazzurri?

Nainggolan al top, Inter in vetta: separazione conveniente per tutti o rimpianto per i nerazzurri?

Il 03/12/2019 alle 17:05

Mentre l'Inter guarda tutti dall'alto in basso, il sorprendente Cagliari è in zona Champions: la separazione tra il centrocampista belga e la società nerazzurra col senno di poi ha giovato ad ambo le parti.

" Sono contento ora per come vanno le cose qui e per il cammino della mia ex squadra. Mi sento fisicamente bene, ho fatto una preparazione importante con lo staff di Conte e quindi un po' lo ringrazio. Hanno fatto delle scelte, ora sono felice qui e stiamo facendo qualcosa d'importante "

Le parole di Radja Nainggolan seguite al rocambolesco e spettacoloso 4-3 interno contro la Sampdoria risultano emblematiche: la separazione tra il centrocampista belga e l’Inter col senno di poi ha giovato ad ambo le parti. Costretto a “subire” la decisione condivisa da Marotta e Conte, Nainggolan ha (ri)trovato nella Sardegna la personalissima isola felice per rifiorire ritrovando il suo miglior calcio. E mentre l’Inter del condottiero Conte – qualificatasi in Champions anche grazie ai gol di Radja nel convulso rush finale della scorsa stagione – veleggia al comando della Classifica, il Cagliari del lider maximo Nainggolan è saldamente agganciato al quarto posto e sogna in grande. Rimpanti? Giusto non nutrirne, in ogni caso!

Nainggolan a Cagliari

Nainggolan al suo meglio

I numeri certificano il fatto che se quello del Cagliari bis non è il miglior Nainggolan di sempre, poco ci manca. In 11 gettoni con la maglia rossoblù il 31enne belga ha già collezionato 4 gol e 4 assist per i compagni. Il fendente da fuori area che ha riaperto con la partita con la Samp e il cross al bacio per Joao Pedro sono ancora vividi nella nostra memoria, così come i tre splendidi assist serviti contro la Fiorentina cui ha addizionato un siluro nel “sette”. Questo Nainggolan tirato a lucido grazie alla preparazione agli ordini dello staff di Antonio Conte e al lavoro quotidiano ad Assemini è il trascinatore assoluto del gruppo extra lusso messa a disposizione dal patron Giulini a mister Maran quest’estate. Non a caso il “ninja” a margine del posticipo con la Sampdoria ha ricevuto il premio per il miglior giocatore di novembre. Le voci statistiche divulgate dalla Lega sono sintomatiche di uno stato di grazia totale:

  • La sua capacità di optare per la miglior scelta di gioco ha rasentato la perfezione (98%). Inoltre – accompagnata ad un'altissima efficienza nei passaggi chiave ad alta difficoltà (94%) – ha consentito di sfruttare al meglio le caratteristiche dei compagni, con il conseguente incremento dell'efficienza di squadra di circa il 2%
  • Un’aggressività offensiva del 97%, che ha contribuito in maniera decisiva ad accelerare la manovra e le ripartenze, ed una difensiva del 96%, con indici elevati sia in termini di pressing sia di 1vs1 difensivo. Ciò gli ha permesso di recuperare palla o di agevolare indirettamente la riconquista di squadra in oltre l'80% dei casi
  • Il mix in termini di efficienza tattica e fisica (94%) lo rendono uno dei giocatori più performanti e completi di questo mese, con 2 reti messe a segno.

Cagliari in Europa poi addio Italia?

Continuiamo a pensare che la qualificazione alla prossima Champions League rimanga proibitivo per un Cagliari comunque più che competitivo per centrare la zona Europa League e fare il diavolo a quattro in Coppa Italia. E dopo aver portato il suo Cagliari più in alto possibile che ne sarà di Radja? Quale la successiva tappa in carriera? Difficile, se non impossibile, ipotizzare un ritorno nei ranghi dell’Inter sotto la legislatura Conte-Marotta, ma anche una permanenza a Cagliari con il club isolano a rilevarne il cartellino e corrispondergli l’intero ammontare dell’ingaggio. Più realistico, dunque, pensare a una sua cessione all’estero: a un approdo in un campionato “esotico” dietro offerta faraonica, a un ritorno a casa in Belgio per ragioni personali oppure in un club di fascia medio-alta in Premier per affinità elettive con il campionato inglese. Intanto, però, c’è da riscrivere la storia sportiva della sua isola felice.

Video - Cagliari pazza di Nainggolan! Bagno di folla in aeroporto per il ritorno del Ninja in rossoblù

01:05
0
0