Getty Images

Pioli: "Difesa a 3? È una possibilità; Ibrahimovic? Grande giocatore, ma gennaio è lontano"

Pioli: "Difesa a 3? È una possibilità; Ibrahimovic? Grande giocatore, ma gennaio è lontano"
Di Eurosport

Il 09/11/2019 alle 13:54Aggiornato Il 09/11/2019 alle 14:19

Parla il tecnico del Milan Stefano Pioli alla vigilia della proibitiva sfida dell'Allianz Stadium contro la Juventus.

"La classifica ci dice che siamo lontani dalla Juve ma le partite iniziano 0-0 e undici contro undici. Abbiamo di fronte una grande sfida, contro la squadra più forte in Italia e tra le più forti in Europa, ma le grandi sfide significano grandi opportunità. Dobbiamo giocare a testa alta". Così Stefano Pioli, allenatore del Milan, alla vigilia della sfida dell'Allianz Stadium. "Abbiamo fatto 4 punti in 4 partite e sono pochi, dovevamo avere dei punti in più, è rammarico che però ci deve dare ancora più attenzione e più cura dei particolari", ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. "Abbiamo giocato alla pari contro tutti gli avversari, ma in alcuni episodi ci siamo fatti sorprendere, e non siamo stati precisi. Sono esperienze - ha sottolineato - che ci devono servire per crescere e aumentare il livello della prestazione. Dovrà essere superiore anche a quello dell'ultima partita, che già era stato buono".

Cambio modulo

" Gli allenamenti sono fatti per cambiare le situazioni, è un'opportunità e vediamo domani sera cosa sceglieremo"

Difesa a 3

" Se dovessi farla è per avere più vantaggi. L'abbiamo fatta anche nel secondo tempo con la Lazio, non credo sia solo la posizione in campo la vera ricetta. Dobbiamo essere compatti e aggressivi, incontriamo giocatori di grande qualità. Dobbiamo saper leggere tutte le situazioni, penso di dover mettere in campo i giocatori giusti per fare bene"

"Domani possibile la difesa a tre? E' un'opportunità, vediamo quale modulo utilizzare. Quando faccio delle scelte cerco di avere più vantaggi che svantaggi". Così Stefano Pioli sul chiacchierato cambio modulo. "L'abbiamo fatta anche nel secondo tempo con la Lazio. Non credo sia quella la ricetta per dare equilibrio", ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. Dobbiamo stare bene in campo, essere attenti e compatti, aggressivi. Incontriamo giocatori con grande qualità, la Juve fa sempre le scelte giuste", ha spiegato. "Noi dobbiamo saper leggere tutte le situazioni. Non credo ci sia un sistema di gioco migliore di un altro, ma servono le caratteristiche giuste per affrontare la partita". Quanto alle condizioni di Suso, "ha fatto buona settimana. L'ho visto bene in buone condizioni, è sicuramente disponibile per giocare", ha sottolineato Pioli.

Ibrahimovic

" Se un giocatore come Ibrahimovic servirebbe a questo Milan? Se cominciamo a parlare di gennaio adesso, la vedo difficile... E' un grande giocatore e professionista, ma il mercato di gennaio è molto lontano. Ci sarà modo e tempo per fare le valutazioni"

I giocatori votano Pioli

" Se votano Pioli devono vincere. Insieme siamo più forti, ma dobbiamo vincere. Si allenano bene ma deve essere così perchè siamo dei professionisti. Se spingono per me devono spingere anche in campo per vincere"

Una vittoria allo Stadium "a noi servirebbe tanto, poi parlare di svolta è sempre difficile. La svolta è sempre la prossima partita. Quello che conta è la classifica finale, siamo in ritardo e dobbiamo fare tanti punti. Chiaro che a livello mentale e morale fare bene domani sera significherebbe tanto". Così Pioli sul delicatissimo impegno dell'Allianz Stadium. "Dobbiamo essere concentrati, è una sfida difficilissima ma dobbiamo essere pronti a lottare, a giocare e non arrendersi mai". "Che squadra è la Juve? Ho visto dal vivo le loro prime due partite, a Parma e Firenze. Credo siano state le uniche in cui non è stata così dominante sul campo come poi è diventata. In quelle due partite ha fatto fatica ma era facile immaginarselo. Adesso - ha continuato - è una squadra completa, esistono pochi punti deboli. Non chiedetemi se dovremo fare la partita perfetta perché non esistono, ma non esiste nemmeno la squadra perfetta. La Juve ha fisicità, sa leggere le situazioni, attaccare, difendere, soffrire. Ma dei punti deboli li hanno anche loro", ha sottolineato il tecnico rossonero. "Dobbiamo essere bravi attraverso la nostra prestazione a metterli in evidenza".

Video - Pioli: "Chi fa i calendari dovrebbe rispettare il Milan: un giorno di riposo in meno non è giusto"

01:53
0
0