LaPresse

Al Cesena lo spareggio playoff col Novara, Pescara cinquina a Modena e 3° posto ipotecato

Al Cesena lo spareggio playoff col Novara, Pescara cinquina a Modena

Il 14/05/2016 alle 17:08Aggiornato Il 14/05/2016 alle 18:19

Ai romagnoli basta un gol di Ragusa per vincere lo scontro diretto contro i piemontesi e blindare un posto ai playoff: Novara scavalcato anche dall'Entella che rifila 4 gol all'Avellino e vede vicinissima la qualificazione agli spareggi. In coda il Livorno passa a Ascoli e riaccende le speranze di evitare la retrocessione: Modena (ko col Pescara) e Salernitana (ko a Cagliari) sono solo a 1 punto

Brescia-Bari 2-3 (31’ Morosini, 83’ Embalo, 15’, 90’ Rosina, 23’ Puscas)

Successo sofferto ma fondamentale in chiave playoff per il Bari che passa 3-2 a Brescia grazie a un calcio di rigore trasformato da Rosina nel recupero dopo essersi fatto rimontare da 2-0 a 2-2 a meno di dieci minuti dalla fine. I pugliesi restano così al quinto posto tenendo il ritmo del Trapani, appena due punti avanti, con cui la squadra di Camplone giocherà nell'ultima giornata. Per le 'rondinelle', nonostante la quarta sconfitta consecutiva, rimane la buona prestazione in un finale di stagione a cui i ragazzi di Boscaglia hanno poco da chiedere. Al 15' i biancorossi sbloccano il risultato con Rosina, che ringrazia una 'papera' di Minelli, che si lascia sfuggire il pallone sotto le gambe dopo una agevole conclusione. Otto minuti Puscas firma il raddoppio con un facile tapin su assist dello stesso Rosina. La gara sembra chiusa ma poco dopo la mezz'ora il Brescia la riapre con una splendida conclusione dalla distanza di Morosini. Al 36' però duro colpo per le speranza di rimonta dei padroni di casa: Kupisz viene infatti espulso per proteste per qualche parola di troppo rivolta al direttore di gara. Nonostante l'inferiorità numerica la gara resta equilibrata anche nella ripresa: Micai salva sul copo di testa di Caracciolo, poi è Morosini a sfiorare il pareggio, sempre su palla inattiva. Il Bari si sveglia e in cinque minuti sfiora il tris in tre occasioni, prima con Boateng poi con Puscas e infine con Tonucci. Il Brescia non è domato e infatti al 38' Embalo direttamente su calcio di punizione firma il 2-2. Sembra finita ma in pieno recupero Lancini commette fallo in area su Di Noia. Rosina non sbaglia dal dischetto e regala i tre punti al Bari.

Rosina, Dezi, Bari-Como, LaPresse

Rosina, Dezi, Bari-Como, LaPresseLaPresse

Cesena-Novara 1-0 (5’ Ragusa)

Il Cesena si aggiudica lo scontro diretto con vista sui playoff battendo 1-0 il Novara al 'Manuzzi' e portandosi così al quinto posto in classifica con 65 punti, in coabitazione con lo Spezia impegnato domani nel posticipo con il Como. I piemontesi vengono invece scavalcati dall'Entella e al momento sarebbero fuori dai playoff. La squadra di Baroni oltretutto nell'ultima giornata se la vedrà con il Modena, coinvolto nella bagarre per non retrocedere. I padroni di casa partono forte e passano in vantaggio al 5' con Ragusa, che sfrutta a dovere il suggerimento di Falco e trafigge Da Costa con un tiro in corsa al termina di un'azione in contropiede. Sulle ali dell'entusiasmo per il vantaggio la squadra di Drago continua a premere e sfiora il raddoppio in due situazioni con Ciano e con Ragusa. La risposta degli ospiti è affidata a Corazza, la cui conclusione si spegne sul fondo. Ben più incisiva la girata di Gonzalez al 19' che costringe Gomis al primo intervento di giornata. Poco dopo la mezzora il Cesena torna a farsi vedere davanti con una punizione di Ciano deviata in angolo da Da Costa. Nella ripresa i romagnoli continuano a cercare il colpo del ko ma né Falco né Kessie riescono a inquadrare lo specchio della porta. Rispetto al primo tempo gli ospiti sono più vivi e nel giro di un paio di minuti Gonzalez spreca due ottime occasioni. A dieci minuti dalla fine i piemontesi restano in dieci per l'espulsione per somma di ammonizioni di Dell'Orco, ma nonostante l'inferiorità numerica l'ultima opportunità capita sulla testa del neoentrato Galabinov che non inquadra lo specchio della porta salvando il Cesena.

Trapani-Crotone 3-0 (42’ Perticone, 66’ Scognamiglio, 66' De Cenco)

Il Trapani travolge il Crotone 3-0 nella 41esima giornata di Serie B e continua a sperare nel 3° posto. Allo stadio Provinciale, 3-0 il finale. Perticone sblocca il risultato di testa al 42', il raddoppio porta la firma di Scognamiglio, che risolve una mischia in area al 65'. Il neoentrato De Cenco cala il tris al 76' con un mancino imparabile dai venti metri. I pitagorici di Juric perdono la vetta del campionato alla penultima curva a scapito del Cagliari. I siciliani di Cosmi restano invece a -1 dal Pescara nella corsa al terzo posto che vorrebbe dire fattore campo a favore in tutti i playoff.

Gianluca Lapadula Pescara 2016

Gianluca Lapadula Pescara 2016LaPresse

Modena-Pescara 2-5 (7’ Bentivoglio, 51’ Luppi, 35’ Caprari, 46’ Benali, 81’ Memushaj, 63’, 90’ Lapadula)

Il solito Lapadula firma una doppietta e trascina il Pescara alla vittoria per 5-2 in casa del Modena nella 41/a giornata di Serie B. Gli abruzzesi di Oddo difendono così il terzo posto utile nei playoff a scapito del Trapani, gli emiliani invece restano al terzultimo posto con la Salernitana e si giocheranno la salvezza all'ultima giornata contro il Novara. Canarini in vantaggio con un gran gol al volo di sinistro di Bentivoglio al 7', pareggio di Caprari al 34' con destro a incrociare imparabile per Manfredini. Nella ripresa il Modena risponde subito al nuovo vantaggio del Pescara al 46' con Benali pareggiando 5' dopo con Luppi, ma poi crolla sotto i colpi di Lapadula che al 63' riporta avanti gli abruzzesi. Gli emiliani restano anche in dieci al 73' per l'espulsione per doppia ammonizione di Marzorati. Nel finale ci pensano Memushaj e ancora Lapadula a chiudere i conti. Il bomber di origini peruviane si porta a quota 26 gol stagionali.

Cagliari-Salernitana 3-0 (57’ Salamon, 75’ Giannetti, 78’ Sau)

Il Cagliari non fa sconti alla Salernitana, vince 3-0 davanti al proprio pubblico per festeggiare la promozione in Serie A e si prende la testa della classifica del campionato di Serie B a una giornata dalla fine approfittando dello stop del Crotone. Dopo un primo tempo avaro di emozioni la gara si sblocca nella ripresa. Sul corner in favore dei sardi Salamon centra di testa la traversa per poi avventarsi prontamente sulla ribattuta e trafiggere Terracciano. Gli ospiti non hanno la forza per reagire e al 31' subiscono il 2-0 con Giannetti, che non sbaglia da distanza ravvicinata su assist di Joao Pedro. Per i campani cala la notte al 34' quando Bernardini per un brutto fallo a centrocampo su Fossati lascia in dieci la squadra di Menichini, che un minuto dopo viene trafitta da Sau per il 3-0 finale. I sardi centrano così il terzo successo di fila, mentre la Salernitana resta ferma a 42 punti in attesa della sfida decisiva in ottica salvezza dell'ultima giornata con il già retrocesso Como.

Virtus-Entella-Avellino 4-0 (12’ Staiti, 34’ Masucci, 37’ Palermo, 61’ Sini)

La Virtus Entella travolge con un netto 4-0 l'Avellino nella 41/a giornata del campionato di Serie B. I liguri regolano senza patemi gli irpini e salgono a quota 64, +2 sul Novara nella corsa all'ottavo posto utile per i playoff. Ora per raggiungere la postseason la squadra di Aglietti dovrà fare risultato in casa del Crotone. Avellino ormai fuori da tutti i giochi. L'Entella chiude i conti già nel promo tempo chiuso sul 3-0: le reti di Staiti al 12' su assist di Palermo, di Masucci al 34' bravo a beffare Offredi dopo una corta respinta su azione di calcio d'angolo e infine con un gran gol di tacco di Palermo su cross di Di Carmine. Il secondo tempo è poco più di un allenamento: i liguri calano il poker al 63' con una punizione mancina di Sini. Nel finale irpini in dieci per l'espulsione di Paghera per doppia ammonizione.

Latina-Vicenza 2-1 (25’ Paponi, 53’ Olivera, 56’ Signori)

Il Latina batte 2-1 il Vicenza al Francioni nella 41/a giornata di Serie B conquistando tre punti preziosissimi in chiave salvezza. Con i veneti già salvi, ma comunque in partita, decidono le reti di Paponi e Olivera su rigore. Per gli ospiti a segno Signori. I pontini salgono a quota 45 punti, +3 su Modena e Lanciano, mentre i veneti restano fermi a 48. Al 25' Paponi sblocca il risultato dopo che Sampirisi, nel tentativo di allontanare il pallone, aveva colpito la traversa. Al 53' il Latina radoppia su rigore di Olivera concesso per fallo di Adejo su Bandinelli. Al 56' però Signori accorcia le distanze per il Vicenza, ribadendo in rete dopo una respinta corta di Ujkani su tiro di Vita. Nel finale ospiti in dieci per l'espulsione di Adejo per doppia ammonizione.

Ruben Olivera Latina 2015 LaPresse

Ruben Olivera Latina 2015 LaPresseLaPresse

Ascoli-Livorno 1-3 (56’, 90’ Aramu, 73’ Cinaglia, 79’ Vantaggiato)

Grande prova d'orgoglio del Livorno che espugna 3-1 il 'Del Duca' di Ascoli restando aggrappato a una salvezza difficile ma ancora alla portata della squadra di Gelain, considerando lo scontro cruciale dell'ultima giornata contro il Lanciano. I toscani si portano infatti a 41 punti, a una sola lunghezza dalla zona playout. Sono i padroni di casa a partire meglio: al 15' il colpo di testa di Mengoni si spegne di poco sul fondo. Gli ospiti non riescono a rendersi pericolosi, ma al 40' l'inerzia della gara cambia in occasione dell'espulsione per doppia ammonizione di Giorgi, che lascia in dieci i marchigiani. Nella ripresa infatti all'11' Aramu porta in vantaggio i labronici con un sinistro sotto la traversa su torre di Vantaggiato. L'Ascoli non ci sta e al 28' trova il pareggio con Cinaglia, che approfitta di un errore di Ricci per siglare l'1-1. Nei dieci minuti finali le motivazioni degli ospiti però prevalgono: al 32' Vantaggiato su calcio di rigore per un fallo di Lanni su Aramu firma il raddoppio. I padroni di casa rimangono addirittura in nove al 40' per il rosso per proteste a Perez. I toscani ne approfittano e in pèieno recupero chiudono la partita con la doppietta personale di Aramu che tiene in piedi le chances di salvezza del Livorno.

Virtus Lanciano-Ternana 1-1 (17’ Marilungo, 90’ Valjent)

Termina con un pareggio 1-1 la sfida tra Lanciano e Ternana valida per la 41/a giornata di Serie B. Un risultato che serve a poco agli umbri, ormai tranquilli, mentre potrebbe costare caro agli abruzzesi in ottica salvezza. Padroni di casa in vantaggio per 1-0 grazie alla rete di Marilungo con un destro al volo su cross di Giandonato. La reazione degli ospiti arriva al 39' con Furlan che colpisce il palo da ottima posizione. Nella ripresa sono sempre i padroni di casa a fare la partita, ma non riescono a chiudere la partita. Al 86' Ferrari, tutto solo, calcia alto da due passi. A tempo quasi scaduto, la Ternana, rimasta in dieci numerica per l'espulsione di Gonzalez, trova un insperato pareggio con il neoentrato Valjent.

0
0