LaPresse

Serie B a 19 squadre ufficiale, ok della FIGC e calendario stilato: una squadra riposerà

Serie B a 19 squadre ufficiale, ok della FIGC e calendario stilato: una squadra riposerà
Di LaPresse

Il 13/08/2018 alle 20:54Aggiornato Il 13/08/2018 alle 22:21

La FIGC ha dato l'ok per il varo della Serie B a 19 squadre: presentato il calendario, ogni giornata ci sarà una squadra che riposerà.

Con un comunicato ufficiale il commissario straordinario della Figc, Roberto Fabbricini, ha dato il via libera alla disputa del prossimo campionato di Serie B a 19 squadre. Una delibera con la quale si modifica "con effetto immediato, d'intesa con la Lega Nazionale Professionisti Serie B e sentite le componenti tecniche, l'articolo 49 delle Noif". Per il prossimo anno quindi il campionato cadetto sarà a 19 squadre anziche' 22, mantenendo inalterato il numero delle promozioni (3 squadre) e delle retrocessioni (4 squadre).

Questa la prima giornata del campionato di Serie B sulla base del sorteggio effettuato nella sede della Lega a Milano. Si parte il 24 agosto con l’anticipo Brescia-Perugia.

  • Ascoli-Cosenza
  • Benevento-Lecce
  • Brescia-Perugia
  • Cittadella-Crotone
  • Cremonese-Pescara
  • Foggia-Carpi
  • Verona-Padova
  • Salernitana-Palermo
  • Venezia-Spezia
  • Riposa Livorno.

Non accadeva dalla stagione 1967/68 che la Serie B partiva con un organico dispari. Sono cinque i turni infrasettimanali: martedì 25 settembre, martedì 30 ottobre, giovedì 27 dicembre, martedì 26 febbraio 2019, martedì 2 aprile 2019. Si giocherà nei turni festivi di lunedì 22 aprile 2019 (Pasquetta) e di mercoledì 1 maggio 2019. La novità sarà il turno di riposo in concomitanza con la sosta per le nazionali: 8-9 settembre, 13-14 ottobre, 17-18 novembre, 23-24 marzo 2019. Si gioca il venerdì alle 21, due partite il sabato alle 15 una alle 18, due la domenica alle 15 e una alle 21 e una il lunedì alle 21. In tv il campionato cadetto sarà trasmesso dalla neonata emittente DAZN, con la Rai che trasmetterà l'anticipo del venerdì.

" Noi abbiamo atteso rispettosamente le determinazioni assunte dalla Figc. Abbiamo fatto una istanza legittima, che proveniva da 19 società del campionato di Serie B. Io ho sempre avuto massimo rispetto per tutti, abbiamo atteso le decisioni per tutelare i nostri club"

Lo ha detto il presidente della Lega Serie B, Mauro Balata, a margine della compilazione dei calendari del campionato cadetto per la stagione 2018/2019. "Io posso solo ringraziare la Figc e il Commissario, persona perbene e che io stimo, che ha voluto dare anche lui un messaggio per il bene e per il futuro del calcio", ha aggiunto.

" Bisognerà fare una riflessione profonda, avere regole certe e tempi più accelerati. Bisogna dare certezze a tutti i soggetti che operano nel mondo del calcio"

Sulle possibili reazioni delle società escluse dai ripescaggi, dal Novara al Catania, dalla Ternana alla Pro Vercelli, fino al Siena, Balata ha detto: "Io ho preso atto di un comunicato ufficiale arrivato dall'organo superiore, la Federazione. Noi siamo rispettosi di tutti, ma siamo al 13 agosto senza capire chi c'era e chi non c'era. Noi, con un campionato che parte il 24 agosto, avevamo l'esigenza di dire alle nostre società di partire e giocare le partite". Ancora sulle società escluse, il presidente della Lega ha detto: "E' anomalo il fatto che ci siamo trovati a dover registrare delle problematiche di alcune società importanti, di tifoserie che si è detto sono state offese da quanto accaduto. Città che hanno rappresentato un valore aggiunto per il nostro campionato, con un record di presenze di tifosi. Non ho nulla nei loro confronti, ma noi abbiamo sempre rispettato le regole". Sulla riforma della giustizia sportiva, invece, Balata ha detto: "Lo dico da mesi, quello che si è visto quest'anno ne è la prova: si deve fare di meglio e di più. Non si può arrivare a ferragosto in questa situazione, anche questa litigiosità fra le società. E' un qualcosa che non fa bene al mondo del calcio. La svolta non dipende solo da noi, noi siamo pronti a fare la nostra parte. Cercheremo, superato questo momento particolare di criticità, di fare delle riflessioni tutti insieme con la Federazione e gli organi preposti". Con il campionato a 19 squadre si pone anche il problema dei tifosi che hanno acquistato l'abbonamento a Dazn per un campionato a 22.

" Ridiscutere i diritti televisivi? Non mi risulta. Siamo convinti di poter fare un campionato avvincente, con un valore tecnico importante e qualcosa faremo per i tifosi. Bisogna avere la volontà di mettersi in discussione, abbiamo cercato di dare un contributo. Dobbiamo cercare di ritrovare serenità, dare un messaggio di insieme e di visione per il mondo del calcio"

Video - Sognando la Serie A: Francesco Renzi, figlio dell'ex Premier Matteo, è nella Primavera dell'Udinese

00:56
0
0