LaPresse

Ronaldo squalificato? Il Real Madrid si gode Asensio, rimasto grazie a... Rafa Nadal

Ronaldo squalificato? Il Real Madrid si gode Asensio, rimasto grazie a... Rafa Nadal

Il 17/08/2017 alle 01:25Aggiornato Il 17/08/2017 alle 01:59

CR7 non ci sarà per le prossime partite? No problem, il Real Madrid ha una vasta scelta in avanti, dal rientro al 100% di Bale ad un Isco in crescita, senza dimenticare il 'fenomeno' Asensio che sta acquisendo sempre più spazio tra i blancos. Il maiorchino è andato a segno ancora una volta, con un fantastico gol al Barcellona in Supercoppa. Questo sarà l'anno della sua esplosione definitiva?

Il Real Madrid non è assolutamente contento per quanto accaduto al Camp Nou. Ok la vittoria, in trasferta, contro il Barcellona per 3-1 e la ‘quasi’ assoluta certezza di portarsi a casa un altro trofeo, ma la squalifica di Cristiano Ronaldo ha rovinato qualsiasi tipo di festa. Il portoghese non salterà solo la sfida di ritorno contro il Barça al Bernabéu, ma anche le prime 4 giornate di campionato che vedranno i blancos opposti a Deportivo la Coruña, Valencia, Levante e Real Sociedad. Sicuramente un’assenza importante, ma decisiva? No, soprattutto calcolando il rientro di Bale, un Isco sempre più in crescita, e la presenza di giovani di assoluto valore come Ceballos e Asensio (senza dimenticare Lucas Vázquez). Il Real Madrid può sentirsi al sicuro, per adesso, avendo un Asensio a tratti devastante quando parte palla al piede…

Ad ogni debutto un gol con la maglia del Real Madrid

Asensio - Real Sociedad-Real Madrid - Liga 2016/2017 - Getty Images

Asensio - Real Sociedad-Real Madrid - Liga 2016/2017 - Getty ImagesGetty Images

Una volta rientrato Ronaldo, Asensio non ha più lo stesso minutaggio, ma Zidane è bravo a non lasciarlo in panchina a fare la muffa, dandogli spazio anche in Coppa del Re e Champions League ed altri due gol al debutto: in Europa mette la sua firma nel 5-1 al Legia Varsavia, qualche giorno dopo c’è un suo gol anche nel 7-1 al Cultural Leonesa nel primo turno di Coppa del Re. Nessun gol, invece, nel Mondiale per club, ma semplicemente perché non ha giocato neanche un minuto nelle due sfide contro Club América e Khasima Antlers che hanno portato il Real Madrid a diventare Campione del Mondo. Non solo i gol al debutto, non dimentichiamoci quello che ha fatto per tutta la stagione: importante alternativa all’attacco, oltre a 10 gol e 4 assist messi a referto in stagione in 38 presenze. Gol anche importanti, da quello al Bayern Monaco nel ritorno dei quarti di finale di Champions, al 4-1 di Cardiff contro la Juventus in finale.

Asensio, Morata - Juventus-Real Madrid - Champions League 2016/2017 - LaPresse/EFE

Asensio, Morata - Juventus-Real Madrid - Champions League 2016/2017 - LaPresse/EFELaPresse

La stagione è iniziata e Asensio non ha perso il vizio, prima gara in Supercoppa di Spagna e primo gol, e che gol contro il Barcellona. Gol che ha ripetuto anche nella gara di ritorno, sorprendendo ter Stegen ancora una volta.

I debutti gol con gol di Asensio

Data Gara Competizione
9-08-2016 Real Madrid-Siviglia 3-2 dts Supercoppa europea
21-08-2016 Real Sociedad-Real Madrid 0-3 Liga
18-10-2016 Real Madrid-Legia Varsavia 5-1 Champions League
26-10-2016 Cultural Leonesa-Real Madrid 1-7 Coppa del Re
13-08-2017 Barcellona-Real Madrid 1-3 Supercoppa di Spagna

Asensio e l’endorsement di… Rafa Nadal

E dire che nella scorsa stagione, Asensio non avrebbe dovuto giocare nel Real Madrid. Per il maiorchino era atteso un altro prestito, probabilmente ancora all’Espanyol dopo aver militato nei catalani nella stagione 2015-2016, salvo la retromarcia di Florentino Pérez che ha chiesto a Zidane di provarlo in prima squadra a seguito di un endorsement molto importante… quello di Rafa Nadal. Il tennista, anche lui maiorchino, è tifosissimo del Real Madrid e ogni tanto si intrattiene con il presidente Florentino Pérez quando è di stanza a Madrid. Proprio prima della stagione passata, ci fu una cena tra i due, e uno dei temi di discussione fu proprio Asensio, con Nadal che invitò Pérez e il Real Madrid a trattenere il giocatore per una stagione e provarlo in prima squadra. Zidane ha messo in pratica tutto ciò, ricordiamo, complice l’assenza di Ronaldo infortunato, ma l’esperimento è riuscito alla grande con gol e grandi performance.

Il futuro di Asensio: c’è l’Arsenal, ma il Real punta al rinnovo con clausola rescissoria monstre

Il rinnovo di Asensio non è ancora stato firmato, ma ormai sembra solo una formalità. Il Real Madrid si vuole infatti tutelare, piazzando sul giocatore una clausola rescissoria da 350 milioni, visti i tempi… L’Arsenal però vuole accelerare le operazioni e cercare di convincere il giocatore prima della firma che renderebbe incedibile il maiorchino: ora come ora, la clausola del giocatore è di 80 milioni e il prezzo è già più ragionevole per i gunners (sul giocatore si sarebbe mosso anche il Barcellona, dice la stampa spagnola), ma ad oggi è impensabile vedere Asensio lontano da Madrid.

0
0