Getty Images

L'Italia sfida il Portogallo in un San Siro sold out, fortino azzurro e teatro dell'incubo Svezia

L'Italia sfida il Portogallo in un San Siro sold out, fortino azzurro e teatro dell'incubo Svezia
Di Eurosport

Il 16/11/2018 alle 19:45Aggiornato Il 16/11/2018 alle 22:02

La Nazionale si gioca il primo posto nel gruppo 3 di Nations League nello stadio di Milan e Inter. Statistiche, precedenti e fascino di San Siro, dove un anno fa salutammo in largo anticipo il Mondiale di Russia. Contro il Portogallo ci sarà il tutto esaurito: sono stati venduti 73mila biglietti.

Italia-Portogallo si avvicina e l’attesa sale per un match decisivo per gli azzurri di Roberto Mancini nella neonata UEFA Nations League. E se la gloria della competizione è ancora relativa, provare a vincere contro una big del calcio europeo sarebbe utile per un gruppo in cui molti interpreti sono ancora acerbi e in cerca di certezze. Una sfida che si giocherà sul prato di San Siro, teatro di tante soddisfazioni per la nostra Nazionale ma anche di delusioni storiche.

Video - Insigne: "La panchina di Ventura di un anno fa? Fa più male non essere andato al Mondiale"

01:30

L’ultima volta è da incubo

Partiamo dal 13 novembre 2017, il giorno più buio della storia della Nazionale italiana. San Siro si veste a festa e si riempie fino al suo ultimo seggiolino per sostenere una squadra che non può proprio fallire l’accesso ai Mondiali di Russia, nonostante la sconfitta all’andata dei playoff con la Svezia. E invece l’incubo è realtà: incapaci di fare un gol in due confronti con gli scandinavi, guarderemo la Francia vincere la Coppa del Mondo dai nostri divani e il nome di Ventura sarà per sempre legato a una disfatta storica. Questa sarà dunque la prima volta che l’Italia torna a calcare il prato del disastro e alcuni dei protagonisti di quella sera saranno ancora in campo: Bonucci, Chiellini, Florenzi, Jorginho, Immobile, secondo le ultime indiscrezioni di formazione. Per loro non sarà difficile trovare ulteriori motivazioni per conquistare i tre punti e offuscare (perchè cancellare non si può) il dramma di un anno fa.

Olsen contro Immobile in Italia-Svezia

Olsen contro Immobile in Italia-SveziaGetty Images

Tradizione favorevole

Al di là dell’ultimo episodio, la storia che lega l’Italia e San Siro è decisamente positiva. La Nazionale non ha mai conosciuto sconfitta alla Scala del calcio, a partire da Italia-Cecoslovacchia 2-2 del 20 febbraio 1927. A Milano, la Nazionale ha perso due volte ma in entrambi i casi si giocava all’Arena Civica. In tutto, sotto la Madonnina, gli azzurri vantano 37 successi e 17 pareggi. San Siro ha ospitato la semifinale dei Mondiali del 1934 (Italia-Austria 1-0), e una partita del girone agli Europei del 1980 (Italia-Spagna 0-0). Nessuna partita dell'Italia si è giocata a Milano nè agli Europei del 1968 nè ai Mondiali del 1990. Da ricordare un Italia-Brasile 3-0 del maggio 1963, quando gli azzurri di Edmondo Fabbri dominarono i verdeoro di Pelè.

Vittoria d'obbligo

Gli azzurri hanno vinto le quattro sfide disputate a Milano contro il Portogallo, l’ultima con Arrigo Sacchi in panchina nelle qualificazioni per i Mondiali del 1994. Sabato sera, per sperare di passare il turno e giocarsi fino in fondo la prima Nations League della storia serviranno necessariamente i tre punti, come un anno fa con la Svezia. Non vale un Mondiale nè porta il rischio di una retrocessione, ma vincere sabato vale eccome. E il fascino e l'abbraccio del nostro stadio più rappresentativo giocheranno la loro parte.

Video - Dalla possibile rinascita all'addio polemico, il folle mese di Ventura al Chievo

01:38
0
0