Getty Images

Simon Yates trionfa ancora nel giorno di Scarponi: sulla salita di Osimo è imprendibile

Simon Yates trionfa ancora nel giorno di Scarponi: sulla salita di Osimo è imprendibile

Il 16/05/2018 alle 16:45Aggiornato Il 16/05/2018 alle 17:44

Nella tappa che passa da Filottrano per la commemorazione del compianto Michele Scarponi, la maglia rosa sferra l'attacco a pochi chilometri dalla fine, domina il rientro di Dumoulin e Formolo e centra la seconda vittoria di tappa al Giro 101. Pozzovivo e Pinot a 8 secondi, Aru a 21. Ancora più indietro Chris Froome e Miguel Angel Lopez.

Eurosport Player : Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport

Simon Yates non si batte! Nel giorno di Michele Scarponi, l'inglese della Mitchelton Scott dà ancora la paga a tutti sul traguardo da classica di Osimo e aumenta il suo vantaggio in classifica generale. Secondo un grande Tom Dumoulin, l'unico a contenere la sparata del leader su uno strappo che poteva metterlo in difficoltà, terzo un sempre più brillante Davide Formolo. Pinot e Pozzovivo arrivano insieme a 8 secondi, Aru chiude la top 10 di giornata tagliando il traguardo a 21 secondi dalla maglia rosa. Ancora in ritardo Chris Froome e Miguel Angel Lopez, superati in graduatoria dal sardo della UAE Emirates. Dieci giorni da padrone della corsa rosa per Simon Yates, che sabato sarà chiamato al grande banco di prova. Potrà lo Zoncolan minare le sue apparentemente inattaccabili certezze?

L'ordine d'arrivo

1. Simon YATES (GBR) Mitchelton Scott 3h25'53''
2. Tom DUMOULIN (NED) Team Sunweb +2''
3. Davide FORMOLO (ITA) BORA Hansgrohe +5''
4. Alexandre GENIEZ (FRA) Ag2R +8''
5. Domenico POZZOVIVO (ITA) Bahrain Merida st
6. Patrick KONRAD (AUT) BORA Hansgrohe st
7. Thibaut PINOT (FRA) FDJ st
8, Maximilian SCHACHMANN (GER) Quick-Step +11''
9. Rohan DENNIS (AUS) BMC +18''
10. Fabio ARU (ITA) UAE Emirates +21''

Omaggio a Scarponi

La Assisi-Osimo è una tappa speciale di questo Giro d’Italia. È quella che gli organizzatori hanno scelto per omaggiare Michele Scarponi, scomparso in un incidente il 22 aprile 2017 e mai dimenticato dal gruppo e dagli amanti del ciclismo. Una prova disegnata su strade a lui note e in particolare nella sua Filottrano, a scalare quel terribile muro che si staglia nel suo paese d’origine. Il Giro 101 ha ricordato Michele in ogni tappa con striscioni, foto, scritte e cori. Ma oggi proprio tutti gli hanno dedicato un pensiero. E lui avrà apprezzato, col suo solito sorriso.

Video - "Michele Scarponi era talmente una bella persona che me lo immagino sempre qui al nostro fianco..."

01:05

Prova da attaccanti

Si parte nella splendida cornice di Assisi e anche oggi è subito bagarre. I cacciatori di fughe hanno segnato in rosso questa tappa del Giro 101 e ci provano corridori di tutte le squadre. Ma il gruppo ingrana le marce alte e quasi tutti gli attaccanti rimbalzano indietro. E non è un caso se a fare la differenza sono degli specialisti: Alessandro De Marchi (BMC) e Luis Leon Sanchez (Astana) sono i primi a riuscire ad andarsene. Il plotone dà il suo benestare e la fuga si concretizza. Poco dopo si sganciano altri tre corridori: Fausto Masnada (Androni), Mirco Maestri (Bardiani) e Alex Turrin (Wilier Triestina). I tre rientrano sulla coppia di testa dopo un breve inseguimento.

Tappa a Filottrano

Masnada vince il Gpm di terza categoria di Passo del Cornello. Dietro, intanto, il gruppo continua a menare. Lotto Fix All e LottoNL Jumbo tengono alta l’andatura, lavorando rispettivamente per Enrico Battaglin e Tim Wellens, entrambi a caccia del secondo acuto di tappa del loro Giro 2018. La distanza tra gli attaccanti e il plotone non arriva mai oltre i 4 minuti. Ai -30 km si arriva a Filottrano, il momento emotivamente più alto della tappa. Luis Leon Sanchez, uno dei corridori più legati a Scarponi, vince il traguardo volante in cima all’erta. Sullo strappo si staccano Maestri e Turrin.

Video - Il Giro passa da Filottrano, Magrini si commuove ricordando Michele Scarponi

01:29

Finale da classica

Il lavoro dei fuggitivi è da applausi, ma il gruppo, pur sfilacciandosi sui numerosi muri di fine percorso, arriva come un treno. Il ricongiungimento si concretizza ai -5 km e in contropiede parte Zdenek Stybar. Tim Wellens sa che può essere la ruota giusta e salta sulle ruote del ceco della Quick-Step. Mentre la coppia prova a prendere il largo, si stacca ancora dai migliori Esteban Chaves, dimostrando di non aver superato i problemi di ieri. Anche Froome e Lopez faticano in fondo al gruppetto. Il finale non dà respiro e anche l'azione di Stybar e Wellens sfuma. E proprio quando vengono ripresi arriva la sparata di Simon Yates. Il primo a rispondere alla maglia rosa è Dumoulin: l'olandese si tiene con le unghie e con i denti a pochi secondi dall'inglese nonostante le asprissime pendenze. Ma per la vittoria di tappa, ancora una volta, non ce n'è per nessuno. Yates scollina da solo e mantiene il margine nel breve rettilineo finale, vincendo la sua seconda tappa in questo Giro. Giovedì vestirà una maglia sempre più rosa per il sesto giorno di fila.

Video - Rivivi lo scatto finale vincente di Simon Yates sulla salita di Osimo

00:54

La carovana ripartirà da Osimo con una tappa prevalentemente pianeggiante. Si arriverà a Imola, passando anche per il circuito automobilistico.

La classifica generale

1. Simon YATES (GBR) Mitchelton Scott 47h08'21''
2. Tom DUMOULIN (NED) Team Sunweb +47''
3. Thibaut PINOT (FRA) FDJ +1'04''
4. Domenico POZZOVIVO (ITA) Bahrain Merida +1'18''
5. Richard CARAPAZ (ECU) Movistar +1'56''
6. George BENNETT (AUS) LottoNL Jumbo +2'09''
7. Rohan DENNIS (AUS) BMC +2'36''
10. Fabio ARU (ITA) UAE Emirates +3'10''
11. Miguel Angel LOPEZ (COL) Astana +3'17''
12. Chris FROOME (GBR) Team Sky +3'20''
21. Davide FORMOLO (ITA) BORA Hansgrohe +6'03''

Video - I momenti chiave dell'11esima tappa: tante fughe, Sanchez a Filottrano e la vittoria di Yates

02:36

0
0