Getty Images

Quanto hanno guadagnato i vincitori di Grandi Giri e Classiche? Bernal in testa, chiude Pedersen

Quanto hanno guadagnato i vincitori di Grandi Giri e Classiche? Bernal in testa, chiude Pedersen
Di Eurosport

Il 08/11/2019 alle 11:25Aggiornato Il 08/11/2019 alle 12:05

Dal nostro partner OAsport.it

I ciclisti hanno due strade per fare crescere i propri conti correnti bancari: la prima è il classico stipendio garantito dalle proprie squadre e la seconda è quella di ottenere degli eccellenti risultati in gara in modo da accaparrarsi i vari premi messi in palio dagli organizzatori. Qualsiasi corsa ha un montepremi, più o meno alto a seconda dell’importanza dell’evento, e le migliaia di euro previste al traguardo mettono sempre l’acquolina in bocca agli atleti - anche se va precisato che questi assegni vanno sempre divisi con compagni e staff senza i quali il raggiungimento di certi risultati sarebbe praticamente impossibile.

Video - "Tour 360", tappa 21: Premi, pagelle e canzoni... Vive le Tour e Grazie Egan Bernal!

12:34

Quanti soldi hanno guadagnato i vincitori dei Grandi Giri e delle Classiche Monumento in questa annata che volge ormai al termine? Il Tour de France si conferma l’evento ciclistico più prestigioso, importante e ricco con un montepremi faraonico di oltre due milioni di euro e il vincitore Egan Bernal ha naturalmente sorriso con indosso la maglia gialla sui Campi Elisi a Parigi. Il colombiano del Team Ineos ha conquistato il suo primo trionfo in un Grande Giro e ha incassato anche un corposo assegno di circa 550mila euro: 500mila per il primo posto in classifica generale a cui si aggiungono altri riconoscimenti per traguardi di minor caratura.

Carapaz - Giro d'Italia 2019 - Getty Images

Carapaz - Giro d'Italia 2019 - Getty ImagesGetty Images

L’ecuadoriano Richard Carapaz ha invece vinto il Giro d’Italia precedendo Vincenzo Nibali: il sudamericano ha sorpreso un po’ tutti e ha letteralmente fatto saltare il banco riuscendo a indossare la maglia rosa sul podio finale di Verona. L’alfiere della Movistar (dal prossimo anno anch’egli al Team Ineos) non aveva mai ottenuto risultati di questo calibro e a maggio è entrato nella storia garantendosi anche un bel gruzzolo di circa 314mila euro (265mila per il primo posto in classifica generale più i vari premi extra per vittorie di tappa e altre graduatorie).

Video - Il capolavoro di Alberto Bettiol: prima vittoria in carriera al Giro delle Fiandre

01:02

Decisamente inferiore il premio per lo sloveno Primoz Roglic che si è dovuto "accontentare" di circa 200mila euro per il suo trionfo alla Vuelta di Spagna. Cifra irrisoria, invece, per i vincitori delle cinque Classiche Monumento: appena 20mila euro a testa per il francese Julian Alaphilippe (Milano-Sanremo), il nostro Alberto Bettiol (Giro delle Fiandre), il belga Philippe Gilbert (Parigi-Roubaix), il danese Jakob Fuglsang (Liegi-Bastogne-Liegi), l’olandese Bauke Mollema (Giro di Lombardia). È andata ancora peggio al danese Mads Pedersen, Campione del Mondo con appena 7750 euro in tasca per la sua apoteosi iridata nello Yorkshire.

Video - Pedersen non ci crede dopo l'oro: "Io puntavo a sopravvivere in attesa di Valgren e Fuglsang"

01:44
0
0