Getty Images

Kwiatkowski vince allo sprint a Fóia, anticipati Mollema e Geraint Thomas

Kwiatkowski vince allo sprint a Fóia, anticipati Mollema e Geraint Thomas

Il 15/02/2018 alle 19:30Aggiornato Il 15/02/2018 alle 19:43

Dal nostro partner OAsport.it

Michal Kwiatkowski conquista la tappa regina della 44a edizione della Volta ao Algarve. Il polacco si è imposto in uno sprint a gruppo ristretto sulla salita finale di Fóia, riuscendo a sfruttare al meglio il suo spunto veloce negli ultimi metri. Alle sue spalle si è piazzato l’olandese Bauke Mollema e il britannico Geraint Thomas, che diventa leader della generale.

7 in fuga, ci sono anche Lampaert, Pöstlberger e Degenkolb

La fuga di giornata parte dopo 10 km ed è formata da sette corridori: Lukas Pöstlberger (Bora), Yves Lampaert (Quick Step), Benjamin King (Dimension Data), John Degenkolb (Trek Segafredo), Marcos Jurado (Efapel), Oscar Pelegri (Rádio Popular-Boavista) e Ricardo Mestre (W52-Porto). Il loro vantaggio arriva a toccare i 7’, ma sui duri strappi della parte centrale della tappa, il gruppo recupera terreno. All’imbocco della salita finale di Fóia, a 15 km dal traguardo, rimane al comando una coppia formata da Pöstlberger e King con circa 50” di vantaggio, mentre il resto della fuga viene ripreso.

Controlla la SKY, poi vince Kwiatkowski

Il ritmo del gruppo, tirato dagli uomini del Team Sky, è pero notevolmente superiore e anche questo tentativo viene annullato ai -9 km. Poco dopo la formazione britannica decide di fare una mossa a sorpresa e lancia all’attacco Vasil Kiryienka. Diversi corridori provano ad andare a riprendere il bielorusso, che riesce però a resistere fino ad un km dal traguardo, quando viene raggiunto dal gruppetto dei migliori. Il successo si decide quindi con una volata ristretta sulla rampa finale, con il Team Sky che pilota al meglio Kwiatkowski: scatto negli ultimi 200 metri con il polacco che tiene a distanza Mollema e il compagno di squadra Geraint Thomas. Allo stesso tempo troviamo anche Daniel Martin e Jaime Roson, mentre gli altri corridori, tra cui anche Richie Porte, accusano un distacco di 3”.

0
0