AFP

Primi fuochi alla Vuelta: tappa a Geniez, Valverde beffa Froome, Contador si stacca

Primi fuochi alla Vuelta: tappa a Geniez, Valverde beffa Froome, Contador si stacca

Il 22/08/2016 alle 17:17Aggiornato Il 22/08/2016 alle 18:43

Alexandre Geniez della FDJ si prende il primo arrivo in salita della Vuelta sul Mirador de Ezaro, staccando Ruben Fernandez nuova maglia rossa (+21") e Valverde (+26") della Movistar. Embatido all'arrivo con Froome e Chaves; Quintana paga 4", Contador nono a 54". Chiude la top-ten Gianluca Brambilla.

Il primo arrivo in salita della Vuelta a España, con pendenze oltre il venti per cento come da costume, decreta il passaggio della maglia rossa dal Team Sky alla Movistar - che avevano chiuso con lo stesso tempo a cronometro e sono di fatto le squadre dominanti della corsa - e una classifica generale che delinea le ambizioni di Alejandro Valverde, secondo a 7" dal compagno Ruben Fernandez, Chris Froome (+11") in rimonta verso il Mirador e sullo scatto netto degli spagnoli, e i colombiani Nairo Quintana ed Esteban Chaves a +17". E oltre il quinto posto del capitano della Orica, c'è già un certo divario: Samuel Sanchez a 46 secondi, Gianluca Brambilla decimo a un minuto, Contador fuori dalla top-ten a un minuto e mezzo, Scarponi a 2'03, Kruijswijk a 2'14. La rampa di Ezaro ha acceso la miccia sulle strade della Roja.

VIDEO: La Movistar si prende la maglia rossa; Contador è fuori dalla top-ten

Primi cento chilometri piani e costieri di litoranea galiziana dal via di Marìn, fino ai meno cinquanta con due Gran premi della montagna in breve successione, l'Alto de Lestalo di terza categoria e l'Alto das Paxareiras di seconda, e il traguardo sul Mirador de Ézaro, con una salita finale da Quilmas di appena duemila metri, ma pendenze da rampa fino a oltre il 21%. Roba da grimpeur alla spagnola: nel 2012, vinse Purito Rodriguez davanti a Contador e Valverde.

PICTURE: Il podio spagnolo della Vuelta 2012

Valverde, Contador y Purito Rodríguez en la Vuelta 2012

Valverde, Contador y Purito Rodríguez en la Vuelta 2012AFP

La fuga del giorno - Gatis Smukulis (Astana), Alexandre Geniez (FDJ), Jérôme Cousin (Cofidis), Pieter Serry (Etixx Quickstep), Simon Pellaud (IAM Cycling), David Arroyo (Caja Rural) e Rüdiger Selig della Bora-Argon - ha consevato un vantaggio di 5 minuti sul gruppo maglia rossa fino ai -58km di Alto de Lestalo, quando Pellaud ha allungato sugli altri battistrada scollinando in solitaria e iniziando la salita di Paxareiras con oltre 6' di margine su Michał Kwiatkowski... Ma è qui che la Sky inizia a ricucire il margine mentre lo svizzero della IAM Cycling si pianta prima del secondo Gpm e in testa alla corsa s'avvicendano Serry e Geniez a cambi regolari.

VIDEO: Non c'è pace per Lopez: dall'errore a cronometro alla caduta nella 3a tappa

Scusa, questo video non è più disponibile

Ai meno dieci, si rivede Pellaud in terzetto di testa con l'avallo del Team Sky e la stoppata della Etixx-Quickstep (per Serry e capitan Brambilla) in uscita dall'ultima curva prima della salita di Quilmas. E le rampe iniziali mietono vittime, proprio a partire dai fuggitivi superstiti, tutti al gancio tranne Geniez contro il forcing della Movistar, schierata in piedi sui pedali. A ruota di Valverde e Quintana, ci sono Chaves e Contador, mentre Froome si stacca nell'ultimo chilometro ma risale d'andatura su Valverde (terzo per l'abbuono) precedendo Quintana di 4 secondi e Contador di 28". Vince il francese Alexander Geniez in fuga dalla prima ora di corsa e bissa il successo di Peyragudes alla Vuelta 2013: dietro lo scalatore della FDJ, inizia la grande guerra di Spagna, di cui Valverde e la Movistar sono i primi incursori.

VIDEO: 4a tappa da Betanzos a San Andrés: un altro arrivo in salita per infiammare la Vuelta

0
0