Eurosport

Viviani si prende anche Madrid! E Simon Yates vince la Vuelta di Spagna numero 73

Viviani si prende anche Madrid! E Simon Yates vince la Vuelta di Spagna numero 73

Il 16/09/2018 alle 20:46Aggiornato Il 16/09/2018 alle 20:48

Il campione italiano domina anche l'ultima volata, battendo ancora una volta Sagan e Nizzolo. Si tratta del successo numero 18 in stagione. Simon Yates ufficializza quanto già conquistato ieri e vince il primo Grande Giro in carriera, precedendo sul podio Enric Mas e Miguel Angel Lopez.

Eurosport Player: Guarda tutte le tappe LIVE

Guarda Eurosport

Nella città del Re, vince da dominatore. Elia Viviani chiude la Vuelta numero 73 nel migliore dei modi, sbaragliando per l'ennesima volta la concorrenza anche sul traguardo di Madrid, come in altre 17 occasioni quest'anno. Un altra vittoria da copertina, da dividere però con colui che questa corsa l'ha dominata nell'arco delle tre settimane: Simon Yates. L'inglese entra ufficialmente nel libro dei grandi di questo sport, portando a casa il suo primo Grande Giro con classe e testa, con gambe e coraggio. Con lui, su uno dei più giovani podi degli ultimi anni, ci sono Enric Mas e Miguel Angel Lopez. C'è da scommettere che li rivedremo ancora così, magari a posizioni invertite, magari al Giro d'Italia o al Tour de France.

Video - Che numero di Elia Viviani! L’azzurro vince a Madrid e cala il tris alla Vuelta

01:28

L'ordine d'arrivo della 21^ tappa

1. Elia VIVIANI (ITA) Quick-Step Floors 2h21'28''
2. Peter SAGAN (SVK) BORA Hansgrohe st
3. Giacomo NIZZOLO (ITA) Trek Segafredo st
4. Danny VAN POPPEL 8NED) LottoNL Jumbo st
5. Marc SARREAU (FRA) FDJ st
6. Jon ABERASTURI (ESP) Euskadi st
7. Simone CONSONNI (ITA) UAE Emirates st
8. Matteo TRENTIN (ITA) Mitchelton Scott st
9. Tom VAN ASBROECK (BEL) Education First st
10. Ryan GIBBONS (SAF) Dimension Data st

Tempo di passerella

È tempo degli onori, delle celebrazioni e dei complimenti. Con la passerella finale tra Alcorcon e Madrid si chiude la Vuelta di Spagna numero 73. Un’edizione spettacolare e imprevedibile, oltre che durissima come vuole la tradizione. Una tappa finale divisa in due: nella prima, spazio alle foto di rito e ai brindisi tra i vincitori della corsa, schierati fianco a fianco, con il gruppo “impegnato” in un’andatura poco più che turistica. Nella seconda, con l’inizio del circuito cittadino nella capitale spagnola, si comincia a fare sul serio.

Anton saluta, poi si parte

Oggi non finisce solo la Vuelta, ma anche la carriera di Igor Anton. 35 anni, 14 vittorie in carriera, tra cui 4 tappe alla Vuelta e lo Zoncolan al Giro del 2011. Uno così è amatissimo nel suo Paese e rispettato dal gruppo, che gli concede la sfilata solitaria davanti a tutti per il primo giro nel centro di Madrid. Bella scena. Salutato lo spagnolo, inizia la corsa, quella vera. Subito in 6 all’attacco, tra cui l’indomabile Alessandro De Marchi. Tentativo annullato. Ci prova un nuovo quartetto, con Rosskopf, Stalnov, Rubio e Bravo. Ma il gruppo li tiene nel mirino, trainato da un Majka versione gregario e dalla Quick-Step di Viviani.

Viviani non si batte!

Il copione della tappa più scontata della Vuelta non subisce variazioni e a 7 chilometri dal traguardo il gruppo torna compatto. Si vola a 70 km/h, i gregari dei velocisti tirano a bocca aperta. Una curva a gomito scompone un po' il gruppo e rende il finale più imprevedibile. La Quick-Step non controlla la corsa come al solito e Viviani, un po' indietro rispetto al solito, battezza la ruota di Sagan. A 600 metri dal traguardo prova ad allungare Bennati, spesso protagonista a Madrid, ma il corridore della Movistar non fa la differenza. Parte la volata, Cortina sulla destra, Van Poppel a centro strada. In questo momento Viviani ne ha almeno una decina davanti e comincia il suo slalom speciale. Elia si allarga sulla sinistra, salta gli avversari come birilli e vince di una bicicletta. Mostruoso. Dopo lo sprint i corridori arrivano alla spicciolata. Qualcuno sorride, molti si abbracciano, altri guardano il cielo e ringraziano. E Anton scende dalla bicicletta e la alza sopra la testa sulla linea del traguardo. È stata una Vuelta durissima e meravigliosa.

Video - Viviani: "Orgoglioso della mia squadra e della Vuelta che ho fatto"

01:11

La classifica generale

1. Simon YATES (GBR) Mitchelton Scott 82h05'58''
2. Enric MAS (ESP) Quick-Step Floors +1'46''
3. Miguel Angel LOPEZ (COL) Astana +2'04''
4. Steven KRUIJSWIJK (NED) LottoNL Jumbo +2'54''
5. Alejandro VALVERDE (ESP) Movistar +4'28''
6. Thibaut PINOT (FRA) FDJ +5'57''
7. Rigoberto URAN (COL) Education First +6'07''
8. Nairo QUINTANA (COL) Movistar +6'51''
9. Ion IZAGIRRE (ESP) Bahrain Merida +11'09''
10. Wilco KELDERMAN (NED) Team Sunweb +11'11''

Video - Giorgia Bronzini che spettacolo! Saluta il ciclismo con una vittoria alla Challenge di Madrid

01:25
0
0