Reuters

Ancora montagne, ancora Cunego

Ancora montagne, ancora Cunego
Di Eurosport

Il 13/09/2009 alle 18:44Aggiornato

Damiano Cunego trionfa nella 14a tappa della Vuelta, tagliando in solitaria il traguardo in altura sulla Sierra de la Pandera: il ciclista della Lampre-Ngc vince davanti a Jacob Fuglsang e Samuel Sanchez. La maglia oro resta sulle spalle di Valverde

Seconda vittoria alla Vuelta per Damiano Cunego: a due settimane dall'attesissimo appuntamento con il Mondiale di Mendrisio, il veronese della Lampre-Ngc dimostra di essere in ottima forma conquistando la 14esima tappa e arrivando solo sul traguardo in altura di Sierra de la Pandera, precedendo il danese Jacob Fuglsang e lo spagnolo Samuel Sanchez.

Dopo le fatiche imposte ai corridori negli ultimi due giorni, gli organizzatori hanno optato per una tappa più breve e nonostante ciò lo spettacolo non è mancato. A 15 km dal traguardo, Cunego si stacca dal gruppo dei nove battistrada e sulla vetta conclusiva rifila oltre due minuti di distacco a Fuglsang.

L'azzurro si era imposto anche nell'ottava tappa trionfando nella Alzira - Alto de Aitana, la prima frazione di montagna. Meno bene è andata a Ivan Basso, che con il nono posto di oggi perde 40 secondi da Sanchez e con essi anche la terza posizione della classifica generale.

La maglia oro di leader della corsa resta invece saldamente sulle spalle di Alejandro Valverde: a tre chilometri dalla fine, lo spagnolo è riuscito a resistere agli attacchi di Basso, Evans e Gesink piazzandosi in quinta posizione.

Davvero difficile, a questo punto, che l'olandese della Rabobank possa strappare a Valverde la vittoria in questa 64esima edizione della Vuelta visto che accusa un ritardo di 31 secondi dall'attuale leader della corsa. Lunedì si corre la 15a tappa, 167 chilometri da Jaen a Cordoba.

0
0