Getty Images

Arrivabene: "Le porte per Mick Schumacher in Ferrari saranno sempre aperte, ma va lasciato crescere"

Arrivabene: "Le porte per Mick Schumacher in Ferrari saranno sempre aperte, ma va lasciato crescere"

Il 15/09/2018 alle 09:59Aggiornato Il 15/09/2018 alle 10:55

Dal nostro partner OAsport.it

Il Team Principal della Ferrari Maurizio Arrivabene ha spiegato la scelta di ingaggiare Charles Leclerc per la prossima stagione, con il conseguente addio di Kimi Raikkonen. Il monegasco è ovviamente un colpo in prospettiva. Infatti stiamo parlando di un ragazzo di soli 20 anni, che avrà modo di crescere ancora molto e poi potrà diventare grande protagonista nelle prossime stagioni. Una decisione presa in prima persona da Arrivabene, come ha raccontato alla Gazzetta dello Sport:

" Quando prendi una decisione del genere non lo fai pensando al presente e ai valori attuali. È una scelta per il lungo periodo. È una decisione che abbiamo perso e comunicato con tutto il rispetto a Kimi, come pilota e come uomo. Una scelta che mi sembra chiara, che ho fatto io, non Homer Simpson o chissà chi. E che sono convinto sia giusta per noi e anche per Kimi. L’errore più grande adesso sarebbe quello di mettere troppo pressione su Leclerc. Che è uno dei migliori talenti, Grazie a Dio è con noi e con noi resterà almeno fino al 2022."

Tornando invece alla lotta per il Mondiale, Arrivabene non vuole dare colpe a Sebastian Vettel, nonostante i diversi errori commessi dal pilota tedesco:

" Tutti in F1 fanno errori e noi vinciamo e perdiamo tutti insieme. Se puntassi il dito contro di lui dovrei farlo anche contro altri quando i problemi sono al motore o al pit stop. E non è quello che voglio. Se ci sono stati errori, la responsabilità è mia. Accetto le critiche, a patto che siamo in buona fede. Perché sono una persona corretta."

Infine un pensiero anche per Mick Schumacher che sta brillando nella Formula 3 Europea e per cui le porte di Maranello in futuro potrebbe schiudersi:

" Con un nome così, scritto nella storia della Ferrari, è ovvio che per lui la porta di Maranello sarebbe sempre aperta. Ma lasciamolo crescere senza pressioni. Gli auguro una grande carriera. "

alessandro.farina@oasport.it

0
0