Getty Images

Contrordine Ferrari, niente appello contro la penalità a Vettel in Canada

Contrordine Ferrari, niente appello contro la penalità a Vettel in Canada

Il 13/06/2019 alle 14:30Aggiornato Il 13/06/2019 alle 17:15

Secondo la BBC ed altri media inglesi, la Ferrari - che ha tempo fino a questa sera alle 22 per presentare appello contro la penalità di 5 secondi comminata nel GP del Canada ai danni di Sebastian Vettel - avrebbe informato la Fia che non presenterà appello. Il Cavallino intende comunque mantenere il suo "diritto di revisione".

La Ferrari non farà appello contro la penalizzazione di 5" inflitta dai commissari di gara a Sebastian Vettel nel Gran Premio del Canada, che sono costati al pilota tedesco la vittoria, andata a Lewis Hamilton. E' quanto scrive il 'Daily Mail', spiegando che il team ha informato la Fia che non presenterà appello prima della scadenza di questa sera. Il Cavallino intende comunque mantenere il suo "diritto di revisione" ai sensi dell'articolo 14 del codice sportivo della Fia, che consente di mettere in discussione il verdetto se venissero portati nuovi elementi significativi.

I motivi dietro al no

Alla base della scelta della Ferrari ci sarebbe il fatto che – come cita l’ultimo paragrafo del provvedimento n°42 dei commissarri della FIA – le penalità inflitte in gara sono appellabili. Insomma se l’appello della scuderia di Maranello fosse accettato e discusso, la Mercedes avrebbe diritto a sua volta a protestare sostenendo che Hamilton ha adeguato la sua tattica di gara alla sentenza emessa dal collegio giudicante chiedendo un secondo grado di giudizio, per cui non se ne verrebbe mai fuori.

E se si andasse al TAS?

Come anticipato però la Ferrari non molla e punta alla revisione del caso. Come sottolineano sia Motorsport,com che il Daily Mail, la scuderia di Maranello potrebbe chiedere l'applicazione dell'Articolo 14.1.1 del Codice Sportivo che concede di portare nuove prove oppure fare ricorso a un Ente esterno alla FIA come il TAS di Losanna (a cui si appellò Valentino Rossi nel 2015 dopo il celebre SepangClash” con Marquez) l’organismo autonomo cui vengono affidate le controversie giuridiche, regolamentari e finanziarie in materia di sport, la cui soluzione non è prevista dalle regole che gestiscono l'attività sportiva. Insomma la partita potrebbe non essere finita e la Rossa potrebbe aprire un vero e proprio contenzioso con la FIA. Staremo a vedere....

Video - Gabriele Tarquini: "Vettel ha sbagliato, penalità giusta, e comunque soffre sempre Hamilton"

03:10

Video - Vettel-Hamilton, Rossi-Marquez, Iuliano-Ronaldo: i 10 episodi più controversi della storia

00:45
0
0