Getty Images

Binotto: "Vettel e Leclerc non devono considerarsi avversari, nel 2020 partiranno alla pari"

Binotto: "Vettel e Leclerc non devono considerarsi avversari, nel 2020 partiranno alla pari"

Il 29/11/2019 alle 17:25Aggiornato Il 29/11/2019 alle 18:01

Il team principal della Ferrari torna sull'incidente a Interlagos che ha visto protagonisti i due piloti della Rossa: "Bene che sia accaduto quest'anno, in vista della prossima stagione. Ci ha permesso di guardarci negli occhi affinché non capiti più".

"L'importante era parlare tutti insieme, rianalizzare e capire la dinamica. Sono stati anche sfortunati che si sono toccati. Quando queste cose capitano, c'è sempre qualcosa che genera le dinamiche successive". Queste le parole ai microfoni di Sky Sport di Mattia Binotto, team principal della Ferrari, tornato sullo scontro di Interlagos tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc, che ha generato la loro contemporanea eliminazione dalla gara.

" Non devono percepire che il compagno di squadra è il loro principale avversario. Bene che sia accaduto quest'anno, in vista della prossima stagione. Ci ha permesso di guardarci negli occhi affinché non capiti più"

"Nel 2020 Vettel e Leclerc partiranno alla pari"

" È importante che dall'errore si impari, è la chiave di come gestire la squadra. Siamo rimasti uniti nelle difficoltà. La macchina non è meno fragile rispetto alle altre. Credo che la prossima stagione Vettel e Leclerc partiranno alla pari con l'ambizione di vincere il campionato. Mi aspetto una situazione diversa rispetto a quest'anno"

"Leclerc ha fame, Vettel ha grande esperienza"

" Di Leclerc la qualità che più mi piace è la sua fame di vittorie, quando entra in macchina lo fa per essere sempre davanti. Vettel invece ha una grande esperienza, sul passo gara per come gestisce la gomma sulla distanza ha molto da insegnare. Ma chi mi ha stupito di più quest'anno sono stati i tifosi Ferrari. Anche per la pazienza che hanno"

Video - Vettel-Leclerc, è guerra rossa in Ferrari! I 5 momenti che hanno incrinato il rapporto

01:31
0
0