Getty Images

Wolff: "Hamilton in Ferrari? Lewis fa bene a valutare ogni opzione per la sua carriera"

Wolff: "Hamilton in Ferrari? Lewis fa bene a valutare ogni opzione per la sua carriera"

Il 01/12/2019 alle 10:45Aggiornato Il 01/12/2019 alle 10:48

Dal nostro partner OAsport.it

Se fino a qualche giorno fa il possibile approdo di Lewis Hamilton in Ferrari dal 2021 si poteva catalogare nello scaffale delle semplici utopie, nelle ultime ore gli scenari si stanno arricchendo di particolari quanto mai succosi. Andiamo in ordine di tempo. Prima ci ha pensato la Gazzetta dello Sport a smuovere le acque, annunciando almeno un paio di incontri segreti nel corso degli ultimi mesi tra il campione del mondo e John Elkann, numero uno di Maranello. Quindi, appena sbarcati ad Abu Dhabi, il team principal Mattia Binotto si è lasciato andare a notevoli complimenti per il pilota della Mercedes che, dopo la qualifica di ieri, ha risposto in maniera decisamente sentita. Come se non bastasse, il carico da undici lo ha messo poi Toto Wolff, attuale datore di lavoro del sei volte campione del mondo inglese che, interpellato da Marca, ha risposto in maniera assolutamente serena e trasparente alle voci di una possibile trattativa tra il suo pupillo e i rivali di Maranello. Una eventualità, che sia ben chiaro, che farebbe la storia del motorsport, senza girarci tanto attorno.

Una frase talmente chiara e priva di ogni malizia che appare quasi clamorosa nel mondo della Formula Uno, che appare sempre dominato dal “politically correct”.

" Sono assolutamente d’accordo con Lewis. Penso che viviamo in un mondo libero e so perfettamente che ognuno debba esplorare ogni opzione possibile per la sua carriera e, quindi di conseguenza, prendere la migliore decisione possibile per la propria vita. Sia che si parli di piloti, sia per tutti gli altri addetti ai lavori. Dal mio punto di vista non ho alcun problema se per caso Hamilton stesse valutando anche altre opzioni per il suo futuro"

Un Toto Wolff che, quindi, non smentisce seccamente le voci delle ultime ore e che, anzi, spiega come il team di Brackley saprebbe attutire il colpo, e che colpo, dell’addio del suo pilota numero uno.

" Posso assicurarvi che sono totalmente sereno per quello che sta accadendo. Se avremo ancora una volta la vettura più veloce, di conseguenza avremo anche il pilota migliore del lotto al 100%. Nella vita, però, non si può mai sapere, ma non mi scompongo. Sono arrivato ad un punto della mia carriera nel quale accetto di buon grado il fatto che ognuno abbia i suoi obiettivi. Proprio per questo sono aperto ad ogni eventualità, anche se ovviamente la mia priorità, come quella di ogni componente del nostro team, sarebbe quella di continuare in questo meraviglioso percorso a suon di successi con Lewis"

Qualcosa sta succedendo sotto traccia? C’è davvero la volontà della Ferrari di portare a Maranello il più grande pilota dell’era moderna? L’inglese, dal canto suo, vuole coronare il sogno di salire a bordo della vettura con il Cavallino Rampante? Probabilmente si tratta solamente di illazione e voci di corridoio ma, intanto, il tutto inizia a incresparsi. Il Golfo Persico, e l’isola di Yas Marina, fanno da sfondo a queste acque che sembrano meno lineari rispetto a pochi giorni fa.

alessandro.passanti@oasport.it

Video - Hamilton: "Battere il record di titoli di Schumacher? Voglio correre ancora diversi anni..."

00:39
0
0