Getty Images

Le pagelle del GP d'Australia: pazzesco Bottas, bene Verstappen, Vettel e la Ferrari insufficienti

Le pagelle del GP d'Australia: pazzesco Bottas, bene Verstappen, Vettel e la Ferrari insufficienti

Il 17/03/2019 alle 08:39Aggiornato Il 17/03/2019 alle 08:58

E' tempo di dare i voti ai protagonisti di questo primo atto a Melbourne. Valtteri Bottas domina in lungo e in largo e si merita il massimo dei voti. Hamilton prende paga, bene Verstappen sul podio. Male invece Vettel e la Ferrari, battuti da Mercedes e Red Bull. Deludono anche Ricciardo e Giovinazzi.

Valtteri BOTTAS 10 e lode - Semplicemente la gara migliore della carriera. Parte bene e supera il compagno, imprime un ritmo insostenibile per tutti, rifila oltre 20 secondi a Hamilton e si porta a casa anche il giro più veloce della corsa: una giornata da sogno per festeggiare per la prima volta in carriera la leadership di un Mondiale.

Lewis HAMILTON 6.5 - Dopo la qualifica superba di ieri, ci si aspettava qualcosa di più da lui. È vero, alla fine arriva secondo, ma la sua gara non è certo fantastica. Si fa beffare in partenza e prende paga nel ritmo iniziale. Poi la squadra decide di fargli seguire la strategia di Vettel e la scelta non rende. Nel finale bada a tenere dietro Verstappen. Stavolta è veramente battuto da un pazzesco Bottas.

Con Bottas e Hamilton, la Mercedes torna a festeggiare una doppietta in Australia dopo quella confezionata nel 2016 da Rosberg e Hamilton.

Con Bottas e Hamilton, la Mercedes torna a festeggiare una doppietta in Australia dopo quella confezionata nel 2016 da Rosberg e Hamilton.Getty Images

Max VERSTAPPEN 8 - Dopo una partenza non eccezionale, si mantiene alle spalle di Vettel senza grossi problemi. Bravissimo dopo la sosta a passare Seb, prova la rimonta disperata su Hamilton, senza successo. Tenta anche di battere Bottas nel giro più veloce. Regala comunque il primo podio alla Honda nell'era ibrida.

Sebastian VETTEL 5.5 - Dopo 5 anni, la Ferrari manca il podio al debutto. In tanti speravano che, dopo la brutta qualifica di ieri, si potesse ripetere la corsa dello scorso anno. Invece la gara va ancora peggio. Malissimo Vettel, che prende una paga paurosa nel ritmo gara con problemi al turbo e di gomme. Lui e la squadra devono dare risposte: dopo i test ci si aspettava una doppietta Rossa qui a Melbourne, invece è mancata proprio la performance.

Sebastian Vettel ha chiuso al quarto posto dopo le i due successi consecutivi ottenuti in Australia nel 2017 e 2018.

Sebastian Vettel ha chiuso al quarto posto dopo le i due successi consecutivi ottenuti in Australia nel 2017 e 2018.Getty Images

Charles LECLERC 6 - Sufficienza di incoraggiamento. Non parte benissimo e commette diversi errori nella prima fase della corsa che gli fanno perdere il treno dei big. Con lui la Ferrari sceglie la strategia normale e la scelta si rivela giusta. Così nel finale ha il ritmo per tornare sul compagno, ma giustamente la squadra decide di mantenere le posizioni.

Kevin MAGNUSSEN 7.5 - È lui il vincente della gara degli altri. Bene la Haas dal venerdi mattina, lui la sfrutta al meglio e chiude con una ottima sesta piazza.

Nico HULKENBERG 6 - Si riprende dopo la mancata top ten di ieri. La Renault comunque non sembra la quarta forza del mondiale al momento e questa è una delusione, dato che è uno dei pochi team ufficiali in griglia.

Kimi RAIKKONEN 6.5 - Inizio positivo con l'Alfa Romeo per Iceman, che finisce a punti al termine di una corsa costante. Nel finale prova a passare un Hulkenberg in crisi, ma senza successo.

Lance STROLL 7 - Una delle note liete di questo weekend. Criticato in lungo e in largo per tutto l'inverno dopo essersi comprato addirittura una scuderia, risponde al meglio con una gara solida in zona punti. Batte il compagno di squadra decisamente più esperto. La Racing Point comunque non sembra essere all'altezza di Haas e Alfa Romeo.

Daniil KVYAT 6.5 - Buon ritorno in Formula 1 per il russo, che si permette il lusso di battere Gasly in pista, addirittura passandolo dopo la sosta.

Pierre GASLY 5 - Una delle principali delusioni di questo primo atto. Dopo l'errore della squadra di ieri, oggi recupera, ma si ferma contro il muro di Kvyat. Anzi, il russo lo batte in pista dopo il pit in maniera un po' incomprensibile. Nel finale prova il controsorpasso, senza successo.

Antonio GIOVINAZZI 4 - Gara veramente negativa. Dopo una qualifica sufficiente, è quello che subisce di più le peripezie di Ricciardo in partenza. Si ritrova nelle retrovie, ma naufraga in totale confusione. Nella seconda fase, non riesce a rimontare con le gomme rosse e chiude mestamente in 15ma piazza, solo davanti alle Williams.

Daniel RICCIARDO 4 - Non certo il debutto sognato. Dopo una qualifica non bella, in partenza rompe l'ala da solo, finendo nell'erba. Si ritrova ultimissimo e con la vettura danneggiata, e così a metà corsa decide di ritirarsi.

Video - Charles Leclerc, il giovane predestinato per un grande futuro in Ferrari

01:26
0
0