Getty Images

Vettel "Giornata difficile, ma la vettura va forte, lo dimostrerà", Verstappen "Lavoreremo sui dati"

Vettel "Giornata difficile, ma la vettura va forte, lo dimostrerà", Verstappen "Lavoreremo sui dati"

Il 15/03/2019 alle 09:23Aggiornato Il 15/03/2019 alle 10:12

Dal nostro partner OAsport.it

Non la prima giornata di prove libere del Gran Premio di Australia 2019 di Formula Uno che Sebastian Vettel potesse immaginare. Il distacco di oltre otto decimi nei confronti di Lewis Hamilton accumulato nella FP2 potrebbe spaventare in quel di Maranello, ma sentendo le parole del tedesco e, soprattutto, vedendo il volto con il quale si è presentato ai microfoni di Sky Sport, tutto lascia ben sperare i milioni di tifosi della Rossa.

La sensazione che oggi il team tinto di rosso si sia voluto nascondere è notevole.

" Sorpresi dalle prestazioni della Mercedes? Sì e no. Non pensavo che Lewis Hamilton e Valtteri Bottas iniziassero subito a tutta e fossero così veloci, anche perché nel corso dei test pre-stagionali non si erano dimostrati a questo livello. Per noi posso dire che abbiamo vissuto una giornata tutto sommato difficile. Non siamo stati performanti come avevamo dimostrato a Barcellona, ma non mi preoccupo. So perfettamente che la mia vettura va forte e domani andrà molto meglio"

Una sensazione di serenità che viene confermata dalle ultime battute del quattro volte campione del mondo. “Dobbiamo solamente trovare le ragioni del perché tra la prima e la seconda sessione di oggi i nostri tempi siano cambiati così tanto. I tecnici e gli ingegneri che abbiamo a disposizione sono eccezionali e lavoreranno tutta notte per presentare domani la macchina nel migliore dei modi per le qualifiche. Non so se si possa parlare di un problema di set-up, per cui staremo a vedere. Ma io sono assolutamente rilassato”.

Il nuovo pilota della Rossa Charles Leclerc si è ben comportato specialmente nelle FP1, con il terzo tempo appena alle spalle di Hamilton e Vettel, mentre nel turno del pomeriggio ha fatto più fatica classificandosi nono a più di 1″ dalla vetta. Il monegasco ha spiegato così la differenza di prestazione dalla mattina al pomeriggio:

" In realtà penso che sia stato più difficile per tutte le macchine della griglia nel pomeriggio perchè c’era più vento. Per quanto ci riguarda abbiamo svolto il programma e siamo contenti delle FP1, mentre per le FP2 non siamo molto soddisfatti dei nostri short run, però sappiamo cosa modificare e speriamo di avere ragione sui cambiamenti da fare per domani. Ci siamo nascosti? Erano condizioni difficili e sicuramente neanche loro (Mercedes) stavano per fare la pole position questa sera, dunque vedremo dopo la qualifica."

La Rossa è comunque reduce da un’ottima fase pre-stagionale e secondo alcuni degli addetti ai lavori si presenta a Melbourne con i favori del pronostico. Ma il team principal Mattia Binotto non è troppo d’accordo con queste affermazioni, ritenendo sempre le Frecce d’Argento il team da battere:

" I test invernali non sono le qualifiche e la gara ed è difficile fare delle valutazioni. Noi abbiamo svolto il nostro programma e non abbiamo avuto neanche tanto tempo per prepararci al primo round iridato in maniera ideale. Qui capiremo quale sarà il nostro livello ma penso che la Mercedes sia sempre il riferimento nel Circus, essendo il team campione in carica. Il mio ruolo in Ferrari? La mia priorità è il lato tecnico e da lì tutto ha origine. I problemi di affidabilità nelle prove catalane? Pensiamo di aver risolto le criticità emerse a Barcellona"

Scontento di come sono andate le prove Max Verstappen, che a caldo ha dichiarato:

" Ho mostrato un buon passo gara, ma non possiamo essere completamente soddisfatti, perché è la prima giornata della stagione, ci sono chiaramente tante cose da migliorare e la pista è anche piuttosto sconnessa, ma questo è un aspetto che vale per tutti. Dobbiamo capire un po’ meglio le gomme, dunque lavoreremo sui dati questa sera per farci trovare più pronti domani. Non so se la Ferrari si sia nascosta oggi, dovreste chiedere a loro. Non posso rispondere al posto loro. Noi ci concentriamo su noi stessi perché abbiamo del lavoro da fare"

Video - Ferrari, Mercedes, Red Bull: le scuderie e i piloti del Mondiale 2019

01:03
0
0