Getty Images

Vettel se la cava con una reprimenda e 25mila euro di multa: partirà secondo

Vettel se la cava con una reprimenda e 25mila euro di multa: partirà secondo

Il 10/11/2018 alle 22:13Aggiornato Il 10/11/2018 alle 22:15

Dal nostro partner OAsport.it

La notizia è di alcuni minuti fa ed è un sospiro di sollievo per i tifosi della Ferrari: Sebastian Vettel, infatti, non sarà penalizzato di posizioni nella griglia di partenza del GP del Brasile, penultima prova del Mondiale 2018 di Formula Uno. Il tedesco era stato invitato alla verifica del peso in un momento molto concitato delle qualifiche: Seb non ha spento il motore e poi, con modi non così ortodossi, ha sbracciato per tornare subito al box ed effettuare le gomme.

Un atteggiamento quello del teutonico che era stato messo sotto inchiesta da parte dei commissari perché la verifica del peso con il motore in azione non può essere così scrupolosa. Tuttavia la decisione finale è stata quella di una multa e di un’ammenda nei confronti del teutonico che quindi domani partirà regolarmente dalla seconda piazzola alle spalle del poleman Lewis Hamilton.

Video - Dal Mondiale di Raikkonen, alla sfida thrilling Massa-Hamilton: tutti gli aneddoti del GP di Brasile

01:52

Di sicuro, in caso di penalità, questa avrebbe avuto il sapore della beffa dopo quanto accaduto proprio con Lewis, reo nel Q2 di aver ostacolato Kimi Raikkonen (Ferrari) e Sergej Sirotkin (Williams). Race Direction che ha deciso di non prendere posizione, non essendo molto coerente rispetto a quanto avvenne nel GP d’Austria proprio con il ferrarista (penalizzato tre posizioni) che si mise in traiettoria a danno della Renault di Carlos Sainz Jr.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Video - Da Baku a Suzuka, i 6 errori di Sebastian Vettel che hanno rovinato il mondiale della Ferrari

00:55
0
0