Getty Images

Ferrari all'arrembaggio: Vettel e Raikkonen sognano uno storico tris in Cina

Ferrari all'arrembaggio: Vettel e Raikkonen sognano uno storico tris in Cina

Il 14/04/2018 alle 22:31

Dal nostro partner OAsport.it

Sono giornate sempre più rosse, la Ferrari continua a fare sognare e non smette più di stupire: dopo le vittorie in Australia e in Bahrain, un nuovo sabato si è tinto con i colori della scuderia di Maranello e, proprio come a Sakhir, la prima fila è tutta del Cavallino Rampante che ha giganteggiato in qualifica è si è messa dietro le Mercedes. Una prova di assoluto spessore da parte di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen che partiranno davanti a tutti e avranno l’opportunità di scappare via: il GP di Cina è incominciato nel migliore dei modi, Shanghai si è dovuto inchinare allo strapotere del tedesco e del finlandese, in quello che storicamente è un feudo Mercedes sono riusciti a fare la differenza piazzando due giri fenomenali e mettendo subito in chiaro le cose.

Questa Ferrari è davvero competitiva su tutti i tracciati e in ogni circostanza, trova sempre il modo per poter brillare e per mettere seriamente in difficoltà le Frecce d’Argento che stentano a trovare il bandolo della matassa in un avvio di stagione davvero stellare per gli storici avversari. Sebastian Vettel ha conquistato addirittura la seconda pole position, per la prima volta nell’era dei motori ibridi la Mercedes si è fatta sfuggire la partenza al palo per due gare consecutive e questi sono importanti campanelli d’allarme in vista non soltanto dell’appuntamento di domani ma anche del prosieguo della stagione.

Le Ferrari hanno tutte le carte in regola per scappare via e imporre il proprio ritmo ma Valtteri Bottas e Lewis Hamilton (ancora battuto dal compagno di squadra nel prediletto time-attack) sono subito alle spalle, pronti a ruggire e a cercare la vittoria su un tracciato da sempre favorevole ma che oggi si è rivelato indigesto. Vettel e Raikkonen riusciranno a comportarsi da veri Dragoni sull’asfalto cinese? Molto dipenderà dal meteo e dall’usura degli pneumatici: domani, infatti, dovrebbe esserci il sole e si preannunciano temperature più alte rispetto a quelle odierne, condizioni in cui spera la Mercedes per provare a fare la differenza e sfruttare al meglio le gomme. La Ferrari dovrà essere brava a leggere le condizioni di gara come fatto a Melbourne e in Bahrain per cercare di allungare ulteriormente in classifica generale: un tris consecutivo in apertura non si vede dai tempi di Michael Schumacher a questi latitudini, Sebastian Vettel inizia a sognare in grande ma non sarà così semplice fare suonare nuovamente l’Inno di Mameli.

Il fattore meteo: cambierà tutto?

Sarà ancora una volta il meteo il fattore da tenere maggiormente in considerazione prima della gara. Il weekend del GP di Cina è stato fin qui caratterizzato da freddo e temperature basse, uno scenario in cui la Ferrari si è trovata alla perfezione, come dimostra la prima fila conquistata da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Nel giorno della gara, potremmo assistere a uno stravolgimento delle condizioni meteo. A Shanghai dovrebbe tornare a splendere il sole, aspetto che potrà di conseguenza rimescolare le carte. Soprattutto, potrebbe ridurre il gap evidenziato oggi tra Ferrari e Mercedes, con le Frecce d’Argento che hanno patito il freddo, soprattutto con la gomma più morbida, quella da qualifica, la Ultrasoft. L’incidenza sarà proprio sulle gomme, per forza di cose. Nei primi due giorni del weekend i piloti non hanno potuto provare con il caldo e le alte temperature e di conseguenza i team non hanno così tante informazioni sull’usura delle mescole, su un circuito che già di per sé mette particolarmente sotto stress gli pneumatici. Un fattore di imprevedibilità che aggiunge ulteriore pepe ad una gara che si preannuncia intrigante.

Video - Formula 1 2018: le 10 vetture e i 20 piloti che si daranno battaglia in pista

03:43
0
0