Getty Images

Rimonta fantastica di Ricciardo! Vince davanti a Bottas e Kimi. Verstappen manda Vettel in testacoda

Rimonta fantastica di Ricciardo! Vince davanti a Bottas. Verstappen manda Vettel in testacoda
Di Eurosport

Il 15/04/2018 alle 09:50Aggiornato Il 15/04/2018 alle 10:27

Gara fantastica di Daniel Ricciardo che, grazie alla strategia della Red Bull, rimonta incredibilmente a suon di sorpassi magnifici e vince il Gran Premio di Cina, terzo atto del mondiale di Formula 1 2018. Secondo Bottas davanti a Kimi Raikkonen. Quarto Hamilton, sciagurato Verstappen che manda in testacoda Vettel che chiude ottavo con la Rossa danneggiata.

Sembrava essere un Gran Premio noioso e senza grandi scossoni. Dopo la Safety Car a metà gara invece succede di tutto, tra sorpassi magnifici, contatti e manovre assurde.

Partiamo dal finale. Daniel Ricciardo vince il Gran Premio di Cina al termine di una rimonta fantastica. La strategia è ancora decisiva e stavolta è la Red Bulla a sfruttarla al meglio: con la SC le lattine austriache entrano ai box per un pit supplementare. Da qui Daniel si inventa sorpassi incredibili e trionfa davanti a Bottas e Raikkonen. Corsa solida dell'australiano, che si conferma fenomenale nelle manovre di sorpasso. Semplicemente è il miglior staccatore del gruppo e oggi ne ha dato prova.

Se Daniel è quello che riesce meglio a preparare e a compiere il sorpasso, non si può dire la stessa cosa di Verstappen. Anche lui sulla stessa strategia di Ricciardo, prima sbaglia su Hamilton, poi centra in pieno Vettel che finisce in testacoda. Sul podio quindi vanno Bottas e Raikkonen, mentre quarto è Hamilton, in crisi assoluta di gomme. Quinto Verstappen, penalizzato di 10 secondi per la manovra su Seb.

Capitolo Ferrari. Se per due gare la strategia ha aiutato la Rossa, stavolta al muretto sbagliano. Bottas passa Vettel grazie all'undercut, Raikkonen viene sacrificato per aiutare il compagno, ma la mossa non riesce. E poi c'è il contatto con Max: sciagurato Verstappen, che si dimostra tanto veloce in pista quanto troppo irruento in queste manovre. Ci rimette Seb in tutto e per tutto, con la Ferrari danneggiata nel finale che si fa passare anche da Hulkenberg e Alonso. Ottavo quindi Vettel, che però rimane in testa al mondiale.

Si chiude questo terzo atto del mondiale e la notizia è che la Mercedes non ha ancora vinto. Superbo Ricciardo, bravissima la Red Bull che si dimostra ancora competitiva, anche se ancora lontana in termini di prestazioni ma super a sfruttare la strategia. Per la Ferrari un boccone amaro da ingoiare: doveva essere un weekend favorevole dopo la pole di ieri, invece finisce in maniera molto negativa. Certo, senza Verstappen le cose sarebbero andate in maniera differente.

I 5 momenti della gara

- Pronti via e Vettel chiude Raikkonen, facendogli perdere la posizione su Bottas e Verstappen che sfrutta al meglio le ultrasoft per portarsi in terza posizione. Quinto Hamilton, poi Ricciardo.

- Le ultrasoft crollano prima del tempo e in molti nelle retrovie entrano anticipatamente. Vettel davanti guadagna costantemente su Bottas, Verstappen tiene un buon ritmo nonostante le gomme viola. Male invece Raikkonen che si stacca dall'olandese, mentre Hamilton continua nel suo anonimato e non attacca Kimi. Al giro 18 entrano le Red Bull, poi è il turno di Hamilton e di Bottas. Seb aspetta un giro di troppo e subisce l'undercut, facendosi passare da Valtteri. Tutti vanno su gomma bianca. Raikkonen rimane fuori, perdendo tanto terreno, ma aiuta Seb facendo un po' da tappo su Bottas. Al giro 27 Valtteri e Vettel passano Kimi, che rientra ai box.

- Davanti c'è sempre Bottas, con Vettel attaccato. Terzo Verstappen, poi Hamilton, Ricciardo e Raikkonen. Al 32mo giro arriva il contatto tutto Toro Rosso tra Gasly e Hartley che cambia la gara. I due lasciano tanti detriti in pista e arriva la SC. La più lesta è la Red Bull che va ai box con entrambi i piloti e rimettono le gialle. Bottas quindi sempre in testa su Vettel, terzo Hamilton, quarto Verstappen con gomma nuova e gialla, quinto Raikkonen, sesto Ricciardo anche lui come il compagno.

- Dopo qualche giro dietro Safety Car, si riparte. Davanti succede poco, dietro di tutto grazie alla Red Bull. Ricciardo attacca e passa Raikkonen, Verstappen ci prova su Hamilton che però lo manda fuori pista, e l'olandese viene superato anche da Daniel. Ricciardo è il più veloce in pista e, in poco tempo, si sbarazza anche di Hamilton con un sorpasso magnifico. Ricciardo è carico a mille e si inventa altri due sorpassi epici su Vettel e Bottas, per la rimonta più incredibile e inaspettata. Raikkonen supera Hamilton in crisi. Verstappen invece continua a causare danni: nella manovra su Seb lo manda in testacoda. Disastro per Vettel, che viene passato anche da Raikkonen, Hamilton e Hulkenberg. Max viene penalizzato di dieci secondi per la collisione.

- Nel finale Ricciardo vola e stravince, Raikkonen attacca Bottas ma non riesce e quindi Valtteri è secondo e Kimi terzo. Quarto Verstappen che però deve scontare la penalità e quindi è quinto dietro a Hamilton. Sesto Hulkenberg, poi Alonso che supera Vettel nel finale, Sainz e Magnussen.

La statistica chiave

Sesta vittoria in carriera per Daniel Ricciardo. In tutte queste sei successi non è mai partito nelle prime tre posizioni.

Il tweet da non perdere

Il migliore

Daniel RICCIARDO: aiutato dalla strategia, ma Daniel Ricciardo fa una gara pazzesca. Ieri era a rischio penalità con il turbo rotto, oggi si ritrova sul gradino più alto del podio e addirittura in lotta per il mondiale. Bravissima la Red Bull a sfruttare al meglio la strategia, ma l'australiano è fenomenale nei sorpassi, dimostrandosi il migliore al mondo in questo fondamentale. Quando vince lui non ci si annoia mai.

Il peggiore

Pierre GASLY: Dalle stelle alle stalle. Da MVP in Bahrain a uomo peggiore in pista in gara in Cina. Qualifica negativa, corsa non certo da primo della classe. Poi sbaglia anche in staccata e centra il compagno di squdra, rovinando pure la sua gara.

Video - Formula 1 2018: le 10 vetture e i 20 piloti che si daranno battaglia in pista

03:43
0
0