Getty Images

Lewis Hamilton: "Bello correre in casa, ci sarà la mia famiglia. Record? Non ci penso"

Lewis Hamilton: "Bello correre in casa, ci sarà la mia famiglia. Record? Non ci penso"

Il 11/07/2019 alle 17:39Aggiornato Il 11/07/2019 alle 17:40

Dal nostro partner OAsport.it

Come ampiamente previsto e preventivabile, Lewis Hamilton è stato il grande protagonista della conferenza stampa che ha sancito il via ufficiale del fine settimana del Gran Premio di Gran Bretagna 2019 di Formula Uno. Il pilota della Mercedes, il padrone di casa più illustre nel weekend di Silverstone, sbarca sulla pista del Northamptonshire con un ampio margine di vantaggio in classifica generale sugli inseguitori (+31 punti su Valtteri Bottas, +71 su Max Verstappen e addirittura +74 su Sebastian Vettel) e con la chiarissima intenzione di vincere nuovamente davanti al proprio pubblico, dopo che un anno fa si dovette accontentare della piazza d’onore alle spalle del tedesco della Ferrari.

Il primo commento del nativo di Stevenage riguarda la notizia giunta proprio ieri, ovvero il rinnovo del circuito inglese nel calendario della massima categoria del motorsport fino al 2024.

"Sono stato contento di questa conferma. A livello di tempistiche è stata una bella sorpresa, anche se sapevo che sarebbe successo. Penso che il Mondiale di F1 non possa esistere senza il Gran Premio di Gran Bretagna e soprattutto senza questo splendido tracciato. Sono soddisfatto anche per i fan britannici che amano questo sport tantissimo e per gli organizzatori, dato che questo evento continua a crescere anno dopo anno"

Il Campione del Mondo spiega, poi, cosa si prova ad essere Lewis Hamilton ed a correre questa gara: “Credo che sia piuttosto normale – sorride – Penso che tutti quanti abbiano la stessa sensazione sbarcando a Silverstone. A mio parere si tratta del Gran Premio più speciale dell’anno e poi disputarlo nella Formula Uno è ancor più incredibile. Qui c’è sempre tantissimo pubblico e per noi inglesi, ovviamente, non è una corsa come tutte le altre. Si tratta di quel weekend del campionato nel quale si ha maggiore pressione, sia perchè ci sarà un pubblico clamoroso, sia perchè ci sarà tutta la mia famiglia. Ho disputato diverse gare spettacolari su questa pista, non ricordo quante ne ho vinte, ma farò di tutto per rimpolpare questo numero”.

Rinfreschiamo la memoria a Hamilton. L’alfiere della Mercedes è salito cinque volte sul gradino più alto del podio di Silverstone, sulle 79 vittorie totali.

"Potrei essere il primo a raggiungere quota sei successi? Beh, non male come statistica ma non guardo troppo ai record. Non la vedo come una motivazione ulteriore per fare bene. Certo, può aiutarmi a rimanere più concentrato, senza pensare ai numeri. Di solito la Mercedes è sempre andata alla grande su questo circuito, proveremo a ribadirlo anche domenica"

Dopo l’Austria, la peggiore gara per le Frecce d’Argento da un anno a questa parte, urge una risposta immediata per le vetture di Brackley: Al Red Bull Ring siamo inciampati, diciamo così. Non siamo andati come al solito, ma non siamo preoccupati perchè riteniamo sia stato un caso isolato. Non iniziamo mai un fine settimana con sensazioni negative, ma possiamo notare come Ferrari e Red Bull si siano avvicinate, soprattutto a livello di passo. Anche in questo caso saremo più vicini tra di noi. Le Rosse si sono comportate bene anche un anno fa, vincendo, mentre le monoposto di Milton Keynes si gioveranno del nuovo motore Honda. Sarà grande battaglia”.

Christian Horner nel corso degli ultimi giorni ha detto che Max Verstappen, a parità di vettura con Hamilton, potrebbe prevalere. L’inglese glissa sull’argomento: “Iniziamo con il dire che non mi paragono a nessuno, non ne ho proprio bisogno. Sulle parole di Horner non saprei cosa dire. Evidentemente di tanto in tanto qualcuno ha bisogno di attirare l’attenzione. Per il resto non posso che dire che Max stia svolgendo un lavoro eccezionale, è molto bello vederlo in azione. Al Red Bull Ring, poi, è stato fantastico! Vedremo nei prossimo anni come si svilupperà la sua carriera”.

Video - In Cina si corre il GP numero 1.000: i numeri di 69 anni di storia di F1

00:56
0
0