Getty Images

Vettel: "Soddisfatto di questo contentino"; Hamilton: "Niki Lauda sarebbe orgoglioso di noi"

Vettel: "Soddisfatto di questo contentino"; Hamilton: "Niki Lauda sarebbe orgoglioso di noi"

Il 04/08/2019 alle 17:40Aggiornato Il 04/08/2019 alle 18:00

Dal nostro partner OAsport.it

Lewis Hamilton ha vinto il GP di Ungheria 2019 con una condotta di gara impeccabile, ha stravolto la propria strategia per cercare di battere Max Verstappen e ci è riuscito grazie a un sorpasso micidiale a quattro giri dal termine dopo aver recuperato una ventina di secondi sull’alfiere della Red Bull. Il pilota della Mercedes si è comportato da vero Campione del Mondo, è tornato al successo dopo la battuta d’arresto in Germania e ha allungato ulteriormente in classifica generale. Il britannico ha raccontato le sue sensazioni ai microfoni di Paul Di Resta:

" Sono stanco ed è giusto così. Sono molto grato per questa giornata, il mio team è fantastico perché continua a spingere fino al limite, si prende tutti i rischi per cogliere delle opportunità: siamo insieme da sette anni ma niente è scontato, è sempre una sensazione nuova quando vinci e io devo ringraziare tutti i ragazzi, sono fortunato a essere parte di tutto questo. Abbiamo avuto qualche problema con i freni, ho dovuto usarli tanto nel finale: ho lavorato tanto per avere un’opportunità di vittoria. Non ero sicuro di poter recuperare 19 secondi su Verstappen, temevo che le gomme si degradassero, ho spinto tanto per ritornare su di lui, ho fatto dei giri da qualifica e ce l’ho fatta. Giù il cappello davanti al team e penso che anche Niki Lauda se lo toglierebbe se oggi fosse qui"

Il contentino per Vettel

Secondo podio consecutivo per Sebastian Vettel che nel GP di Ungheria 2019 di F1 è riuscito a sopravanzare nel finale il compagno Charles Leclerc grazie ad una differente strategia, ma la prestazione della Ferrari non può certo strappare applausi in quanto entrambe le Rosse sono finite ad oltre un minuto dal vincitore Lewis Hamilton, un distacco pesantissimo. Soddisfatto di aver agguantato il podio Vettel ha spiegato di essere soddisfatto della strategia:

" Trovandomi in quarta posizione non avevo più nulla da perdere, così abbiamo fatto un primo stint molto lungo sperando che le soft durassero fino alla fine ed è successo. Nel finale era la gomma più veloce, sono riuscito a chiudere il gap e, vista l’opportunità, sono riuscito a coglierla. Sono contento quantomeno di questo contentino"

Al di là del terzo posto la vettura si è comportata in modo molto al di sotto delle aspettative, quindi il sorriso del tedesco è dolceamaro: “Il passo non è stato buono per tutto il weekend, i ragazzi dovranno lavorare tanto, ora c’è la pausa e proveremo a ricaricare le batterie per essere più competitivi nelle prossime piste dove dovremmo andare meglio. Nel complesso però dobbiamo diventare assolutamente più forti perché il distacco è elevato. Non so cosa faranno gli altri per quanto riguarda gli aggiornamenti sul motore in vista di Spa e Monza, sulla carta avremo un margine ma ora resteremo concentrati in queste settimane perchè serve davvero tanto lavoro per portare nuove idee nella seconda metà”.

Leclerc: "Più difficile di quanto ci aspettassimo"

" Ad inizio weekend era abbastanza chiaro che sarebbe stata una gara molto difficile per noi ed è stato così. Forse è stata un po' più difficile di quello che ci aspettavamo"

Il pilota della Ferrari Charles Leclerc ha commentato così ai microfoni di Sky Sport il quarto posto ottenuto nel Gran Premio d'Ungheria. "Nel primo stint la macchina non è andata male all'inizio, poi ho iniziato ad avere degrado dopo sei sette giri e Mercedes e Red Bull sono andate sempre più forte - ha proseguito il monegasco - Alla fine del primo stint ho iniziato a faticare con il posteriore, così come alla fine del secondo. C'è qualcosa da imparare qui, devo capire come fa Seb ad andare meglio sulle piste in cui c'è più degrado. La sosta estiva? E' un bene avere un po' di pausa ma io voglio solo tornare in macchina e capire cosa possiamo fare per provare ad avvicinarsi a Mercedes e Red Bull".

La versione di Verstappen

Max Verstappen ci aveva creduto ed è andato davvero vicino a vincere il Gran Premio di Ungheria 2019 di Formula Uno. L’olandese ha dovuto chinare la testa solamente al giro numero 67 dei 70 previsti nei confronti di Lewis Hamilton che, con una strategia azzeccata, è andato a recuperargli 20 secondi nelle ultime 21 tornate della gara magiara. Per l’olandese un’altra prova di livello assoluto, con una vettura che si conferma in crescita costante, ma i complimenti non gli permettono di riavere un successo che ormai sentiva suo.

“Peccato, pensavo di avercela fatta, ma evidentemente non siamo stati abbastanza veloci – spiega il classe 1997 nel corso delle interviste di rito sotto il podio condotte da Paul Di Resta – Posso assicurarvi che oggi le ho provate tutte per vincere, ma non è stato sufficiente. Congratulazioni a Lewis Hamilton per una vittoria meritata”.

Una gara che è vissuta su un lungo inseguimento ed un corpo a corpo tra i due: “Nella parte finale ho cercato di estrarre tutto quello che potevo dalle mie gomme hard, ma negli ultimi chilometri erano davvero finite. Hamilton poi mi ha spinto fino al limite per riprendermi e questo mi piace, perchè adoro questo genere di sfide. Nel complesso mi prendo questo secondo posto e chiudo un fine settimana positivo sia a livello personale sia come scuderia”.

Dopo quattro gare decisamente positive oggi è svanita la vittoria sul circuito, forse, più ideale per la Red Bull. I motivi sono diversi secondo Verstappen: “In tutti e tre i giorni non abbiamo mai avuto a disposizione il giusto grip. Avevamo impostato la corsa su una sola sosta e pensavamo fosse la scelta giusta, invece la Mercedes ha potuto cambiare anche in una seconda occasione e ha fatto tutta la differenza del mondo”.

Bottas in bilico, pronto Ocon

" Abbiamo una decisione difficile da prendere, nello scegliere tra Esteban o Valtteri. Torneremo a casa e confronteremo tutti i dati e ci sarà una discussione all'interno della squadra"

Il team principal della Mercedes Toto Wolff al termine del Gran Premio d'Austria vinto da Lewis Hamilton ha annunciato che Ocon potrebbe prendere il posto di Bottas accanto al britannico nella prossima stagione. "E' una discussione che riguarda anche il futuro, abbiamo un giovane come Esteban che merita una possibilità ma c'è anche pressione, può essere difficile per lui contro Hamilton, per questo sarà una scelta complicata. Sarà una estate turbolenta - ha aggiunto ai microfoni di Sky Sport - La strategia? Abbiamo provato qualcosa, sapevamo che saremmo finiti secondi. E' stata una grande vittoria, per Lewis e per la squadra e il team della strategia. Ad Hockenheim abbiamo avuto un weekend molto difficile, oggi siamo stati perfetti".

Video - Vettel-Hamilton, Rossi-Marquez, Iuliano-Ronaldo: i 10 episodi più controversi della storia

00:45
0
0