Getty Images

Leclerc: "Bello essere davanti ma Mercedes è vicina", Binotto: "Per vincere servirà gara perfetta"

Leclerc: "Bello essere davanti ma Mercedes è vicina", Binotto: "Per vincere servirà gara perfetta"

Il 06/09/2019 alle 20:18Aggiornato Il 06/09/2019 alle 20:39

Ferrari subito protagonista nella prima giornata di prove libere del Gran Premio d’Italia, a Monza ma Leclerc (autore del miglior tempo di giornata) e il team principal Binotto volano bassi. Charles: "È una bella sensazione essere il più veloce dopo il venerdì, ma non sono sicuro che la situazione rimarrà questa". Binotto: "Per vincere come a Spa servirà essere perfetti".

Ferrari subito protagonista nella prima giornata di prove libere del Gran Premio d’Italia, a Monza. Charles Leclerc ha confermato il suo momento magico dominando entrambe le sessioni di prove caratterizzate dal maltempo. Il pilota monegasco ha girato in 1’20”978 al pomeriggio, precedendo di appena 0.068 millesimi la Mercedes di Lewis Hamilton. Reduce dalla prima vittoria in carriera, in Belgio, dedicata alla memoria dell’amico Anthoine Hubert, morto dopo essersi schiantato nella gara di Formula 2, il 21enne Leclerc ha mostrato concentrazione e un ritmo inavvicinabile per chiunque. Il pilota monegasco, il più veloce anche nella sessione mattutina, ha staccato di due decimi l’altra rossa di Sebastian Vettel. Le impressioni dei piloti dopo i primi due turni di libere.

Charles Leclerc (Pilota Ferrari, 1° tempo)

" È una bella sensazione essere il più veloce dopo il venerdì, ma non sono sicuro che la situazione rimarrà questa. Le Mercedes sono piuttosto veloci, hanno fatto il loro giro buono in condizioni difficili, dopo che aveva ricominciato a piovere, quindi a parità di condizioni le cose potrebbero andare diversamente. C'è ancora parecchio lavoro da fare"."

Sebastian Vettel (Pilota Ferrari, 3° tempo)

" In generale è andata abbastanza bene, ma abbiamo tempo per migliorare ancora. Il mio giro non è stato perfetto perché c'è stato molto traffico, tutti si sono lanciati fuori per paura della pioggia appena è scattato il semaforo verde. La qualifica? Dovremo pensare alla preparazione delle gomme nel giro di lancio e cercare qualche scia"."

Max Verstappen (Pilota Red Bull, 5° tempo)

" E' stata una buona giornata. Certo, le condizioni erano un po' complicate, ma la macchina andava davvero bene e siamo abbastanza competitivi su una pista che normalmente non ci soddisfa. Penso che questo nuovo motore sia un buon passo avanti e su sente la potenza extra. Il che è positivo. Sappiamo che non ci batteremo nelle qualifiche dato che inizieremo in fondo alla griglia, ma nei long run il ritmo è stato buono e la macchina è stata piacevole da guidare in tutte le condizioni, il che è sempre un grande vantaggio. Probabilmente sceglierei la pioggia per domenica partendo da dietro, dato che così avremo maggiori possibilità di rimontare, ma anche sull'asciutto possiamo essere competitivi"

Mattia Binotto (Team Principal Ferrari)

" Il nostro vantaggio è superiore in qualifica rispetto che in gara e sappiamo anche i motivi. In Belgio abbiamo fatto una bella gara e a Monza possiamo sfruttare ancor di più la nostra velocità in rettilineo. Però a Spa abbiamo vinto con un solo secondo di margine su Hamilton. Per ripeterci, servirà essere perfetti. Non possiamo mai essere tranquilli. L’affidabilità è stato un nostro punto debole quest’anno. Il problema riscontrato da Giovinazzi a Spa è capitato a un chilometraggio basso. Un problema che crediamo sia indipendente dal secondo o terzo motore. Perché questa differenza fra Leclerc e Vettel al venerdì? Si tratta di due approcci diversi. Un pilota esperto come Seb può partire piano, non c’è bisogno che spinga da subito al massimo. L’importante è che per entrambi l’avvicinamento alla gara sia il migliore possibile. "

Video - Il ritratto di Niki Lauda, campione in pista con Ferrari e McLaren, dirigente vincente con Mercedes

01:20
0
0