Getty Images

Saranno i bambini a sostituire le ombrelline in F1, Liberty Media svela l'ultima novità

Saranno i bambini a sostituire le ombrelline in F1, Liberty Media svela l'ultima novità
Di LaPresse

Il 05/02/2018 alle 17:58Aggiornato Il 05/02/2018 alle 18:31

Addio alle Grid Girls, spazio ai Grid Kids. Come già accade in Formula E ma anche in altri sport (su tutti il calcio) i piloti della Formula 1 verranno accompagnati in griglia da 20 ragazzini provenienti dalle categorie del Motorsport. Il direttore commerciale di Liberty Media Bratches entusiasta: "Sarà indimenticabile stare coi loro eroi, un'ispirazione per il loro futuro".

Tramontata l'era delle 'ombrelline', spazio ai bambini. Tra le novità della stagione 2018 del campionato mondiale di Formula 1 c'è la presenza di bambini sulla griglia di partenza dei Gran Premi, al posto delle ragazze al fianco dei piloti prima delle gare. La decisione di eliminare le ombrelline era già stata presa la scorsa settimana, ma oggi Fia e F1 hanno annunciato, con una nota ufficiale, la nuova iniziativa. I bambini saranno selezionati all'interno dei club promotori dei Gran Premi che formano il calendario di F1.

Le Asn, ovvero le autorità sportive nazionali riconosciute dalla Fia, daranno ai bambini selezionati e alle loro famiglie l'opportunità unica "di prendere parte - si legge - a uno dei più esclusivi ed eccitanti momenti dell'intero fine settimana di gara". I bambini, che come requisito devono già correre nelle serie nazionali dei rispettivi paesi, saranno scelti dai rispettivi motorsport club in base al merito o tramite una lotteria. Quelli che saranno selezionati prenderanno parte in gare di kart o alla Formula E Junior, oltre a poter stare accanto ai piloti del Circus. I bambini saranno scelti gara per gara e, accompagnati dalle loro famiglie, avranno accesso al Paddock per tutta la giornata. Quando possibile, sarà seguito il medesimo format anche per la Formula 2 e la GP3.

"Sarà un momento straordinario per quei bambini - ha dichiarato Sean Bratches, direttore marketing della F1 - Saranno vicini ai loro idoli, potranno vederli nella preparazione della gara. Sarà un'esperienza indimenticabile. Ma anche un'ispirazione su quello che potrebbero riuscire a fare in futuro nel motorsport. Il miglior modo di formare la prossima generazione di piloti". Jean Todt, presidente della Fia ha aggiunto: "La F1 è il vertice del motorsport, il sogno di ogni giovane pilota delle serie minori. Siamo molto felici di portare la F1 più vicina ai campioni di domani, dando loro l'opportunità di stare vicino ai campioni di oggi in griglia di partenza. Per la Fia è un'eccellente iniziativa che che fornisce ulteriore supporto ai nostri membri dell'Asn".

Video - Lewis Hamilton, nella testa del 4 volte campione del Mondo

00:51
0
0