Getty Images

Il bel gesto di Jury Chechi: mette all'asta i suoi trofei per salvare la palestra Etruria

Il bel gesto di Jury Chechi: mette all'asta i suoi trofei per salvare la palestra Etruria

Il 22/03/2019 alle 10:47Aggiornato Il 22/03/2019 alle 10:48

Dal nostro partner OAsport.it

Il cuore grande di Jury Chechi. Il Signore degli Anelli metterà all’asta i suoi trofei perché la palestra dove ha iniziato a praticare ginnastica artistica è in grande difficoltà e ha bisogno di un nuovo impianto elettrico. Il Campione Olimpico di Atlanta 1996 ha così deciso di aiutare concretamente la palestra Etruria di Prato e domenica sarà al Museo Pecci di Prato insieme ai suoi trofei per ottenere un importante ricavo economico in modo di permettere alla struttura di rimanere operativa.

La base d’asta dei vari cimeli? Una cifra simbolica: 19,96 euro, per ricordare l’anno del suo trionfo a cinque cerchi. Verranno messi all’asta circa 200 premi tra coppe e medaglie (sono escluse quelle olimpiche e mondiali che ovviamente non sono inserite nel lotto). Grazia Ciarlitto, Presidente dell’Etruria, è intervenuta in merito alla vicenda rilasciando delle dichiarazioni al quotidiano La Nazione:

" Il ricavato sarà tutto destinato alle sistemazioni più urgenti. Abbiamo accolto con grande onore e piacere l’iniziativa di Jury Chechi che resta il simbolo della ginnastica artistica a Prato. Ancora oggi dimostra la sua vicinanza, è un bel segnale per la società e per la città. Domenica sarà lui a parlare al pubblico, farà le foto con quanti vorranno, racconterà le emozioni di quando ha vinto. Si tratta della sua storia sportiva nella quale ha collezionato oltre 200 trofei."

0
0