Eurosport

Rio 2016. Incredibile: il nipote del grande Merckx vince l’oro contro…il Belgio

Incredibile: il nipote del grande Merckx vince l’oro contro…il Belgio

Il 19/08/2016 alle 01:29Aggiornato Il 19/08/2016 alle 01:30

Luca Masso, figlio di Sabrina, primogenita del mitico Eddy, ha vinto l'oro nell'hockey su prato. Giocando però per la Nazionale Argentina, che ha battuto 4-2 il Belgio

Non c’è riuscito l’immenso Eddy, 12° a Tokyo 1964, quando l'oro andò all'italiano Mario Zanin. Non ce l’ha fatta nemmeno il figlio Axel, che si fermò al bronzo di Atene 2004. L’oro alla famiglia Merckx è arrivato grazie al nipote, al figlio di Sabrina, primogenita del “Cannibale” belga, e del tennista Eduardo Masso. Luca Masso, infatti, ha trionfato a Rio 2016 con la squadra di hockey prato. Il problema è che il ventiduenne nipote di Eddy lo ha fatto con la Seleccion albiceleste dell’Argentina. E, beffa delle beffe, in finale proprio con il Belgio, la Nazione d’origine della famiglia Merckx.

Ha iniziato a giocare in Belgio, ma poi ha scelto l’Argentina

Luca, come il nonno, lo zio e il papà, ha subito intrapreso la carriera sportiva, al punto da conquistare ben presto un posto nell'Under 21 belga e la possibilità di giocare nei Ducks Waterloo, squadra titolata in Belgio. Un anno fa, prima di passare alla nazionale maggiore, Luca Masso è stato convocato dal Ct argentino, che gli ha proposto di cambiare passaporto sportivo. Il ragazzo, confrontandosi anche col nonno Eddy, ha così optato per l’Argentina. E ora è stato premiato con l’oro olimpico.

Belgian Eddy Merckx

Belgian Eddy Merckx AFP

Finale pazzesca, sconfitto il Belgio

Il Ct argentino ha dato fiducia al giovane Masso e lo ha schierato nella finale per l'oro contro il Belgio. I Diavoli Rossi sono stati sconfitti per 4-2 dalla fortissima Argentina, in una partita tiratissima. Tra l’altro per la Seleccion questo è il terzo oro a Rio, una cosa che non riusciva alla Nazionale albiceleste da oltre 68 anni nella stessa Olimpiade. E così sarà contento nonno Eddy, il Cannibale, che in carriera ha vinto tutto (5 Tour, 5 Giri, 1 Vuelta, 3 Mondiali, 7 Sanremo, 5 Liegi-Bastogne-Liegi, 3 Parigi-Roubaxi, 2 Giri delle Fiandre, 2 Giri di Lombardia, 3 Freccia-Vallone, 2 Amstel Gold Race, 3 Gand-Wevelgem), ma che non riuscì mai a togliersi la gioia olimpica. Buon sangue non mente.

Video - Froome: "L'atmosfera che c'è qui è sempre bellissima"

01:09

***

0
0