Eurosport

Longines Hong Kong Vase 2019, “gloria” per Glory Vase

Longines Hong Kong Vase 2019, “gloria” per Glory Vase

Il 08/12/2019 alle 16:42

Un nome, una garanzia: Glory Vase ha vinto la Longines Hong Kong Vase 2019 allo Sha Tin Racecourse di Hong Kong.

È la giornata delle prestigiose Longines Hong Kong International Races: allo Sha Tin Racecourse va in scena uno dei pomeriggio più importanti dell’ippica mondiale.

La prima delle quattro International Races sponsorizzate da Longines è stata la Hong Kong Vase, gruppo 1 sui 2400 metri con un montepremi di 20 milioni di dollari di Hong Kong (circa 2 milioni e 300 mila €).

Potrebbe sembrare uno scherzo, ma a vincere la gara è stato Glory Vase: come dire, un nome una garanzia. Il cavallo, cavalcato da Joao Moreira, viene dal Giappone ed è allenato da Tomohito Ozeki, che ha centrato la sua prima vittoria a Hong Kong.

“Sono sopraffatto dalla felicità” ha detto Ozeki, “Moreira ha fatto un gran lavoro. Prima della gara sentivamo che avevamo buone possibilità. Il nostro piano era di fare questa gara fin dall’inizio. Anche il proprietario di Glory Vase era contento di partecipare. Vincere una gara del genere è il massimo che un allenatore come me possa raggiungere.”

Sono giapponesi tre dei primi quattro classificati. Oltre a Glory Vase, c’erano in pista Lucky Lilac con Christophe Soumillon, che sono arrivati secondi, mentre la femmina Deirdre con Oisin Murphy ha tagliato il traguardo al quarto posto. Il terzo posto è andato al campione di casa, nonché vincitore della gara lo scorso anno Exultant, che con Zac Purton non è riuscito a replicare il successo del 2018.

Entusiasta anche Moreira, che con la Longines Hong Kong Vase 2019 ha centrato la sua quinta vittoria alle Longines Hong Kong International Races. “Ha corso in maniera incredibile” ha detto dopo la gara, “mi sto facendo prendere dall’emozione ma questo è quello che facciamo, vincere grandi gare e oggi ne abbiamo conquistata un’altra. Tornare e vincere con un cavallo giapponese mi fa pensare che ne sia valsa la pena.”